logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



Letture Incrociate - Racconti : Effetto farfalla
Inviato da _alessandro_ il 24/5/2010 14:33:37 (1498 letture) Notizie dallo stesso autore


newsletter
Letture Incrociate - Racconti

Pietro si guardò allo specchio appena sveglio e notò un pomodoro al posto dell'occhio sinistro.
"Maledetta zanzara!" - sbuffò.


Mezzo cieco, quella mattina decise di non guidare. La stazione dei treni era a cinque isolati, ma un po' di moto gli avrebbe fatto solo bene.

Arrivò alle otto in punto, giusto in tempo. Stava in piedi insieme ad altri viaggiatori, quando il più vicino gli sfiorò la manica della giacca. Puzzava.
"Uff.." - borbottò Pietro, e si allontanò di qualche passo.
Si trovò accanto ad un tipo agitato. Quasi saltellava sul posto, pur essendoci l'aria tiepida già a quell'ora. Insofferente si spostò allora verso una donna che appariva tranquilla nella sua maestosità. Ad un tratto questa fu sul punto di cadere all'indietro. In realtà stava solo preparando il suo enorme corpo per un imminente starnuto che si preannunciava devastante. Pietro non ebbe il tempo di scansarsi. L'indecente esplosione fece tremare il pavimento e qualche goccia finì inevitabilmente sul suo viso.
"Oh.. porc.. ma vaff.." - balbettò correndo verso i bagni.
"Che schifo! Ma la gente come fa ad essere così ripugnante!?" - imprecò sciacquandosi energicamente le mani e la faccia.

Quando tornò sulla banchina vide la coda del suo treno allontanarsi. Un'immagine desolante, ma al contempo si sentì confortato al pensiero di non doversi ritrovare a stretto contatto con quegli esseri abominevoli. Sembrava li avessero selezionati di proposito quella mattina.
Rassegnato all'attesa del prossimo convoglio, si mise a sedere. Era tutto deserto. Il silenzio era denso. L'odore intenso delle traversine dei binari lo inebriava.

Dopo qualche minuto un uomo distinto, in un soprabito nero, gli si sedette vicino. Mani in tasca, busto piegato leggermente in avanti e gambe allungate, gli chiese l'ora con voce calda e serena.
"Le otto e dodici"
"Dammi l'orologio!"
"Cosa?"
"Dammi l'orologio e il portafoglio!"
"Ma che caz.."
Non finì la frase. L'uomo sfilò dalla tasca un coltellino e glielo piantò nell'interno coscia. Pietro urlò e si contorse dal dolore. Cadde a terra, quasi svenne. L'uomo gli andò addosso fulmineo e con mosse sicure lo rapinò. Poi calmo si diresse verso la scala mobile e scomparve nel nero del sottopassaggio, incurante delle grida del malcapitato di turno.

Girava tutto. Con la mano cercò invano di tamponare la fuoriuscita copiosa del sangue. Riuscì a zoppicare fino alla strada fuori dalla stazione trascinando la gamba ferita. Il rosso del sangue sulle mani, sul viso, misto al sudore. L'odore del sangue. Un vortice di facce orribili con la bocca aperta lo circondò. Urla angoscianti. Era stordito, si sentiva debole. Il rosso del sangue. Il semaforo pedonale. Rosso sangue. Ancora urla. Un botto secco. Il buio. Il silenzio.

L'impatto fu terribile. Pietro sembrava un manichino rotto. La posizione del corpo era oscena. La testa quasi staccata dal corpo. Le viscere sull'asfalto. Altre sei macchine furono coinvolte nell'incidente con un bilancio disastroso: un altro morto, per infarto, e tre feriti di cui uno in gravissime condizioni.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Neobaumuth
Inviato: 24/5/2010 15:27  Aggiornato: 24/5/2010 15:27
Just popping in
Iscritto: 12/5/2010
Da: Castelnuovo Magra (SP)
Inviati: 31
 Re: Effetto farfalla
Bel racconto, narrato bene come tuo solito, leggibile ed ipnotico.
Rimango un pelo deluso nel finale, dove l'incidente è secondo me un po troppo veloce e non si lascia subito "assorbire" ma piuttosto spiazza leggermente.
Comunque una bella prova.
Panzer
Inviato: 24/5/2010 19:55  Aggiornato: 24/5/2010 20:01
Home away from home
Iscritto: 5/1/2009
Da: Bologna e dintorni
Inviati: 960
 Re: Effetto farfalla
Alessandro ritenta, sarai più fortunato.
Scusami Ale ma la trovo un po' sterile come storia.
Tutta una coincidenza di sfighe che portano alla morte... mah!
Lo trovo un racconto non-racconto privo di una sua spina dorsale. Manca l'ossatura, manca la storia...
Dài, io come lettore voglio che mi rimanga qualcosa in mano... mi son ritrovato con un pugno di mosche.

