Indice Autori

A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Vittorio Sartarelli - Libri e Antologie

CARA TRAPANI

Peppe Giuffrè Editore

Narrativa e Saggistica

192 pagine, € 15

 

Recensione

Presentata in Viterbo – Villa Lante Della Rovere – 2 Maggio 2009 nel corso della manifestazione di premiazione del Concorso Letterario Nazionale “SCRIBERE, LEGERE, LOQUI” organizzato dall’Associazione Arte e Letteratura Accademia Francesco Petrarca.

Lo scrittore è stato premiato con l’assegnazione esclusiva di una Targa con la seguente motivazione: “verismo italiano in meridionale ispirazione”


A cura di Pasqualina Genovese D’Orazio – saggista iscritta all’Albo al n. 1602 dell’anno 1974


“Cara Trapani…” è una nuova opera di Vittorio Sartarelli, che ho “sviscerato” con sentito piacere.

L’autore trapanese ha al suo attivo una corposa ed esemplare produzione letteraria, che si divide tra emozionanti esperienze di vita, bagnate da romantici ritagli personali ed estrosa tendenza ad un filone letterario cosiddetto “naturalistico”.

Il principio “verista” si accoppia, “sempre”, al dialogo di questo narratore con una squisita arte nel rappresentare luoghi, personaggi ed emozioni, a volte con tratti forti e scolpiti, a volte, con un’estrema delicatezza che sfiora la poesia.

Con visione obiettiva la rappresentazione letteraria del testo in questione si fregia di attestazioni umane, che conferiscono all’esposizione l’impronta del reale.

Lo scrittore riesce, impeccabilmente, in questo romanzo dedicato ai suoi genitori, sia ad indossare i panni di ogni personaggio, sia a restare assolutamente invisibile. La somma degli addendi offre un prodotto eccellente, che posiziona l’autore tra i migliori scrittori odierni.

Egli con lode si cala nella vicenda, nel linguaggio, nella cultura millenaria della città natia dove tuttora risiede.

Trapani, credo che debba molto a questa sua creatura che l’ama come si può amare una mamma, custodendo di lei il volto intatto del tempo, addobbandola con visioni sentimentali e addormentandosi tra le sue braccia coralline, nel profumo di tonnara, rimembrando l’amore giovanile.

PASQUALINA GENOVESE D’ORAZIO

Viterbo, lì 2 Maggio 2009.-

 

Modalità di acquisto: Chi volesse acquistare il libro si deve rivolgere direttamente all'autore.

I RACCONTI DEL CUORE

Montedit Editrice

67 pagine, € 7

 

Recensione

A cura di PASQUALINA GENOVESE D’ORAZIO

Critico artistico-letterario


In forma squisitamente elegante nasce questa ultima opera rimembrativi di Vittorio Sartarelli, in cui l’autore registra sapientemente e con granitico sguardo, quel microcosmo affettivo e non, in cui è protagonista in prima persona; con la propria concezione di vita, vista allo specchio, focalizzata in logica fisiologica.

Testo assai invitante ed apprezzabile, collocabile nell’asteroide dei retti racconti italiani, scritto con sintassi e lessico adeguati, che seguono fedelmente il disegno della narrazione.

Lo scrittore va a ritroso nel tempo, con visione chiara e precisa, esclusivamente soggettiva, non da vescicante calligrafo, in simbiosi con i pensieri, le meditazioni, i ragionamenti. Il portavoce dei tempi, dei sentimenti, nell’epitome è sempre l’autore che, con parole cariche di naturalezza, sottovoce sembra dire appartengo ai “Grandi Padri della Letteratura Siciliana”.

Tavole di estrema rarità narrativa, ricche di nitide immagini, simboleggianti un’età felice ed incorrotta, ove c’è un costante invito alla comprensione fra tutti gli uomini, alla tolleranza, alla Fede nella vita.

Da plauso l’esperienza morale e artistica del letterato, impegnato nella scissione della tangibilità del giorno d’oggi, e nello studio del passato ancora molto attuale.


