logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



Letture Incrociate - Poesie : Girandola
Inviato da Jurgen il 26/4/2010 11:38:57 (1880 letture) Notizie dallo stesso autore


newsletter
Letture Incrociate - Poesie

La girandola volteggia veloce,
oggi a destra, domani a sinistra,


può sospingerla forte il vento,
oggi libeccio, domani maestrale,
può restare anche ferma,
per bonaccia o pioggia battente.

La verità si muove
per chi la spinge meglio,
che sia la mano o solo il vento,
non ha mai direzione, nè tormento
solo illusione, eterna,
per chi crede abbia un senso.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
arzy
Inviato: 26/4/2010 15:54  Aggiornato: 26/4/2010 15:54
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 10/12/2003
Da: Piacenza
Inviati: 1917
 Re: Girandola
Mi piace, la trovo giullaresca, quasi ... mia. Sì, se non fossi sicuro che l'hai scritta tu, quasi quasi potrei credere d'averla scritta io.

Mi piace il ritmo, la musicalità, il giocar sulle diversità nello stesso verso (destra/sinistra, libeccio/maestrale, bonaccia/pioggia battente, mano/vento, direzione/tormento.

Un paio di modesti suggerimenti personali.

Riscriverei così una strofa:

può sospingerla forte il vento,
oggi libeccio, domani maestrale,
per bonaccia o pioggia battente
può restare immobile, ferma

[l'anche mi pare che tronchi il verso, che lo lasci carente di un filo di ritmo]

Analogamente mi pare lento, tronco, carente, sospeso, incompiuto il verso:

solo illusione, eterna,

al limite aggiungerei "solo illusione, eterna illusione"

Comunque. Ti ho letto con piacere.