Sorry.
_alessandro_
Inviato: 25/5/2010 7:26  Aggiornato: 25/5/2010 7:50
Home away from home
Iscritto: 15/3/2007
Da:
Inviati: 526
 Re: Effetto farfalla
grazie ad entrambi (ma di più a neobaumuth )

panzer, non hai niente di cui scusarti... è la tua opinione e io la rispetto, anche se non la condivido in pieno

da come parli sembra essere la prima volta che ti capita di leggere qualcosa e rimanere con un pugno di mosche in mano... quasi mi sento lusingato!

probabilmente avrei potuto fare meglio, non c'è dubbio, ma non ritengo non abbia una spina dorsale, magari è fragile, ma c'è e sta nel titolo

vuole essere solo un banale esempio (proprio terra terra) della teoria in questione

comunque, non voglio convincerti... grazie mille per aver letto e commentato

alla prossima
Panzer
Inviato: 25/5/2010 12:45  Aggiornato: 25/5/2010 12:45
Home away from home
Iscritto: 5/1/2009
Da: Bologna e dintorni
Inviati: 960
 Re: Effetto farfalla
Il titolo in sé è un po' poco... tu stesso dici che è fragile. Ok al titolo come antipasto a ciò che andrò leggendo, ma poi voglio qualcosa di consistente... nello stomaco. Ho bisogno che il tuo racconto mi nutra la mente.

Spero di non essere stato troppo "feroce" in ciò che ho scritto, non c'è nessuna cattiveria. Mi sentivo di dire certe cose e le ho dette.
_alessandro_
Inviato: 25/5/2010 14:02  Aggiornato: 25/5/2010 14:02
Home away from home
Iscritto: 15/3/2007
Da:
Inviati: 526
 Re: Effetto farfalla
beh... un pugnetto di mosche, in certi casi, sarebbe proprio uno spuntino niente male!!!

ma dai! ci manca solo che ci mettiamo a scrivere i commenti con cattiveria... tranquillo!

