logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



Pagina (1) 2 »
Letture Incrociate - Racconti : Fuitina
Inviato da strammaio il 29/9/2010 19:05:16 (1500 letture) Notizie dallo stesso autore


newsletter
Letture Incrociate - Racconti

Ho passato un mese intero a convincerlo, d’altronde non c’è altro sistema: qui funziona così!
Ieri sera ho stipato nella borsa la mia biancheria più sexy, il bancomat e il cellulare; le chiavi di casa e il biglietto per loro invece li ho lasciati sul comodino.

Poi, stamattina, uscendo ho fatto attenzione a non far rumore, non tanto per mio padre che ormai è sordo, quanto per i miei fratelli, che mi osteggiano sempre.
Fa freddo oggi, ma sono contenta che Gheorghe mi abbia dato appuntamento proprio lì, dove tutto ha avuto inizio. Mi sembra un segno del destino, come un cerchio che si apre e si chiude, in modo perfetto.
Se ci penso! La prima volta che l’ho visto trasportava due pesanti pali di ferro tutto da solo. Era a torso nudo, sudato e così pallido che veniva voglia di leccarlo, come fosse zucchero filato.
Mi ha sorriso, diretto verso di me con la mano tesa: “Gheorghe Moldovanu” – ha detto.
Di solito è molto più timido, ma mi aveva scambiata per la donna cannone chiamata a sostituire la precedente, dopo che la cura dimagrante l’ha ridotta uno stecchino di 78 kg: è stato così che ci siamo conosciuti.
Per me è stato amore a prima vista. Sono letteralmente annegata nell’azzurro degli occhi di questo pallidissimo Gheorghe Moldovanu, occhi chiari e limpidi, come le acque della Moldova, che lui porta iscritta nel suo stesso nome, così come nella sua vita.
Da allora sono andata a trovarlo ogni giorno con una scusa diversa; lui mi salutava sempre in romeno: “Bună, fata din pământul templelor”
Poi un giorno mi ha finalmente spiegato che significa “Ciao, figlia della terra dei templi”.
Così, un altro giorno, la qui presente figlia della terra dei templi ha proposto, vincendo la sua proverbiale timidezza, al figlio della Moldova di andarci davvero, a vedere i templi; lui ha accettato un po’ titubante.
La sera stessa ho raccontato ai miei fratelli che il giorno seguente avrei passato tutta la giornata dalla sarta per imparare a cucire, invece, canticchiando come una scolaretta al suo primo appuntamento, mi sono vestita, profumata, truccata e ho raggiunto lui, munita di tutto il necessario per un picnic indimenticabile.
Gli uomini vanno presi per la gola; ma io volevo prenderlo per tutti i sensi. Quando siamo arrivati davanti ai templi ho capito d’aver fatto centro: è davvero una vista mozzafiato e anche per me è stato come vederli per la prima volta: alti, immensi, possenti. Sembravano lui.
Allora Gheorghe mi ha baciata.
Non mi ha preso alla sprovvista, però. Gli ho detto: “È perfetta l’unione di un figlio di fiume e di una figlia di una terra assetata come questa. Portami con te, Gheorghe!”
Lui ha riso forte. Poi ha chiesto: “E i tuoi fratelli? Se ci scoprono, ci ammazzano!”
Ha un profondo senso della famiglia, lui – come me, del resto – ed è stato allora che gli ho spiegato il mio piano per la fuitina.
Lui ha capito perfettamente. Il concetto, che a volte sfugge al resto degli italiani, non è sfuggito al mio Gheorghe, che anzi mi ha rivelato che anche nel suo Paese funziona spesso così. Soltanto che sulle prime non era convinto.
Si è preso un po’ di tempo per pensarci su, ma alla fine, di comune accordo, abbiamo iniziato ad architettare un piano dettagliato.
Così, la scorsa settimana ho fatto qualche prelievo dal mio conto postale e la cresta sulla spesa, gli ho consegnato tutto – perché i miei fratelli non dovevano trovare soldi “ingiustificati” nella mia borsa – e ora abbiamo un bel gruzzoletto, che sarà più che sufficiente per il viaggio, il rientro e il pranzo durante cui annunceremo le nostre nozze. Non voglio che il paese mormori; perciò, a cose fatte, ci sposeremo in chiesa con l’abito bianco e tutti i parenti. Come deve essere.
Gheorghe, il figlio del fiume, arricchirà e feconderà questa figlia della terra riarsa. Gesù, suona così romantico!