Pasqualina Genovese D’Orazio

Viterbo, lì 18 Ottobre 2008

RECENSIONE

A cura di BARBARA BRACCI

(poetessa e critico letterario)


I Racconti del Cuore, di Vittorio Sartarelli, è un emozionante viaggio nel ricordo dell’autore, che prende forma, pagina dopo pagina, in cinque racconti carichi di nostalgia e amore per le proprie origini, amore che affonda le sue radici nell’identità familiare, e nella storia dei popoli. Un viaggio in bici,il aliscafo, in automobile, per perdersi nei ricordi di un bambino e poi di un uomo, testimone lucido e profondo del cambiamento dei tempi e insieme custode del proprio prezioso passato.

Il lettore diventa così turista dell’anima, fino quasi all’immedesimazione, grazie alle descrizioni minuziose e leggiadre di luoghi e persone, avvalorate da notizie storiche e biografiche. Nel corso del viaggio,m le tinte forti delle memorie giovanili si stemperano in un acquerello venato da malinconia e nonostante questo, illuminato dalla luce della consapevolezza, della fede, di una presenza sulla terra che figli e nipoti contribuiranno a prolungare, e la penna ad eternare.

Uno stile analitico ma insieme asciutto, toccante nella sua compostezza, tale da non scadere mai nel sentimentalismo e proprio per questo apprezzabile anche dai lettori più giovani. Una storia lunga una vita che si legge in un soffio.

Barbara Bracci

Perugia, lì 8 Giugno 2010 –

 

Modalità di acquisto: Chi volesse acquistare il libro si deve rivolgere direttamente all'autore.

LA FAMIGLIA OGGI

Genitori, Figli e Società

Saggistica

casa Editrice Leonida

30 pagine, € 4

 

PRESENTAZIONE

La Famiglia, quella vera, quella sacra, quella unica, fondata sui cardini essenziali costituiti dai genitori, deve prendere in manole redini della vita dei propri figli. Educarli con passione e rigore, reintroducendo i valori attualmente mancanti e scarsamente attenzionati; in pratica deve fare la sua parte, assumendosi la responsabilità di creare la società di domani.”

In questo saggio, Vittorio Sartarelli offre al lettore un’attenta e dettagliata analisi della società odierna. Pur presentandosi all’apparenza come un saggio pessimistico, che non lascia possibilità di soluzioni positive per il futuro, l’autore non ha fatto altro che mettere a nudo le vere problematiche del mondo in cui si vive.

Una Società priva di valori, in cui la famiglia, istituzione per eccellenza, “nucleo centrale della società”, ha subito una trasformazione negativa as ha indotto i genitori a perdere la propria autorità ed il proprio ruolo nell’educazione dei figli.

Sartarelli offre una storia della trasformazione ed evoluzione della famiglia, istituzione che presenta notevoli differenze rispetto al passato. Passa velocemente in rassegna i vari cambiamenti che la famiglia ha avuto nel corso dei secoli da quella greca che aveva lo scopo di “ perpetuare la stirpe, di conservare riti e tradizioni familiari”, a quella patriarcale contadina “sulla quale si fondava l’economia agricola del paese”, a quella operaia che cercava di crescere ed avere una funzione sociale, a quella borghese, che risentendo del processo sociale ed economico del pasese, ha portato ad un rapido declino di questa istituzione.

La causa principale del disfacimento della famiglia è stata, per Sartarelli, l’americanizzazione che ha portato i genitori ad essere incapaci di gestire e governare i propri figli. I giovani, ormai “una generazione senza bussola”, sono vittime di una società in crisi, o meglio ancora “ malata, e di questa malattia, purtroppo si conoscono solo i sintomi nefasti”

E nessuno né la famiglia “dove alberga il germe della vita che i genitori daranno ai loro figli che dovranno crescere ed educare”, né la Scuola che non riesce a svolgere la sua funzione educativa, né le istituzioni politiche, riescono a trovare un rimedio. Ecco il fine che l’autore si propone: sensibilizzare la famiglia, la Scuola, i giovani e le varie istituzioni a considerare la gravità del problema che affligge la società odierna, la quale necessita di costante attenzione ed impegno.