ciao ciao
ale
Nebridio
Inviato: 25/5/2010 16:53  Aggiornato: 25/5/2010 16:55
Quite a regular
Iscritto: 11/11/2009
Da: Napoli
Inviati: 110
 Re: Effetto farfalla
Prima dell'incidente finale, nel cui accadere si risolve tutto il senso del racconto, già anticipato dal titolo, personalmente ho avuto come l'impressione che Pietro fosse una sorta di ultimo essere umano superstite, incapace di riconoscersi e misurarsi con una umanità disumana, alienata da se stessa. Il suo <<disadattamento>> indica però in positivo anche che esiste ancora la possibilità di ri-conoscere l'umano nell'altro, ma questa interpretazione non trova conferma nel finale, e soprattutto nelle intenzioni, che poi hai esplicitato nel rispondere ai commenti. Alla luce allora delle tue chiarificazioni, bisogna intendere questa concatezione di eventi in maniera deterministica, sebbene mossi dalla pura indeterminazione del caso e dalla contingenza delle situazioni. Ebbene se così è, allora questo Pietro non ha che la stessa consistenza di un simulacro, parvenza di un ordine cieco, meccanico che obbedisce a delle leggi, che in alcun modo ci è dato di investigare, ma solo di subirne gli effetti, come parti di un ingranaggio, da cui siamo compresi, ma che non possiamo in alcun modo comprendere.
Neobaumuth
Inviato: 25/5/2010 18:59  Aggiornato: 25/5/2010 19:02
Just popping in
Iscritto: 12/5/2010
Da: Castelnuovo Magra (SP)
Inviati: 31
 Re: Effetto farfalla
Beh, Nebrido, nella letteratura romantica si trovano moltissimi riferimenti al destino, al disegno supremo etc. Ci hanno dipinto per secoli come burattini i cui fili erano guidati da entità superiori.
L'effetto farfalla è più inerente alla teoria del caos e si, alle volte la sfortuna può essere vista come una serie di "macchinazioni supeiori" cooperanti nel presentarci al nostro fato, ma per le leggi del caos, è probabile che una tua stessa decisione abbia portato a far coincidere ( da cui coincidenza) determinate circostanze affinche ciò che ti è accaduto sia potuto accadere.
In effetti, ho postato il giorno dopo ad alessandro un racconto (che spero sia pubblicato presto) che tratta di argomenti simili (non è plagio ale, nè spunto preso da una tua idea, è coincidenza. Tu hai postato il 20, io il 21!) e mi trovo affine quello che credo essere il pensiero di alessandro riguardo al destino.
Se, infatti, ti riferisci all'effetto farfalla, non puoi credere alla predeterminazione come una strada già costruita, ma come ad un cantiere in continua evoluzione che ha sì determinate uscite, ma che tu stesso imbocchi seppur non consapevolmente.
_alessandro_
Inviato: 25/5/2010 20:38  Aggiornato: 25/5/2010 20:38
Home away from home
Iscritto: 15/3/2007
Da:
Inviati: 526
 Re: Effetto farfalla
c'è una bella differenza tra determinismo e predeterminazione: nel primo ogni evento scaturisce da un altro che lo precede; nel secondo è tutto già scritto

la teoria detta effetto farfalla è chiaramente deterministica

io personalmente non credo in uno piuttosto che nell'altra

buona notte
senza
Inviato: 28/5/2010 10:05  Aggiornato: 28/5/2010 10:05
Home away from home
Iscritto: 4/4/2004
Da: venezia
Inviati: 3123
 Re: Effetto farfalla
hihi complimenti per l'idea! non potevo sottrarmi dal leggere un racconto con questo titolo, e tra le altre cose che mi hanno colpito c'è il nome del personaggio, che è anche il protagonista del mio romanzo, nonché il nome del mio migliore amico. detto questo, è chiaro che il racconto poteva essere così come in un qualsiasi altro modo. sinceramente si vede che ti è venuto così, alla buona, che non ci hai ragionato molto. sembra in effetti più un accmulo di sfiga che un racconto sull'effetto farfalla. mi fa venire in mente una puntata di x-files ( Monday, guardala ti potrebbe essere utile ) che tratta del dejà vu e di un simile accumulo di sfiga, solo che risultava più interessante del tuo racconto perché non si limitava ad una carrellata di eventi, come fai te, ma ne dava una spiegazione freudiana, e poi provava a mostrare cosa succedeva se si cambiava un particolare insignificante. e se quel pomodoro sull'occhio fosse stato invece un vero pomodoro? molto kafkiano no? o se il tuo Pietro fosse stato il mio?
insomma, per come la metti te il mondo sembra accanirsi contro di lui, a mio avviso dovresti provare a scrivere un'altra versione di questo racconto, tenendo buona l'idea ma introducendo delle variabili. potrebbe essere anche un giochino divertente.
ah, rivedi le frasi che pronunciano i personaggi, sono ben poco vorosimili
_alessandro_
Inviato: 28/5/2010 12:24  Aggiornato: 28/5/2010 13:24
Home away from home
Iscritto: 15/3/2007
Da:
Inviati: 526
 Re: Effetto farfalla
guarda le combinazioni: pietro è il nome del mio migliore amico all'epoca delle elementari nonché il nome del protagonista del mio, mai finito, romanzo!

