Vitacqua (estesa)

Data 15/12/2004 11:03:38 | Argomento: Letture Incrociate - Poesie

dormivo, mi risvegliavo
parlavo, giocavo, guardavo.
Asciutto, tranquillo, arido
respiravo
Ma
Non vivevo!
POI

Vidi Acqua cader dal cielo
che giunta al suolo si riversava
nel rapido fiume
senza fonte e senza foce.
Pioggia di eventi
inzuppava e appesantiva
lo zaino della memoria,
fino ad allora leggero.
L’Acqua mi cadde addosso
in lei mi immersi,
rischiando d’affogare,
morire!

POI

In quel lago indefinito
costretto all’infinito a nuotare
capii
che non in terra, non in mare
dovevo stare.
Al cielo dovevo arrivare.

POI…?


Nuoti o muori,
nuoti e sopravvivi,
ma come si può volare per vivere davvero?



Questa notizia proviene da OzBlogOz
http://www.ozoz.it/ozblogoz

L'indirizzo di questa notizia è:
http://www.ozoz.it/ozblogoz/modules/news/article.php?storyid=1488