logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



Letture Incrociate - Racconti : Il Paesaggio
Inviato da Utopia il 23/2/2004 20:31:07 (1577 letture) Notizie dallo stesso autore


newsletter
Letture Incrociate - Racconti

Passeggiando nella valle vedevo le cime dei suoi monti, che immobili osservavano.
Arrivai sulle vette dei monti e vedevo la loro valle, che immobile osservava.
Dinanzi a quello che doveva essere il naturale cammino, il fardello del mio peso mi umiliava sempre più.

Oramai logoro e privo di energia, a causa del forzata sopravvivenza, abbandonai ogni forma di resistenza, ritrovandomi dinanzi all’apparenza di quello che restava di me, ma in realtà era quello che finalmente ero e non ero.
Immerso nella pienezza del silenzio, il mio cuore distese i suoi petali al Sole, che abbracciandomi mi cullava nell’oblio delle sue accecanti e calde braccia, facendo dilatare la sofferente nebbia dei miei desideri e sciogliere le geometriche figure di gelida brina dei miei pensieri.
Abbandonato nel qui ed ora del tutto, finalmente proseguivo per l’arrendevole cammino con il paesaggio, e nel comune silenzio ci osservavamo e ci contenevamo, mentre totalmente arreso, iniziai amorevolmente a dissolvermi in esso.
Quella dolce esperienza diretta, mi fece esplodere la consapevolezza di essere una piccola ed importante parte, dell’universale e dell’assoluta esistenza.
Sentii, da quel momento il solennemente dovere e diritto di vivere. Volontà che fin troppo avevo umiliata e non celebrata, poiché la verità di un granello di sabbia è sorretta dall’illusione della vastità del proprio deserto, che non lo fa guardare oltre il miraggio.
Dall’ora il mio cuore si aprì ed iniziò ad osservare i miei passi, ad ascoltare il mio respiro, divenendo sempre più il paesaggio dove l’uomo, i monti e la valle, nel qui ed ora, sono una sola cosa.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
fiorderica
Inviato: 23/2/2004 22:22  Aggiornato: 23/2/2004 22:22
Vincitore I OzTorneoZen
Iscritto: 8/1/2004
Da:
Inviati: 879
 Re: Il Paesaggio
Sapientemente esprimi un percorso e una meta.
Liriche riflessioni o riflessioni liriche? Domande superflue. E' quel senso della vita che condivido e a cui tendo ogni giorno, qui ed ora.
Grazie, Utopia.

erica
Shelly
Inviato: 24/2/2004 2:59  Aggiornato: 24/2/2004 2:59
Home away from home
Iscritto: 3/1/2004
Da: ancona
Inviati: 1618
 Re: Il Paesaggio
Mi è piaciuta molta la fusione tra persona e ambiente. E' una sensazione che gradisco molto quella della freschezza che solo la natura può darti.
Il senso di una poesia penso sia difficile da capire fino in fondo, ma qui si percepiscono gli odori e le luci come se si camminnasse sul sentiero con te. Magari dentro un quadro.
Ciao Shelly
Rebiran
Inviato: 24/2/2004 13:29  Aggiornato: 24/2/2004 13:29
Not too shy to talk
Iscritto: 13/1/2004
Da:
Inviati: 53
 Re: Il Paesaggio
In generale, mi sembra molto buono.
Credo che avrebbe bisogno di una rilettura/limatura per correggere alcuni dettagli formali.
fernet
Inviato: 24/2/2004 14:40  Aggiornato: 24/2/2004 14:40
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 18/12/2003
Da: Milano
Inviati: 311
 Re: Il Paesaggio
...forse un ufficio non è il posto migliore per leggere un testo simile... riesco solo a dirti una sensazione mia di pelle: ho fatto fatica a seguirti perchè c'erano troppi aggettivi e troppi avverbi e non mi servivano a capire meglio quello che volevi dire..
xamav
Inviato: 24/2/2004 23:20  Aggiornato: 24/2/2004 23:20
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 6/11/2003
Da: Pescara - Roma
Inviati: 1328
 Re: Il Paesaggio
Ciao Utopia, le immagini che trasmetti sono molto affascinanti, solo a volte sembrano lievemente forzate, ma solo lievemente poichè alla fine non stonano. Ti rimando invece al controllo di qualche particolare, errori da poco che pero' spezzano la bella lettura.
Comunque è un piacere leggerti.
Massimo.
arzy
Inviato: 27/2/2004 12:32  Aggiornato: 27/2/2004 12:32
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 10/12/2003
Da: Piacenza
Inviati: 1917
 Re: Il Paesaggio
Inchino e riverenza per te, narrator Utopia.

Mi piace certo come aggiri, come rigiri su sè stesse parole, frasi, immagini, mi piace la simbiosi tra essere e natura ma ancor più mi stordisce l'indefinitezza dell'essere.

Uomo, castoro, lupo, poco importa, qualunque ipotesi è degna di essere ed è questo che solletica allo spasimo la mia fantasia (per me trattasi di lupo ma inutile cercare spiegazione, dovremmo indagare a fondo sulla mia malattia mentale o forse, più semplicemente, credo che un lupo abbia titolo per essere accolto nella natura, l'uomo stia ove costruendo inquinanti città ha fatto scempio della natura, perdendo la capacità di identificarsi con le sue espressioni come fai tu nel tuo racconto).

Sol non ti si può far passare (salve tue debite e circostanziate spiegazioni di licenza voluta) quel "dall'ora" da ululato (di dolore).

Alla prossima.

Ah, non far caso a come scrivo io e non pensare mai più di voler scrivere come faccio io, scrivi da par tuo, che è diverso dal mio ed appunto come tale assolutamente originale (grazie comunque del pensiero).

Ciao, con simpatia.
Eagle
Inviato: 27/2/2004 17:52  Aggiornato: 27/2/2004 17:52
il pennuto di OZoz
Iscritto: 27/12/2003
Da:
Inviati: 977
 Re: Il Paesaggio
Allora, amico Utopia, come Criscia mi ha definito un "maghetto" nel descrivere racconti fra sogni e realtà, potrei scrivere un'enciclopedia di commenti su questo tuo piccolo capolavoro poemico. La profondità di ogni singola frase e il sentiero da te percorso meritano tutta l'attenzione, e con una versosimile della ricerca interiore poi, si può anche chiudere un occhio sulle vicende ortografiche. Pur trovandomi in una piccola stanza al Pc, mi sono teletrasportato al fianco tuo come ombra nel difficile cammino della vita spirituale e ti dico che le sensazioni che tu vivi nel racconto e sicuramente anche nella realtà, le sto vivendo anche io, mentalmente, ma le sto vivendo. Direi che, indirettamente, stai cercando le ultime nozioni per raggiungere quello stato d'equilibrio in cui si diventa maestri spirituali in avvenire perpetuo, lottando contro l'immanente per giungere al trascendente. Le caratteristiche sono non solo quelle del racconto, ma anche del saggio filosofico che vuole condurre le giovani menti verso l'assoluto delle verità ultraterrene. Complimenti per aver suggestionato la mia mente.
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti3162687
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 57 utente(i) online (8 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 57

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 31
Ieri: 92
Totale: 6346
Ultimi: TaraBottri

Utenti Online:
Ospiti : 57
Membri : 0
Totale: 57
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2017 OZoz.it