logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



RSS Feed
pubblicitànewslettertwittercalendario
(1) 2 3 4 ... 85 »
Letture Incrociate - Racconti : Conversazione in Paradiso
Inviato da lcasc il 28/1/2014 16:51:02 (240 letture)


newsletter




Letture Incrociate - Racconti

Dio in Paradiso si svegliava sempre di buon umore la mattina. Amava rimanere qualche ora in più a poltrire nel suo morbidissimo letto di nuvole mentre gli angeli gli preparavano la colazione. Era tranquillo, perché lo Spirito Santo rimaneva a fare la guardia e non chiudeva occhio, sorvegliando tutto mentre lui si riposava. Gli piaceva farsi servire il caffé a letto da quell’angelo che aveva imparato a farlo a Napoli.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
Leggi tutto... | altri 28577 bytes | 2 commenti
Letture Incrociate - Racconti : È tornata
Inviato da arbogast il 3/9/2013 17:12:39 (311 letture)


newsletter




Letture Incrociate - Racconti

È rientrata quatta quatta dalla porta di servizio, ha attraversato casa in punta di piedi e si è lasciata cadere sul divano. Ti sei voltato e –ahimè- l’hai vista. E pensare che per un attimo, poco tempo fa, hai pensato addirittura di esserti liberato di lei, che avesse fatto i bagagli e fosse fuggita via per sempre. Povero scemo.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
Leggi tutto... | altri 1592 bytes | 1 commento
Letture Incrociate - Racconti : Un uomo di parola
Inviato da Jack88 il 27/5/2013 16:43:31 (512 letture)


newsletter




Letture Incrociate - Racconti

“Infelice ch’io sono,
non so portare il cuore sulle labbra”
W. Shakespeare, Re Lear, Atto I


Carissima Vera,
vorrei tanto avere un foglio tra le mani per scriverti due parole, per condividere con te, amica lontana, questi momenti.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
Leggi tutto... | altri 14534 bytes | Commenti?
Letture Incrociate - Racconti : Tutti hanno fretta!
Inviato da Enzino il 5/3/2013 19:52:37 (556 letture)


newsletter




Letture Incrociate - Racconti

Eppure ho già scritto e pubblicato altre volte in passato! Riscontrando anche raffinate e compiaciute valutazioni incoraggianti. Ma nonostante tutto, tremo al giudizio degli altri. Ogni volta che dei miei pensieri si congiungono a formare una storia, in me un risveglio di ancestrali paure.
È soprattutto per il timore di non saper centrare subito il messaggio, di non attrarre immediatamente l’attenzione del lettore; ma non è colpa mia!
La colpa è vostra, cioè del lettore! È lui che non si ferma concentrato a leggere: lui ha fretta; vuol ridire o piangere o capire subito, senza perder troppo tempo a leggere; qui tutti hanno fretta!
È per questo che scrivo la prima cosa che mi viene in mente? E no mo caro lettore! Io non ci casco, resto me stesso a rischio di diventar anacronistico, come quel pianoforte non accordato che va fuori tempo.
Io non voglio cadere in quel pericoloso vortice, io voglio restar me stesso; pronto a ricever delusioni da tutti ma certo non sarò io ad accorciare le mie storie, i miei pensieri non muteranno con le mode. No, io resterò fedele ai miei principi, mi dispiace per chi sarà costretto a leggermi, non baratterò mai la mia espressività con le attuali tendenze di pensiero.
L’altro giorno notavo un curioso nuovo (e bizzarro secondo me) fenomeno: il giorno che tutti sanno durar 24 ore, è stato riorganizzato: si inizia ad attivarsi già alle 7 del mattino, quindi si procede così fino alle 14, una pausa di 15 minuti per ingoiare un panino (meglio se morbido, si fa prima a masticarlo), si riprende dalle 14:16 – break di 1 minuto, questa è magnanimità – fino alle 20:01, finalmente ci si può rilassare con una cena abbondante di 29 minuti e dalle 20:30 fino alle 22:30 si lavora col telelavoro ma per chi non può per la peculiarità della sua attività, partecipa a corsi on line che il proprio datore mette a disposizione delle sue maestranze.
Ecco l’occasione che mi si presenta: pubblicare un mio racconto qui; non me la lascio sfuggire e subito mi metto alla scrivania.
Ma, con imbarazzante sorpresa da parte mia, ecco che cresce tra le mie mani un racconto un po’ strampalato e folle, ma soprattutto una storia breve, sintetica.
Scusate, ma anch’io ho fretta!




