logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



Pagina (1) 2 3 »
Letture Incrociate - Racconti : Bonni ed Io
Inviato da senza il 5/5/2004 18:14:57 (1986 letture) Notizie dallo stesso autore


newsletter
Letture Incrociate - Racconti

Bonni
La giornata è stata lenta, ne ho avuto paura, era troppo lenta… non sono abituato a giornate così lente, e quando i minuti sembrano interminabili temo che la sera non arriverà mai. Eppure anche se c’è molta luce il tempo è fresco, è grigio, è spento. Non ho voglia di uscire di casa, preferisco accendermi una sigaretta e pensare.

Pensare e magari studiare un po’ di storia dell’arte, abbiamo compito tra qualche giorno, devo prendere un bel voto per avere l’otto in pagella, ci tengo. Penso ad Angela, mi ha chiesto di uscire oggi, ma la giornata lenta non favoriva un incontro con la mia amica. L’ho vista ingelosirsi, lanciarmi un occhiata storta mentre abbracciavo una nostra compagna di classe. La vedo sorridere ogni volta che invece abbraccio lei, ma lo faccio con poca frequenza: non vorrei mai che pensasse che ci sto provando. Eppure so che ha bisogno d’affetto. Mi ha timidamente raccontato di sentirsi insoddisfatta della relazione con il suo ragazzo. Stanno insieme da un anno e quattro mesi. In verità non sono ancora quattro mesi, ma fa lo stesso, perché ci arriveranno. Potrei dire anche che stanno insieme da cinque mesi e mezzo (hanno avuto una lunga pausa di riflessione), che stanno insieme da un anno e due mesi, oppure due anni; non cambia, le ci vuole arrivare a due anni. Potrei dire che stanno insieme da sempre e che sempre staranno insieme. Ho notato i segni sul suo polso, li ho notati già a settembre ma mi ha boicottato con una scusa, alla quale non ho fatto caso e non ho creduto. Penso sarebbe capace di uccidersi quando la loro storia finirà. Li invidio moltissimo, vorrei conoscere una ragazza pronta a tali sacrifici per me.
È molto romantico, triste, ed egoista.

Angela
Mi piace chiamare Nicola Bonni, ha la faccia da Bonni, gli sta bene il suo soprannome. Ci conosciamo da tre anni, ma non pensavo fosse un ragazzo così speciale finche non è arrivato in classe mia. Passiamo molto tempo a discutere di cose serie, di cose stupide, a farci i dispetti: mi piace osservarlo parlare, guardare le imperfezioni del suo viso e il suo naso perennemente rosso a causa del raffreddore che si porta dietro in qualsiasi stagione; fa tenerezza. L’altra sera eravamo ad una festa, ho notato come si stesse annoiando. Alla festa non c’erano né i miei amici né i suoi, lui non sapeva che sarei venuta e credo di avergli fatto una piacevole sorpresa, difatti, si è subito rianimato. So di questo perché me l’ha confessato, mi ha anche detto, sotto gli influssi benefici dell’alcool, di avermi trovata sexy, in alcuni giorni.
Gli ho chiesto di uscire oggi, mi ha detto di no. Ha per caso paura dell’intimità tra noi? Ha paura di rimanere da solo con me perché forse non saprebbe cosa dirmi? L’ho visto un po’ imbarazzato quando siamo usciti insieme per una sigaretta. I nostri compagni hanno sorriso, il professore di italiano ha detto di tornare in classe presto, e di non impiegarci troppo per l’amplesso. I nostri compagni hanno riso.
Me lo immagino adesso a casa: una penna in bocca, mentre sulla sua scrivania con una tenue luce accesa, sfoglia il libro di storia dell’arte, o qualche altro, per non correre il rischio di farsi trovare impreparato. Si gratterà la testa non capendo un passaggio, mangerà qualche biscotto, sottolineerà con un pennarello giallo; poi si stuferà e fumerà una sigaretta, pensando a chissà cosa.

