logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



Pagina « 1 2 3 (4) 5 »
Letture Incrociate - Racconti : Nella mente di Sabina
Inviato da vexia il 28/6/2004 17:43:33 (3058 letture) Notizie dallo stesso autore


newsletter
Letture Incrociate - Racconti


L’azienda non era poi così diversa senza di lei.
Era passata davanti alla sua porta, prima, dove c’era ancora la targhetta argentata con l’odioso “L. Siriani”.
Era contenta che fosse morta, ma sinceramente aveva anche un po’ paura di quello che era successo.
Nessuno sapeva chi l’avesse uccisa, e come aveva detto Pietro, al funerale c’era sicuramente anche l’assassino.
Poi gli era apparso sollevato, quando gli aveva detto di essere lei.
L’aveva baciata, ma poi le aveva chiesto se avesse intenzione di costituirsi.
Sabina non ci aveva affatto pensato, e l’idea ora la faceva sorridere.
Davanti al distributore automatico vedeva il viavai di facce note e cercava di capire chi oltre a lei volesse vedere Lorena accasciata a terra, senza vita, così come Gianni l’aveva trovata quattro giorni prima, ma le sembrava palese che fosse lei quella che la odiava di più.
Aveva scrutato a lungo i volti delle persone, ma non trapelava nulla, se non diffidenza e ansia.
Chissà se stavano pensando a lei.
Centoventicinque persone pensavano a lei e la temevano...
Tutto questo le aveva dato un senso di vertigine: si sentiva estremamente potente, pur non avendo fatto nulla per diventarlo. Lorena era eliminata, Pietro era di nuovo suo, Chiara dormiva nella sua pancia- ne era sicura, era una femmina.
Chi era che le voleva così bene e le aveva fatto un regalo così grande?
Aveva guardato ancora monetine entrare nel distributore e mani che ritiravano bicchierini di plastica.
Poi era arrivato Pietro, che non si aspettava di vedere, perché era in ferie dal giorno prima.
Le aveva detto “volevo vedere come stai” e poi “non so se ti rendi conto di ciò che hai fatto”.
Aveva insistito di nuovo perché confessasse, ma in un tono troppo alto, e Sabina gli aveva risposto di parlare a bassa voce, perché orecchie curiose non afferrassero quello che aspettavano.
Poi, sul tavolinetto dei giornali, lo vide.
Era una colonnina laterale a pagina 10, di un quotidiano rimasto aperto e divorato quel giorno da almeno duecento occhi prima dei suoi.
Lo lesse.
Lorena Siriani, 26 anni, uccisa nel suo ufficio, nessun indizio illuminante, per ora... era incinta di due mesi.
Stavolta la fitta non l’aveva sentita nemmeno, non aveva fatto in tempo.
Il suo corpo aveva realizzato ciò che era successo prima della sua mente, che ancora si rifiutava di capire.
Era corsa in bagno a vomitare, aveva appena fatto in tempo a chiudersi la porta dietro le spalle.
Aveva urlato di dolore.
Aveva voluto chiudersi per sempre in quel bagno e morire dalla disperazione.
Ma aveva aperto la porta.
E quando aveva visto Pietro davanti alla porta, gli aveva stretto le mani attorno al collo, ma non aveva abbastanza forza da strangolarlo, anche se avrebbe voluto. Non era capace di uccidere nessuno.
Lui l’aveva fermata, spingendola contro il muro.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
Pagina « 1 2 3 (4) 5 »
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
mosaiko
Inviato: 28/6/2004 19:41  Aggiornato: 28/6/2004 19:41
Just popping in
Iscritto: 26/6/2004
Da:
Inviati: 28
 Re: Nella mente di Sabina
Cosa dire, vexia. Un buon giallo, basato sul classico scambio. Neanche troppo scontato, per la verità. La cosa che più mi ha colpito è la tua abilità nel descrivere le emozioni, i pensieri e le fantasie di questa donna, che è così legata al marito da indulgere a fantasie omicide, che la rendono un personaggio affascinante e ambiguo, nè innocente, nè colpevole. Anche la parte descrittiva è buona, riesci a rendere con poche parole l'atmosfera dell'ambiente di lavoro in maniera efficace. Forse, però, dovresti curare meglio la parte centrale, in cui si pensa sia stata lei a uccidere. So che è volutamente ambigua, ma rischia di confondere il lettore, che si sente spaesato (cacchio, un assassino d'accordo, ma due?!? ), o almeno così è successo a me, che notoriamente non abbondo di neuroni