Forse, maggiore severità, rigore e attenzione non permetterebbero di vivere in una società migliore? L’autore , convinto che non vi siano facili e immediate soluzioni, invita però a non demordere come si evince quando afferma che “ è fin troppo evidente che l’intera società attuale è attraversata da una profonda crisi di valori fondanti e fondamentali, nel caos, apparentemente ordinato, in cui oggi viviamo dove sono poche le cose certe che valgono ancora e che funzionano, dove la litigiosità politica e la lotta per il potere, non permettono l’attuazione di riforme necessarie, progetti validi e promulgazione di leggi e provvedimenti veramente utili e necessari alla collettività, è necessaria una svolta epocale, forte e decisa che crei un’inversione di tendenza all’attuale declino di valori e di principi”.

TIZIANA ZAMPAGLIONE

Reggio Calabria, lì Gennaio 2009

 

Modalità di acquisto: Chi volesse acquistare il libro si deve rivolgere direttamente all'autore.

MEMORIE DI UN BANCARIO

Montedit Editrice

63 pagine, € 7

 

PRESENTAZIONE

Il libro è una silloge di tre racconti che si riferiscono a periodi particolari della carriera bancaria dell’autore, molto tormentati e difficili, che lo hanno segnato in maniera indelebile. Si tratta di narrativa autobiografica attinente ad esperienze di vita vissute personalmente, con contenuti di assoluta veridicità, senza le contaminazioni o miscellanee aggiunte di fantasia e di puro estro inventivo. La narrazione è trasposta in terza persona e il protagonista ha un nome diverso da quello dell’autore per una sorta di pudore e riservatezza della privacy, considerata la sua natura schiva e contraria a qualsiasi forma di pubblicità o megalomania per le proprie vicende personali.

In pratica si tratta della cronistoria di una parte della carriera bancaria caratterizzata da episodi delinquenziali connaturati con altrettante rapine subite e, in seguito, del racconto circostanziato di uno squallido episodio di truffa, perpetrato a danno dell’Istituto Bancario da parte di un suo dipendente sciagurato, nel quale il Direttore Generale aveva riposto la sua fiducia che, in modo fraudolento aveva sputato nel piatto dove la stessa Banca gli aveva serviti i pasti.

L’autore viene incaricato ufficialmente proprio dal Direttore, nativo dell’Isola di Favignana, di adoperarsi per ripristinare il prestigio dell’Agenzia della Banca nell’Isola e di tranquillizzare l’opinione pubblica locale e della clientela, riportando alla normalità la situazione di timore e di perplessità psicologica che si era instaurata nell’immaginario collettivo, per lo spiacevole episodio fraudolento.

Di qui, la permanenza in loco dell’autore per ben tre anni, durante i quali le sue esperienze di vita e di lavoro furono tra le più difficili e complicate, alla fine, se tutto si risolse positivamente, il merito andava alla capacità e professionalità dell’autore come preposto di quella dipendenza della sua banca, alla sua perspicacia psicologica e ai sacrifici dallo stesso sopportati stoicamente per la riuscita dell’operazione prefissata.

Il tutto viene sapientemente e quasi in modo spontaneo ad intrecciarsi con la quotidianità della vita e della professione.

La cultura, la storia,la geografia, la meteorologia, l’etnologia e la sociologia e, infine, la sceneggiatura, sono fattori legati al luogo e all’ambiente nel quale l’intera vicenda si dispiega, con episodi sorprendenti i quali mostrano aspetti anche drammatici che, a volte, sfiorano tragiche conclusioni. Il libro termina con il racconto dell’ultimo periodo della vita bancaria dell’autore, anche questo excursus molto travagliato e deludente per quanto riguarda la sua carriera e che preludo al suo pensionamento coinciderà, poi, con la scomparsa della “sua” Banca dal palcoscenico economico e finanziario della sua Città e della Sicilia Occidentale. L’istituto, infatti, fagocitato anch’esso dall’insaziabile sete di potere e di conquista dei grossi Istituti di Credito del Nord d’Italia sarà incorporato da uno di essi che lo farà diventare una delle sue “dependance” bancarie ormai disseminate lungo tutto lo stivale. Fine di un sogno e tante illusioni!