Bonni
Credo ci sia rimasta male quando le ho detto di trovarla attraente, non era quello che intendevo, spero non abbia frainteso. Per me non è altro che un’amica, un’amica speciale, è chiaro. Eppure è proprio vero. Dai suoi pantaloni spesso esce un lembo di tanga, li ha quasi tutti azzurri. L’altra sera a quella specie di ‘ritrovo’, che alcuni hanno osato definire ‘festa’, portava i capelli sciolti, una maglietta grigia stretta da cui trasparivano le piccole forme. Non è una bella ragazza, non è neanche brutta, è particolare; ma il suono della sua voce è piacevole.
Qualche giorno dopo mi ha detto di avermi sognato: sognava che io la baciavo.
Abbiamo riso, poi l’ho vista triste e abbiamo cambiato argomento.
Ho trovato strana l’idea di baciarla, non riesco ad immaginare la scena, sicuramente il sogno non è nato che da quello che le avevo detto, si sarà solamente auto suggestionata.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
Pagina (1) 2 3 »
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
ranuncolo
Inviato: 6/5/2004 10:53  Aggiornato: 6/5/2004 10:53
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 12/3/2004
Da:
Inviati: 362
 Re: Bonni ed Io
senza, questa volta senza parole perchè me le
hai rubate tutte tu. Ovvero, letti i due tuoi
commenti ieri sera adesso mi hai spiazzata.
per uno credo di doverti un ri-commento
piuttosto lungo ed articolato, per il quale ti
devo far aspettare ancora, non ne ho il tempo.
Per quanto riguarda più propriamente questo
racconto mi sembra che tu stia decisamente
migliorando, si vede che stare in OzOz ti fà bene!
Ma come ti vengono : il gruppo degli "Offspring"
i nomi dei protagonisti.. ti grazierei non fosse
altro che per quelli Ma dormi la notte?
Ma poi sei maschio o femmina che non l'ho
ancora capito? Vedi di rispondermi femmina
perchè altrimenti rischi veramente, non ho una
bella fama nei dintorni! ( meritatissima del
resto! )
spenny
Inviato: 6/5/2004 12:58  Aggiornato: 6/5/2004 12:58
Home away from home
Iscritto: 29/1/2004
Da: Milano
Inviati: 600
 Re: Bonni ed Io
E brava Senza! O bravo ?...

A parte un paio di sviste, che non ti dico perchè non mi va di fare la prof stronza come ho fatto l'ultima volta, ti dico che il tuo racconto è carinissimo, che mi piace l'accelerazione che sento verso la fine, e che secondo me potrebbe continuare, in qualche modo. Fallo continuare.
Sembra scritto da un persona più matura di quella che si leggeva con i tuoi scritti precedenti, più adulta, hai di sicuro acquisito qualcosa in questo periodo ed è stato un cambiamento positivo.

Conitnua così.

Spenny
solaris
Inviato: 6/5/2004 15:28  Aggiornato: 6/5/2004 15:28
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 4/4/2004
Da: Alcadia
Inviati: 2416
 Re: Bonni ed Io
credo ci sia del buono.
ti muovi in un territorio circoscritto ma che conosci bene, le parole sono tue e si stendono senza fatica alla lettura.

Alcuni passaggi sono disarmanti per quanto sinceri ed ingenui; hai una grande voglia di provarci, si sente, e i tuoi personaggi prendono forma assecondando la tua immaginazione.

E se il montaggio non fosse alternato?
cosa succederebbe?
Provare può essere interessante.

buon lavoro!

A.
Autie76
Inviato: 6/5/2004 19:53  Aggiornato: 6/5/2004 19:53
L'iscritto più vecchio di OZoz
Iscritto: 18/8/2003
Da: Far West
Inviati: 600
 Re: Bonni ed Io
Ciao senza,
il tuo racconto è carino.
Effettivamente lascia un pò la curiosità di scoprire il finale e da molto l'idea del liceale che osserva, giudica e si fa un sacco di problemi.
Alla fine il destino deciderà.
Rimpianti o rimorsi? Avrò fatto bene o male?
E tutto finisce così... così come?
Sembra il classico "To be continued" dei telefilm di una volta.
Comunque brava.
A presto.
matemati
Inviato: 8/5/2004 8:15  Aggiornato: 8/5/2004 8:15
Home away from home
Iscritto: 13/1/2004
Da: Firenze
Inviati: 1790
 Re: Bonni ed Io
Bello davvero, non foss'altro perché rappresenta un argomento tanto trascurato nell'arte quanto importante nella vita: il rapporto d'amicizia tra uomo e donna (in questo caso uomo e donna x modo di dire, trattandosi di ragazzi, ma fa lo stesso).
C'è tutta l'ambiguità di questo rapporto, quanto ti aiuta e quanto ti complica le cose, la complicità e la gelosia, l'incertezza se si può trasformare in qualcos'altro, l'opportunismo di cercare nell'amico quello che non ti dà il partner...il tutto acuito dalla giovane età dei protagonisti, che ha come conseguenza sentimenti più accaniti e più insicuri al tempo stesso.
Io personalmente approvo sia l'alternanza dell io narrante, che rende meglio il senso di complessità della storia, e il finale sospeso, ad indicare che situazioni del genre si prolungheranno e si ripeteranno nei lunghi anni che i ragazzi hanno ancora davanti a sé.
Bravissima!
Gabraz
Inviato: 8/5/2004 12:53  Aggiornato: 8/5/2004 12:53
Just can't stay away
Iscritto: 27/2/2004
Da: Venezia
Inviati: 285
 Re: Bonni ed Io
Ciao Senza!
confesso che questo è stato il tuo primo racconto che ho letto per intero...avevo tentato di leggere anche gli altri,
ma ti confesso che dopo un po' di righe ho sempre desistito; trovavo faticoso leggerti, c'erano troppi errori
(a mio parere), puntaggiatura errata, sintassi scomposta e disarticolata, sematica inadeguata...insomma non li tolleravo,
ti dico la verità.
Questo però è filato giù liscio (perdonami l'espressione...un po' inadeguata!) A parte qualche errore di punteggiatura
e di battitura, sostanzialmente il testo è corretto.
Come ti è già stato fatto notare, hai messo per iscritto una problematica -quella del rapporto d'amicizia maschio/femmina-
giovanile assai diffusa e, credo, inevitabile non incontrare almeno una volta nella propria adolescenza.
Forse l'hai tirata un po' troppo per le lunghe, forse hai girato un po' troppo intorno all'argomento, senza approfondire bene
le effettive cause dei dubbi reciproci, però il tuo racconto è cmq in grado di far riflettere...