Per il resto un buon mini-giallo. A presto
mosaiko
Inviato: 28/6/2004 19:43  Aggiornato: 28/6/2004 19:43
Just popping in
Iscritto: 26/6/2004
Da:
Inviati: 28
 Re: Nella mente di Sabina
cacchio ho detto due volte fantasie! vabbè ho capito come scrittore faccio skifo
daniel
Inviato: 29/6/2004 13:49  Aggiornato: 29/6/2004 13:49
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 28/6/2004
Da:
Inviati: 779
 Re: Nella mente di Sabina
ciao Vexia, ho letto un paio di volte il tuo racconto. La prima non mi ha convinto molto, la seconda molto di più. Secondo me c'è qualche piccola forzatura, specialmente nella parte finale, quando Pietro confessa di essere l'assassino. Il fatto che si passa all'improvviso dall'accusa all'ammissione di Pietro mi ha lasciato..un po' così. Per il resto è molto piacevole, i personaggi ben descritti, sia Sabina, nevrotica innamorata, che Pietro, uomo debole e di poco carattere, che non ha altra soluzione che non l'omicidio.Brava davvero!
Ciao e Buon proseguimento
Shoen
Inviato: 29/6/2004 15:19  Aggiornato: 29/6/2004 15:19
La principessa dei Saiyan
Iscritto: 2/11/2003
Da: Prateria australiana
Inviati: 3529
 Re: Nella mente di Sabina
Che dire... Ben scritto, stile molto femminile... Forse eccessivamente sintonizzato su Sabina, particolare che a volte toglie il gusto di "scoprire" il personaggio a poco a poco. E' uno di quei racconti che va letto due volte, dopo la rivelazione finale, perchè si colgono tutti quei particolari che, a una prima lettura, vengono bollati come imprecisioni o frasi vaghe. Forse un pò troppo beautifuleggiante, con tutti questi tradimenti, gelosie, vendette amorose.
vexia
Inviato: 1/7/2004 18:04  Aggiornato: 1/7/2004 18:04
Home away from home
Iscritto: 26/1/2004
Da: Spello
Inviati: 873
 Re: Nella mente di Sabina
innanzitutto grazie per i commenti, non vedevo l'ora di sapere cosa ne pensavate, visto che sono quasi sei mesi che l'ho scritto e ha atteso tanto prima di un giudizio!
vi ringrazio!
non potevo sviluppare di più la parte centrale perchè avevo un massimo di pagine da rispettare e ci sono andata giusta giusta!
shoen, non pensavo che fosse beautifuleggiante, ma ora che mi ci fai pensare...
però volevo incentrarlo sulla gelosia, e il tema è quello "da soap"!
sono contenta che vi sia piaciuto, in generale, perchè per questo racconto ho grandi progetti!
Autie76
Inviato: 2/7/2004 12:46  Aggiornato: 2/7/2004 12:46
L'iscritto più vecchio di OZoz
Iscritto: 18/8/2003
Da: Far West
Inviati: 600
 Re: Nella mente di Sabina
Ciao vexia,
il testo è scorrevole e la trama certamente non scontata.
Però il tuo racconto mi lascia un pò perplesso: forse, come è già stato fatto notare, trascuri un po' troppo la figura del marito, che alla fine risulta però determinante.
Il finale, a mio parere giunge inaspettato: se da una parte questo è un gran pregio, dall'altra potrebbe lasciare il lettore si sorpreso ma un poco confuso. Forse potrebbe essere utile lasciar trasparire qualche indizio lungo il racconto.
Qui so di non esserti molto d'aiuto, visto che non propongo alternative, ma ritengo da rivedere i dialoghi, in alcuni punti mi sembrano un pò artificiosi, si vede la tua mano dietro.
Tutto sommato il racconto è buono e ci sono spunti interessanti, rivedendone alcune parti potrebbe diventare ottimo.
A presto.
riana
Inviato: 2/7/2004 15:00  Aggiornato: 2/7/2004 15:00
Just can't stay away
Iscritto: 26/1/2004
Da:
Inviati: 491
 Re: Nella mente di Sabina
Scritto in maniera semplice ma un pò confusionario all'inizio: non capisco bene se lei è incinta del marito, chi è Lorena...Azioni e pensieri un pò troppo rapidi...Poi, bruscamente, la scena del funerale... certo descrivere un omicidio è una palla... O sono io che i gialli non li capisco del tutto e non avrei neanche indovinato il finale, complimenti per quello!
Ciao Riana
solaris
Inviato: 4/7/2004 22:02  Aggiornato: 4/7/2004 22:02
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 4/4/2004
Da: Alcadia
Inviati: 2416
 Re: Nella mente di Sabina
bella vexia.
Il tuo mi è parso un lavoro di buon artigianato letterario, funziona.