RECENSIONE

a cura di Libri e Recensioni.com –

Su INTERNET

Questo breve libro di Vittorio Sartarelli non è solo una raccolta di episodi tratti dal diario del protagonista, il bancario in pensione Mauro, ma qualcosa di molto diverso. E’ un’analisi sulla storia di una Banca locale, nata con i piccoli investimenti dei primi soci e degli stessi dipendenti anch’essi soci e poi assorbita da un grosso gruppo bancario, è una riflessione sui giochi di potere che influenzano, nel bene ma, soprattutto nel male, la vita di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, rientrano nell’orbita degli eventi, è una fonte di informazioni(storiche, geologiche. Culturali, ecc.) relative ai luoghi in cui la storia si svolge.

Quel che fa da sfondo a tutto ciò è proprio la vita di Mauro che, ormai pensionato, ripercorre alcuni dei momenti di maggior rilievo del proprio passato, quelli che ne hanno segnato di più l’esistenza e che, in qualchemodo, ne hanno cambiato la vita.

Dalle rapine ai frequenti cambi di sede, dai mancati riconoscimenti sul lavoro alle traversate da e per le isole Egadi, dall’ostilità di alcuni colleghi all’impegno profuso nel lavoro, quel che traspare dalle pagine di questo romanzo è il ritratto di un uomoche, nonostante la correttezza, l’onestà e l’attaccamento al lavoro dimostrato nel corso degli anni, si vede infine vittima di un sistema che protegge e incentiva solo i raccomandati.

Tra una passeggiata al mercato ittico per due chiacchiere con i pescatori e l’analisi delle operazioni bancarie, il romanzo volge al termine, grazie anche alla scrittura scorrevole e ad una trama che, toccando vari argomenti, rende il romanzo interessante sotto diversi punti di vista.

(M.G.)

 

Modalità di acquisto: Chi volesse acquistare il libro si deve rivolgere direttamente all'autore.

I RACCONTI NEL CASSETTO

Nicola Calabria Editore

48 pagine, € 7

 

Presentazione

Di Nicola Calabria

In questo libro Vittorio Sartarelli, scritto con eleganza letteraria, oltre a degli spunti biografici presenti nel primo racconto, si colgono l’umanità e l’umiltà dei personaggi descritti con dovizia di particolari.

Il primo racconto è contestualizzato in un periodo storico ricco di avvenimenti storici rilevanti non solo per la storia dell’Italia ma anche e soprattutto della nostra Sicilia.

La mitica “Targa Florio” era attesa da tanti siciliani appassionati e incuriositi per questo nuovo mezzo di locomozione che da lì a qualche decennio avrebbe stravolto la vita dell’uomo. Sartarelli ci narra la storia di un uomo che con caparbietà e soprattutto con sacrifici, come diremmo noi proveniente dalla classica “gavetta” che purtroppo molti giovani d’oggi non intendono più fare, riesce nei suoi obiettivi.

Questo racconto al di là degli aspetti storici, autobiografici, credo che come anche il secondo racconto, ha carattere didattico, educativo.

Ritengo che ciò che vada evidenziato in questi due testi sono proprio l’aspetto educativo, didattico, che permettono al lettore attento d’imparare il significato di tanti gesti che sembrano superflui che spesso sono essenziali nella nostra esistenza come l’umiltà e la solidarietà.

Il primo racconto è dedicato al padre dell’autore, pilota e costruttore di auto sport negli anni ’50 con la cronistoria della sua attività agonistica, portata avanti per sette anni, con una macchina di sua costruzione.