Interessante ed efficace poi lo svolgimento impostato su due differenti punti di vista, quello di Angela e
quello di Bonni.

Un paio di cose:

Perchè non inserire nella narrazione anche dettagli più specifici su cosa Angela e Bonni stavano facendo e cosa
succedeva intorno a loro durante le loro divagazioni mentali? perchè non descrivere cosa Angela era intenta a fare mentre
era in preda ai suoi dilemmi esistenziali? Perchè non dire che tempo c'era, dov'era Bonni mentre confessava a se stesso
la tagliente e quasi impercepibile delusione dovuta all'effetiva presa di coscienza dell'improbabilità della nascita di un sentimento
più forte? In qst modo avresti reso la narrazione anche più ampia, più affascinate...Es. (un po' campato in aria): Angela aveva aperto
la finestra della sua camera e si era accesa una sigaretta, mentre la pioggia primaverile aveva rapito i suoi occhi, completamente perduti
in quella placida cascata di gocce; ed era stata proprio una goccia limpida, caduta stanca sul bordo del davanzale, che le aveva
riportato alla mente gli occhi di Bonni, anch'essi limpidi, trasparenti...Etc. etc..
Ora ho volutamente portato all'eccesso l'esempio, ma era per farti capire cosa intendevo...

Cmq brava, stai migliorando

Continua così!

Gabraz
senza
Inviato: 8/5/2004 13:08  Aggiornato: 8/5/2004 13:08
Home away from home
Iscritto: 4/4/2004
Da: venezia
Inviati: 3123
 Re: Bonni ed Io
grazie a tutti quelli che mi hanno commentata, sinceramente tra le cose che ho scritto ( molte non pubblicate ), questo racconto è quello che mi piace meno. cmq è nato solo da un momentaneo scoraggiamento ( no, non dormo la notte, è tutto nato da un live dei Placebo... ), e le cose che scrivo in qualche modo riflettono sempre la realtà.
per la cronaca questo racconto NON è autobiografico, ma ispirato da personaggi esistenti.
ringrazio vivamente Gabraz per avermi letta, ci tenevo tanto, speravo incominciasse un po' prima...

cmq, per tutti quelli che se lo chiedono: sono una ragazza.


ciao, senza
Shoen
Inviato: 7/1/2005 1:24  Aggiornato: 7/1/2005 1:24
La principessa dei Saiyan
Iscritto: 2/11/2003
Da: Prateria australiana
Inviati: 3529
 Re: Bonni ed Io
“è un po’ come ascoltare l’ultimo cd degli Offspring adesso che hanno cambiato batterista, è un tradimento”

Su questa frase mi sono impallata Questi tuoi ricorrenti paralleli tra vita e musica sono una caratteristica che ti contraddistingue (penso sia una particolarità di "noi" -io sono esponente più old - della MTV generation).
Molto grazioso il duplice punto di vista dei protagonisti.
L'oscillazione tra leggerezza e crisi credo sia la forza di questo racconto, un pò triste un pò dolce un pò romantico un pò buio...
Brava come sempre (anche se arrivo un pò in ritardo col commento )

PS Cioccata: sei del segno del Cancro!!!
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti653546
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 45 utente(i) online (1 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 45

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 65
Ieri: 144
Totale: 6251
Ultimi: DaciaMcCau

Utenti Online:
Ospiti : 45
Membri : 0
Totale: 45
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2017 OZoz.it