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
Leggi tutto... | 5 commenti
Letture Incrociate - Racconti : Sogni
Inviato da arbogast il 28/12/2012 16:38:55 (643 letture)


newsletter




Letture Incrociate - Racconti

Molti hanno un sogno nel cassetto.
Tu, invece, i sogni li hai ovunque. Li hai nella credenza e nel frigo, li hai nelle pentole posate sulle piastre dei fornelli, incastonati tra i volumi della libreria, sul comodino accanto all’abat-jour. Li hai nella scarpiera tra le superga blu elettrico e gli stivali di cuoio, li hai nell’armadio, appesi tra la giacca di tweed e l’impermeabile grigio, li hai nel lavabo tra le pile di piatti che ti ostini a non lavare.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
Leggi tutto... | altri 9760 bytes | 3 commenti
Letture Incrociate - Racconti : Dov'è il Paradiso?
Inviato da lcasc il 5/6/2012 15:07:23 (915 letture)


newsletter




Letture Incrociate - Racconti

Eravamo cresciuti insieme, compagni inseparabili da sempre. Stessa età, stessi insegnanti, stesse scuole. Abitavamo persino sulla stessa strada, la sua casa accanto alla mia con le terrazze comunicanti, per cui era facile incontrarci lassù, dove passavamo interi pomeriggi a chiacchierare, a studiare e giocare, fino al tramontare del sole. La sua compagnia mi era dolce, come credo fosse la mia per lui. Aveva un modo di comunicare che trovavo simpatico, sempre scherzoso e cordiale, e sapeva ascoltare solidale con attenzione e partecipazione le confidenze dei compagni.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
Leggi tutto... | altri 9064 bytes | 4 commenti
Letture Incrociate - Racconti : Incontri forse
Inviato da arbogast il 26/5/2012 18:00:30 (712 letture)


newsletter




Letture Incrociate - Racconti

Un’unica stanza illuminata nella griglia di finestre quadrate del palazzo di fronte. E’ il suo ufficio, Lui lo sa. Lei è sola e evidentemente ha un sacco di lavoro da sbrigare. Nessun altro a rompere le scatole, un’occasione perfetta. Dalla sua posizione privilegiata può osservare quando Lei smetterà di lavorare. La stanza tornerà buia e Lei scenderà le due rampe di scale e si dirigerà a passo rapido alla fermata dell’autobus.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
Leggi tutto... | altri 9410 bytes | 3 commenti
Letture Incrociate - Racconti : L'astrusa vendetta di chi non ha movente (seconda parte)
Inviato da arbogast il 17/2/2012 18:51:37 (871 letture)


newsletter




Letture Incrociate - Racconti

Paola aprì all’istante bruciando quelli che Franco sperava fossero i suoi ultimi due secondi di libertà. Lo sguardo entusiasta della ragazza gli fece risalire la nausea in gola come il rigurgito di un pasto mal digerito.
“Franco, benvenuto!”
Lo abbracciò e lo baciò sulle guancie, gli strattonò un braccio per portarlo dentro. Franco avvertì con la disperazione di una condanna il clank del portone che si chiudeva.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
Leggi tutto... | altri 16738 bytes | 1 commento
Letture Incrociate - Racconti : L'astrusa vendetta di chi non ha movente (prima parte)
Inviato da arbogast il 30/1/2012 11:03:24 (855 letture)


newsletter




Letture Incrociate - Racconti

La sua voce così sottile che nessuno poteva sentire di cosa stesse parlando. Ma era come se irradiasse segnali destabilizzanti che inconsciamente spingevano chiunque ad abbandonare il locale. Nonostante fosse ancora presto il pub si era improvvisamente svuotato. Con la coda dell’occhio Franco aveva scorto coppie e gruppi di gente alzarsi dai tavoli di legno, rivestirsi nelle leggere giacche primaverili e dirigersi verso le uscite. Beati loro.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
Leggi tutto... | altri 15662 bytes | 1 commento
Letture Incrociate - Racconti : Africa arrivo
Inviato da alesce il 2/1/2012 20:00:59 (946 letture)


newsletter




Letture Incrociate - Racconti

E' una data storica, 26 Aprile 1975, sei del mattino, Mimmo e io atterriamo all'aeroporto di Kano in Nigeria. Siamo in Africa, non mi sembra vero! A proposito, Mimmo è il contadino che seguirà l'attività dell'azienda agricola sperimentale che ho il compito di creare a Baga (che come tutti sanno è una famosa stazione balneare sul lago Chad). E' un ragazzo simpatico, piccolo, robusto, occhi azzurri, viene da Agrigento non parla una parola d'inglese e si esprime in un italiano inframmezzato da espressioni dialettali che rendono il suo eloquio divertente e colorito anche se talvolta criptico (per evitarvi di cercare sul dizionario, sappiate che: "dicesi linguaggio criptico un eloquio ermetico contenente termini di uso non comune e di comprensione difficile od oscura"; insomma dalle mie parti si direbbe che non si capisce un "belin").




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
Leggi tutto... | altri 27972 bytes | 2 commenti
(1) 2 3 4 ... 85 »
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti51994
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 7 utente(i) online (1 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 7

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 5
Ieri: 25
Totale: 5164
Ultimi: moreno

Utenti Online:
Ospiti : 7
Membri : 0
Totale: 7
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2014 OZoz.it - P.I. 02878050737