Indice Autori

A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Claudio Arzani - Incipit

E' severamente proibito servirsi della toilette durante le fermate in stazione (canti di lotta, di esistenza, di resistenza)

Casa Editrice Vicolo del Pavone, coop. S.r.l., Piacenza

54 pagine, 4 sezioni (‚ÄúTanto per inquadrare, Parentesi amorose, Il sociale, Peace & love‚ÄĚ), 24 poesie, ‚ā¨ 12,00

ISBN 88-7503-040-5

 

INCIPIT

... [pagg. 3/4] ...

L'assalto al cielo -

Prefazione di Ivano Tagliaferri, studioso di storia del movimento operaio ed antifascista

... Devo confessare che di poesia ne capisco poco ma una mi è piaciuta subito.

Narra delle donne di Mortizza.

Mortizza è un luogo legato alla mia storia personale ed affettiva, lì è nato e cresciuto mio padre ed io ci sono stato concepito e a tutt'oggi ho ancora dei legami di parentela.

La gente di Mortizza è un po' particolare, come lo sono tutte le popolazioni che vivono nei luoghi a stretto contatto con il "grande Fiume", posti dove nelle stagioni fredde la nebbia non mancava mai e d'estate il sole "spaccava le zucche".

Le donne di Mortizza, parlo delle più anziane, custodi di un'epoca da poco trascorsa ma giù così lontana, sono proprio come Claudio le tratteggia. .........

... [pagg. 5/6] ...

Ironico, irriverente, libertario

Prefazione di Fausto Chiesa, cultore di storia locale e letteratura

... momenti di ironia, di dissacralità fino all'irriverenza, verso un ordine precostituito al quale il suo spirito di libertario, alla Gregory Corso, vuole a tutti i costi imitarsi.

Fino alla incontenibile rabbia per la guerra, alla quale unisce l'alta spiritualità delle parole di "Muriel della polvere".

...

Sembrerà in alcuni istanti anarcoide, un po' urticante, scontroso ma alla fine capace di inviarci un messaggio di fiducia seppure generato dalle miserie umane.

E concludendo queste righe, vorrei esortarlo metaforicamente come ha fatto Woody Allen in un suo famoso film, "provaci ancora Claudio".

...

 

Modalità di acquisto: in libreria nel piacentino, libreria Cardano a Pavia, mediante richiesta alla Casa editrice (info@vicolodelpavone.it, www.vicolodelpavone.it, pagamento a mezzo c.c.p. 10638294 spese spedizione incluse) ovvero tramite libreria intermediaria richiedente.

Eroina di Stato e tutela della salute (con appendice: la diffusione di droga nel piacentino)

Nazionale Editrice, Piacenza, 1982

128 pagine, € 10,00

 

... [pag. 73] ...
4.1.1 -

Art. 32 1° comma della Costituzione: il diritto alla salute
La tutela della salute quale diritto collettivo ed individuale ha seguito un iter estremamente travagliato stanti le diverse ideologie politiche maggioritarie nel paese. L'elemento centrale è naturalmente la configurazione politica del rapporto tra Stato e cittadino che emerge nei vari periodi. Così lo Stato liberale si mostra sostanzialmente indifferente al problema, nella misura in cui non sussiste una diretta connessione con l'ordine pubblico; nello Stato fascista, invece, la tutela della salute viene subordinata ad una concezione autoritaria e produttivistica dello Stato, l'individuo malato è un essere che non produce, che è (o può diventare) pericoloso per gli altri da un punto di vista medico ma soprattutto sociale; nello Stato democratico, invece, si afferma una concezione di Stato personalistica e partecipativa da cui deriva un concetto di salute quale presupposto fondamentale dello sviluppo dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità.
.........

 

... [pag. 97] ...
A.1

Dimensioni del fenomeno nel piacentino
Tentando un pur generico ritratto del giovane consumatore piacentino, dall'analisi dei dati riferiti agli assistiti nella struttura pubblica desumiamo: appartiene alle classi medio-basse della società (sottoproletariato, proletariato industriale, ceto impiegatizio di basso livello), è cresciuto in famiglie che, per motivi di lavoro, hanno abbandonato il luogo d'origine ed i conseguenti riferimenti culturali tradizionali (immigrazione dal Sud, dalla campagna, da altre città); generalmente inizia l'assunzione di eroina in condizione lavorativa (il 60%), salvo poi abbandonare o perdere il posto occupato col proseguire e l'aumentare dell'assunzione; per lo più non ha proseguito gli studi oltre le scuole dell'obbligo (sono però rilevati anche molti studenti delle scuole superiori e qualche universitario); ha esperienza di notevole impegno politico alle spalle se ha più di venti anni (se cioè appartiene alla c.d. "prima generazione della droga") ovvero, se ha un 'età inferiore, presenta confuse istanze mistico-anarcoidi rivolte ad un'illusoria e non meglio definita "età di pace".
...

 

Modalità di acquisto: richiesta diretta via mail all'autore.


Visitatori: 2872

© 1999-2017 OZoz.it