logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



Letture Incrociate - Racconti : Contrasto
Inviato da _alessandro_ il 14/7/2011 19:39:24 (1126 letture) Notizie dallo stesso autore


newsletter
Letture Incrociate - Racconti

Catania, Novembre 1998.

In quei giorni l'estate non mostrava ancora alcuna intenzione di lasciare il posto all'autunno. L'aria era rovente e gli pneumatici sembravano sciogliersi nell'asfalto. Per strada solo qualche disperato che si dirigeva in fretta verso la hall dell'aeroporto per refrigerarsi un po'.

Lasciò la sua vecchia Fiat Uno negli spazi in cui era consentita la sosta breve per lo scarico bagagli, proprio davanti l'ingresso Partenze, mentre lei, nella sua assoluta freschezza e purezza d'animo, non cercava di celare l'entusiasmo per quella nuova esperienza, un'opportunità da non far scappare. Non era mancanza di tatto, tutt'altro. In fondo era convinta del fatto che loro due fossero una cosa sola e stavano godendo insieme di quel momento. Lui era un po' meno romantico, e pur sorridendo e ostentando tranquillità, in silenzio bruciava.

La partenza era prevista per le sedici e trenta. Ancora mezz'oretta insieme e poi si sarebbero salutati. Lui piangeva inghiottendo le lacrime che non riuscivano comunque a domare l'incendio dentro il petto. Infine, un abbraccio e un bacio lungo e casto. Inspirarono forte cercando di rubarsi a vicenda il profumo della pelle, di strapparsi le anime.

Tornò in macchina. Fu come entrare in un forno, ma quel calore confrontato con l'inferno che gli divampava dentro, era una brezza leggera e rinfrancante. Attese il momento del distacco sotto lo sguardo a tratti spazientito del vigile urbano di turno e in tutto quel tempo non fece assolutamente niente, stette immobile e con il cervello spento. Fissava l'orologio analogico del cruscotto seguendo il martellante incedere della lancetta.

Poco dopo le sedici e trentacinque vide un aereo decollare. Suppose che fosse quello.

Con gli occhi aridi e il cuore fradicio seguì il mostro d'acciaio levarsi in volo. Fece uno strano giro, come per prendersi gioco di lui. Notò quanto fosse divenuto ridicolo in confronto all'immensità del cielo e all'imponenza del vulcano. Immaginò di vederla al finestrino fare un gesto con la mano. Si nascose più volte dietro le nuvole. Quando lo inquadrò per l'ultima volta, lo colpì un incantevole contrasto.

Lei era minuscola lì su. Un punto infinitamente piccolo dentro una macchietta scura a forma d'uccello. Eppure era così meravigliosamente grande, tanto da lasciarlo stregato ad ammirare il suo splendore illuminare quel triste pomeriggio.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
senza
Inviato: 21/7/2011 17:53  Aggiornato: 21/7/2011 17:53
Home away from home
Iscritto: 4/4/2004
Da: venezia
Inviati: 3123
 Re: Contrasto
sicuro che si dica "gli pneumatici" ?
"Lui era un po' meno romantico, e pur sorridendo e ostentando tranquillità, in silenzio bruciava." anche tu sei pèoco romantico, perché una frase come questa potevi dirla cento volte meglio, così sembra che il suo bruciare silenzioso sia solo l'effetto del caldo, e che lui sia una sorta di gli pneumatico, eheh
tutto il racconto fa presagire chissà che colpo di scena, e invece niente. bravo, così mi piace, buona prova!
_alessandro_
Inviato: 22/7/2011 9:07  Aggiornato: 22/7/2011 9:07
Home away from home
Iscritto: 15/3/2007
Da:
Inviati: 526
 Re: Contrasto
io ho sempre detto lo pneumatico perché il pneumatico non ha un bell'effetto sonoro

comunque, per tua conoscenza, fonte Accademia della Crusca:

Citazione:

"Il pneumatico / lo pneumatico

Per quel che riguarda l'uso dell'articolo (e quindi della preposizione articolata) col sostantivo pneumatico, si può dire che l'alternanza degli articoli il/lo e un/uno (e naturalmente dei plurali corrispondenti i/gli, dei/degli) corrispondono i primi a un registro più familiare, mentre i secondi appartengono ad un uso più sorvegliato della nostra lingua. Niente quindi vieta di usare gli uni o gli altri anche se, nello scritto e negli usi più formali, si ritiene che siano più indicate le forme lo pneumatico, uno pneumatico, gli pneumatici, degli pneumatici"
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti114162
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 60 utente(i) online (8 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 60

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 1
Ieri: 14
Totale: 5789
Ultimi: Eugenio00I

Utenti Online:
Ospiti : 60
Membri : 0
Totale: 60
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2017 OZoz.it