Il secondo narra le vicende delle prime esperienze bancarie dell’autore che grazie alla sua capacità e alle sue doti caratteriali riesce a ricavarsi un posto di rilievo nel suo Istituto, diventando gradatamente e responsabilmente un Direttore di Filiale della sua Banca.

Nicola Calabria

Patti(ME) lì Novembre 2007

 

Modalità di acquisto: Chi volesse acquistare il libro si deve rivolgere direttamente all'autore.

Una vita difficile

Albatros Editore

60 pagine, €10

 

Presentazione

L’autore, in questa sua ultima “ fatica” letteraria, non finisce di sorprenderci piacevolmente con delle storie toccanti e piene di sentimento che, nella loro particolaritĂ  ambientale, possono essere considerate storie comuni e semplici come possono essere tante altre, ma quello che incanta e appassiona e, soprattutto, l’autenticitĂ  dei fatti narrati che sono pieni di immagini, sensazioni e sentimenti veri, ricchi di significati etici e umani che per la loro universalitĂ  sono necessariamente condivisibili.

La prosa di Sartarelli è sempre piacevole e schietta, priva di fronzoli o di orpelli eruditi, perchĂ© per raccontare una storia non è necessario fare sfoggio di cultura e di erudizione, basta attenersi all’intima realtĂ  dei fatti e cercare di farli rivivere in colui che legge con la stessa intensitĂ  espressiva con la quale all’origine si sono manifestati.

Tutta la narrazione è autentica, tipica e marcatamente sicula, non vi sono forzature di sorta o situazioni improbabili o romanzate. Questa caratteristica degli scritti di Sartarelli è costante e sempre presente nei suoi lavori.

Nicola Tortorici.

 

Modalità di acquisto: Chi volesse acquistare il libro si deve rivolgere direttamente all'autore.

Vi segnaliamo qui di seguito diverse Antologie che raggruppano nel loro contesto le opere dei migliori scrittori nazionali contemporanei ed in tutte queste Antologie sono contenuti racconti dell’Autore

VITTORIO SARTARELLI



DONNA…. MISTERO, ARTE

Edita dal Centro Culturale Studi Storici “IL SAGGIO” di Eboli

IL CONVIVIO 2012 – Antologia dei Premi -

IL CONVIVIO 2013 “ “

Edite dall’Accademia Internazionale Il Convivio

Castiglione di Sicilia(CT)

SULLE ORME DI ARISTOTELE – RASSEGNA DEGLI SCRITTORI CONTEMPORANEI – Edita dalla International Vesuvian Academy

Marigliano (NA)

PREMIO INTERNAZIONALE SAN GERARDO MAIELLA edito dall’Associazione MURESE “San Gerardo Maiella”

18° PREMIO LETTERARIO INTERNAZIONALE “TROFEO PENNA D’AUTORE”

Edito da Edizioni Penna d’Autore – Torino

MEMORACCONTI – storie da ricordare- edita da Edizioni Memori- Roma

STORIE DI SICILIA “ORO E ARGENTO”- Piccola Enciclopedia di Autori Contemporanei – edita da Edizioni Akkuaria- Catania

“LA CASA ROSSA” Antologia di Racconti edita da Senso Inverso Edizioni-Ravenna

OPERA PRIMA – Antologia del Premio Letterario Nazionale “Una Piccola Poesia” edita da Print ME S.r.l. Taranto

IL CALDO BUONO . Antologia di racconti edita da Aljon Editrice

NEL SILENZIO DELLE ANIME – Rassegna Antologica- Percorsi Artistici e Letterari dei Contemporanei- edita da International Vesuvian Academy

Marigliano(NA)

STORIE DI CARTA – “EMOZIONI IN BIANCO E NERO” –

Casa Editrice DEL POGGIO –

“LINEA VERDE” Raccolta delle opere letterarie del XVII Premio Mario Dell’Arco – edita dall’Accademia BELLI - Roma


Visitatori: 1138

© 1999-2017 OZoz.it