ricordo che x-files mi appassionò molto quando uscì per la prima volta in italia la prima serie una quindicina di anni fa... adesso non ricordo questa puntata, forse era di qualche stagione successiva, ma la cercherò e la rivedrò sicuramente, grazie del consiglio

sono da vedere anche sliding doors e lola corre

in effetti questo racconto non è molto impegnato, come del resto quasi tutto quello che scrivo, e questo sicuramente è un mio limite, cercherò per il futuro di dedicarmi un po' di più all'approfondimento e a provare a vedere le cose da diversi punti

sulle frasi dei personaggi non sono d'accordo, devo dire che forse è una delle cose alla quale di solito tengo di più e a parte due frasi pensate a voce alta dal protagonista (una davanti allo specchio la mattina e un'altra sempre davanti allo specchio nel bagno della stazione), poi qualche parolaccia smorzata e infine la richiesta del rapinatore, non c'è altro e mi pare tutto al proprio posto, in particolare (e qua mi elogio da solo) il dialogo col rapinatore mi pare eccellente nella sua fredda rapidità!

grazie per averlo letto e commentato
alessandro
senza
Inviato: 28/5/2010 23:00  Aggiornato: 28/5/2010 23:00
Home away from home
Iscritto: 4/4/2004
Da: venezia
Inviati: 3123
 Re: Effetto farfalla
dicissettesima puntata della sesta serie. purtroppo quando è uscito alla tv se non ero già a letto i miei mi ci mandavano dicendoc he se no babbo natale non mi portava i regali, ma qualche mezza puntata sono riuscita a vederla lo stesso. a parte questo mi spiace, ma no guardo film. non mi convincono le frasi del protagonista, sopratutto quel 'ripugnante'
che dici, i nostri romanzi avranno la stessa trama?
boriosi
Inviato: 2/6/2010 9:18  Aggiornato: 2/6/2010 9:18
Quite a regular
Iscritto: 19/5/2005
Da:
Inviati: 154
 Re: Effetto farfalla
Bel racconto, simpatico e divertente, costruito ad arte per incuriosire il lettore e portarlo, in un crescendo di colpi di scena, al finale che è al tempo stesso sconcertante e sorprendente. Complimenti per la tua abilità descrittiva, davvero notevole.
doxa
Inviato: 7/6/2010 14:18  Aggiornato: 7/6/2010 14:18
Home away from home
Iscritto: 5/5/2008
Da: roma
Inviati: 529
 Re: Effetto farfalla
Ebbene: una straordinaria freddezza nel descrivere una serie di concatenamenti ineluttabili quanto evitabili, se solo avesse avuto in antizanzare!
Un disgusto per l'umanità, per le sue emissioni, per le sue prepotenze non può che portare a soccombere. La ribellione si paga.
La macchia rosso sangue gronda dal penultimo periodo come in un film horror (o demenziale) per lasciare il finale solo ai caduti sul campo.
Un giorno di ordinaria follia.
ka_vins
Inviato: 8/9/2010 10:10  Aggiornato: 8/9/2010 10:10
Just popping in
Iscritto: 6/9/2007
Da: venezia
Inviati: 38
 Re: Effetto farfalla
Il ritmo è la cosa più riuscita di questo racconto. L'alternanza delle situazioni e delle immagini che si fa più rapida fino all'incidente finale. Ed è un vero incidente letterario: a mio avviso non rende giustizia al resto del racconto. Dal punto di vista narrativo ci sta anche ma l'hai decisamente liquidato. Mi è sembrato assurdo chiudere con "Altre sei macchine furono coinvolte nell'incidente con un bilancio disastroso: un altro morto, per infarto, e tre feriti di cui uno in gravissime condizioni". Passi da un tono narrativo ad uno giornalistico spezzando la tensione del racconto che avevi magistralmente condotto! Insomma a mio avviso ti è franato il terreno ad un passo dalla meta. Sai scrivere, questo è indubbio, per cui manipolando il finale il racconto potrebbe acquistare valore

A presto
_alessandro_
Inviato: 8/9/2010 16:08  Aggiornato: 8/9/2010 16:08
Home away from home
Iscritto: 15/3/2007
Da:
Inviati: 526
 Re: Effetto farfalla
grazie ka_vins!
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti7374
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 55 utente(i) online (6 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 55

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 7
Ieri: 8
Totale: 5529
Ultimi: CarmelTreg

Utenti Online:
Ospiti : 55
Membri : 0
Totale: 55
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2017 OZoz.it