Forse il capovolgimento finale perde un po', perchè non si comprende come 'sta Lorena possa venir fatta fuori in un ufficio co tutta la gente che c'è. e poi com'è stata ammazzata?
E per di più da uno che lì non lavora..Ci starei attento..Non per niente le morbosità della protagonista richiede una forte caratterizzazione psicologica nel tuo giallo e il fatto che la scena, l'azione, il gesto del delitto siano passati in censura, omessi, o passati in sottovoce se preferisci..crea un vuoto su cui tornerei a lavorare.
un altro particolare da giallista..
Quando ripete il personaggio "pensa che tra di noi c'è l'assassino". No, quella non va proprio, secondo me. Mi è suonata male perchè aldilà del fatto che chi la pronuncia SA.. la riflessione è poco calzante. Perchè dovrebbe essere così? Perchè uno non dovrebbe rispondere "chi? E perchè credi sia uno di tutti noi?". dio non so se mi spiego..la simonetta cesaroni uccisa (con numero xx di coltellate) in ufficio..tuttora non si sa chi sia mai stato..insegna lucarelli..ma ufficio vuoto d'estate a roma..la realtà supera la letteratura delle volte.

beh mi sono permesso di scendere nel particolare solo perchè il testo fila e mi piace molto come le tortuosità della protagonista fagocitino tutto. Lidea delle due lettere e il dubbio che si insinua nel momento della confessione del marito sono davvero centrali.
E' una buona caratterizzazione del punto di vista.
Vedi un po' se questi appunti possono tornarti utili.
E' credo uno dei migliori esempi di personalizzazione del genere letti da me finora.

buon lavoro

A.
vexia
Inviato: 5/7/2004 15:32  Aggiornato: 5/7/2004 15:32
Home away from home
Iscritto: 26/1/2004
Da: Spello
Inviati: 873
 Re: Nella mente di Sabina
ciao solaris..ci ho messo un po' a capire cosa mi volessi dire, in realtà, e ora spero di aver interpretato bene...
prima di tutto, pietro lavorava nello stesso posto di lorena e sabina, per questo è facile che l'abbia ammazzata lui, potrebbe avere avuto tutte le possibilità degli altri dell'azienda ( se fossero loro gli indagati, cosa possibile, visto che lorena è stata uccisa nel suo ufficio).
non volevo soffermarmi troppo sul modo in cui fosse stata uccisa, ma volevo entrare nella mente di qualcuno che la odiava, e vedere quali percorsi facesse la sua mente fino all'epilogo.
ciò che non avevo capito, era: perchè ti stupisci che pietro dica che l'assassino era presente al funerale?
d'altronde c'erano tutte le persone che lorena conosceva, e tra quelle le indagini avrebbero dovuto cercare; e poi, in quel momento, pietro non voleva ancora confessare la verità a sua moglie, quindi mentiva sui suoi pensieri..
spero di averti chiarito il dubbio!
per il resto grazie di averlo letto e averlo giudicato positivamente...se hai qualche dubbio chiedi pure, non so se posso aver tolto quelli che avevi...
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti9755
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 51 utente(i) online (7 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 51

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 9
Ieri: 15
Totale: 5524
Ultimi: JYNMelba43

Utenti Online:
Ospiti : 51
Membri : 0
Totale: 51
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2017 OZoz.it