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
Pagina (1) 2 »
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
daniel
Inviato: 29/9/2010 20:31  Aggiornato: 29/9/2010 20:31
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 28/6/2004
Da:
Inviati: 779
 Re: Fuitina
Brava come sempre Stramma
Simpatico , divertente e ironico.
Scrittura scorrevole e gradevolissima.
Ripeto, sei una grande.
Non è colpa mia se non trovo difetti...
Anzi si, uno: non mi piace il nome Carmela:)
Un bacio
Dani
doxa
Inviato: 30/9/2010 13:26  Aggiornato: 30/9/2010 13:26
Home away from home
Iscritto: 5/5/2008
Da: roma
Inviati: 529
 Re: Fuitina

Sto ancora sghignazzando!
Tra rumeni e siciliani...
Sarai mica della Lega?
lcasc
Inviato: 1/10/2010 20:08  Aggiornato: 1/10/2010 20:08
Quite a regular
Iscritto: 5/4/2009
Da:
Inviati: 175
 Re: Fuitina
La "fuitina" era frequente costume meridionale, non solo siciliano. Ora non so più se si perpetui ancora, data l'estrema libertà che è lasciata ai giovani, soprattutto alle donne. Ciò che non ho riscontrato in questo racconto è la tipica ambientazione siciliana aderente alla vicenda, col colore e le radici da cui nascono certi comportamenti. Si dipana come scollato dal mondo che lo produce, senza riferimenti alla realtà, evocando forse di più, in qualche modo, "La strada" di Fellini, con Zampanò e Gelsomina, anziché un evento contingente. L'impianto è artificioso, un po' da fotoromanzo, d'ispirazione fumettistica, tanto che l'epigolo è facilmente prevedibile, ma sorprendentemente povero e inadeguato.
strammaio
Inviato: 2/10/2010 8:41  Aggiornato: 2/10/2010 8:41
Home away from home
Iscritto: 21/10/2004
Da: Roma
Inviati: 882
 Re: Fuitina
Daniel, Tu sì che sei troppo buona! E hai ragione sulla scelta del nome della protagonista: Carmela è un nome che non piace anche a me, ma era abbastanza "parlante" (ossia contribuisce a definire un'ambientazione geografica) e l'ho scelto per questo oltre al fatto che ha qualcosa in comune col mio, di nome!

Doxa, NO non sono leghista, io sono proprio SPQR! ps: sapevo che avresti sghignazzato!!!!

Icasc, aspettavo la tua vendetta, ma ti è sfuggito che questo it's a joke! Accidenti!
Il racconto (lasciate che lo chiami così) nasce da un semplice pretesto (una foto con pochissimi elementi: una giostra, la nebbia e basta) e prevede l'obbligo di imanere nelle 3500 battute. (forse sto dicendo troppo... comunque trattavasi di sfida aperta su altro forum di aspiranti scrittori... Ozoz, perdonami!!!!).

Concordo sul fatto che la protagonista sia poco meno di una macchietta, e che la storia sia grottesca e assolutamente non indagata nelle sue ragioni socioculturali. Diciamo che non era il mio intento per ovvie ragioni di spazio (le 3500 battute) e mie personali.
L'intento era altro. Ora non so se l'abbiate colto, voi signore. Icasc no, non mi pare.
Come non mi pare neanche il caso di preoccuparmene, visto il mio "investimento" in questo racconto. (quando dico investimento, intendo sia sentimentakle che di tempo impiegato a produrlo).
Ma alla fine gli intenti contano poco. Quel che conta è il risultato. Lo stile, il lessico, l'intreccio...
Vi prego, se non chiedo troppo, ditemi qualcosa su questi elementi.
Penso che ci siano punti in cui posso snellire il testo, renderlo più scorrevole, ma mi sfuggono.
magari un buon occhio esterno, senza pregiudizi, può illuminarmi!
Grazie grazie grazie per i commenti espressi e per quelli che spero arriveranno!
lcasc
Inviato: 2/10/2010 14:27  Aggiornato: 2/10/2010 14:27
Quite a regular
Iscritto: 5/4/2009
Da:
Inviati: 175
 Re: Fuitina
Vendetta? Al contrario: tu hai fatto sul mio scritto delle osservazioni che ho trovato in parte giustificate e ne ho fatto tesoro. Da parte mia non potevo limitarmi ad adularti ipocritamente, lasciandoti cuocere nel tuo brodo, tanto per non apparire rancoroso. Potevo, questo sì, fare a meno di mandarti il mio commento. Ho preferito, più onestamente, dirti la verità, secondo il mio sentire, e metterti in guardia. Può darsi anche che nel mio giudizio mi sbagli, e allora accetto rassegnato il patibolo.
strammaio
Inviato: 2/10/2010 23:11  Aggiornato: 2/10/2010 23:11
Home away from home
Iscritto: 21/10/2004
Da: Roma
Inviati: 882
 Re: Fuitina
Niente patibolo! Io ti ho ringraziato!
arbogast
Inviato: 16/10/2010 17:33  Aggiornato: 16/10/2010 17:33
Just popping in
Iscritto: 16/10/2010
Da:
Inviati: 34
 Re: Fuitina
Un testo gradevole, ironico nel suo parodiare certa letteratura rosa, a tratti incisivo (soprattutto la parte finale).
Ben scritto, ma manca forse dell'energia ruspante che si richiede da un racconto breve. Strammaio, insisti un po' nelle descrizioni e nel linguaggio, cerca di colorare e "insaporire" ogni tua frase. Osa!
strammaio
Inviato: 18/10/2010 13:33  Aggiornato: 18/10/2010 13:33
Home away from home
Iscritto: 21/10/2004
Da: Roma
Inviati: 882
 Re: Fuitina
grazie, arbo.
ci proverò
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti880528
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 55 utente(i) online (7 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 55

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 8
Ieri: 91
Totale: 6227
Ultimi: JavierMitc

Utenti Online:
Ospiti : 55
Membri : 0
Totale: 55
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2017 OZoz.it