Jurgen
Inviato: 27/4/2010 5:41  Aggiornato: 27/4/2010 5:44
Quite a regular
Iscritto: 17/11/2005
Da: Bolzano
Inviati: 117
 Re: Girandola
Ti ringrazio per aver dedicato del tempo alla lettura della mia lirica, arzy. Terrò in debita considerazione anche i tuoi suggerimenti.
Jurgen
doxa
Inviato: 29/4/2010 12:57  Aggiornato: 29/4/2010 12:57
Home away from home
Iscritto: 5/5/2008
Da: roma
Inviati: 529
 Re: Girandola
Maliziosamente ti faccio osservare che, secondo me, la girandola gira sempre nello stesso verso, orario credo, per la piegatura delle sue ali.
Ma non ne sono sicura e la tua è giusto che giri come una banderuola.
Dei tuoi versi la quartina mi convince meno, ma la sestina finale mi soddisfa molto.
A rileggerti
Nebridio
Inviato: 29/4/2010 14:48  Aggiornato: 29/4/2010 14:53
Quite a regular
Iscritto: 11/11/2009
Da: Napoli
Inviati: 110
 Re: Girandola
Jurgen trovo che questa, almeno secondo il mio personale parere, sia la migliore tra le tue prove poetiche. La descrizione dell'oggetto epifanico vaga e allusiva nella prima quartina, trova la sua rivelazione nella successiva sestina, ma è la stessa verità a eludere enigmaticamente qualsiasi presa definitoria, come lasci intendere in questi versi successivi, orchestrati ritmicamente attraverso assonanze ben riuscite. Non rimane che viaggiare, opzionando per un senso, alla ricerca ineludibile del senso, che cambia nome a ogni stazione di questo viaggio chiamato vita. A rileggerti
Jurgen
Inviato: 3/5/2010 7:15  Aggiornato: 3/5/2010 7:15
Quite a regular
Iscritto: 17/11/2005
Da: Bolzano
Inviati: 117
 Re: Girandola
Ringrazio per i commenti successivi che sono arrivati.
Farò solo qualche precisazione di carattere tecnico. Il destra e sinistra presenti nella lirica non fanno riferimento alla politica, nè quindi voglio parlare di una mia ambiguità nella scelta politica. Con questo non voglio, naturalmente, dire che disprezzo un coinvolgimento politico magari figurato anche attraverso le proprie liriche. Ma non è il caso di questa lirica.
Per il resto... Sono contento, Nebridio, che tu abbia gradito la mia lirica. Non so se sia stata la migliore o meno e tu, d'altronde, hai scritto che si tratta di un tuo personale parere. In ogni caso, se così fosse - magari anche parzialmente - significherebbe che il sottoscritto sta crescendo in questo universo virtuale grazie ai commenti, soprattutto quelli con una vena critica.
senza
Inviato: 10/5/2010 11:59  Aggiornato: 10/5/2010 11:59
Home away from home
Iscritto: 4/4/2004
Da: venezia
Inviati: 3123
 Re: Girandola
oddio... scusa ma mi devo realmente trattenere dal mettermi ad inveire contro di te... questa filastrocca non mi piace per niente, così allegrotta e paffuta, così colorata, così da film tragicomico... il senso che volevi trasmettere non è nemmeno malvagio, ma risulta rabbonito parziale incapace di arrivare davvero al sodo, piccolo barlume malinconico tra questo trottellare di roba che gira al venticello primaverile. messa così la trattazione di un tema eterno importante e mai risolto come quello della relatività della verità risulta, almeno ai miei occhi di studentessa di filosofia, assolutamente superficiale.
perdonami, credo tu abbia fatto cose centomila volte migliori. naturalmente non intendo offenderti, ma proprio non mi è piaciuta per niente. credo sia il mio gusto personale a impedirmi di apprezzare la forma e l'allegria, però è un tuo limite filosofico l'aver trattato in modo così en passant la verità
Jurgen
Inviato: 13/5/2010 12:28  Aggiornato: 13/5/2010 12:28
Quite a regular
Iscritto: 17/11/2005
Da: Bolzano
Inviati: 117
 Re: Girandola
Ciao senza. Ti ringrazio per aver dedicato alla mia lirica un po' di tempo e, soprattutto, per averla commentata. Cercherò - per quanto è antitetico alla mia stessa bizzarra natura - di non essere prolisso.
Mi soffermerò, in primo luogo, su quei due aggettivi "allegrotta e paffuta". Ti confesso ke mi hanno creato qualche imbarazzo, sebbene per differenti motivi. Il primo non corrisponde assolutamente al tono ke volevo impostare a "Girandola", ma se tale è stata l'impressione che tu ne hai tratto, allora mi porrò qualche domanda sulla mia maniera di esprimere, per il futuro. Ma ritengo che, per essere allegra qualcosa, occorrerebbe che anche il tema lo fosse o - magari - che il lessico utilizzato fosse confacente a quello scopo. Indubbiamente, potrei concordare sull'idea della leggerezza - apparente - nell'utilizzo di alcuni termini. Ma non su quell'allegrotta e soprattutto, non sul paffuta. Tale aggettivo dovrebbe indicare una consistenza fisica ed è di regola utilizzata con le persone. Dunque... se tu l'hai usata per la mia poesia, significa che essa è dilatata, o grossa, e ciò non sarebbe proprio vero, se non altro perchè dici che il tema viene trattato superficialmente. Inoltre... la poesia è abbastanza corta. Quindi, suppongo che quel "paffuta" significhi tutt'altro. Intendiamoci, senza, non ti sto processando per due parole. Mi manca la laurea per farlo. E' solo che mi piace capire nell'interezza ciò che mi viene scritto e quelle due parole, mio malgrado, non sono proprio riuscito a comprenderle.
Passando al resto... Quando parli di filastrocca colorata, penso tu faccia riferimento ovviamente alla girandola stessa. Mio malgrado, riconosco, che ci potrebbero anche essere alcuni connotati della filastrocca, sebbene - per quel che ne so - spesso le filastrocche sono caratterizzate da un senso vago che viene incastrato nelle rime baciate, a volte in maniera anche piuttosto maldestra. Se, per filastrocca ti riferisci soprattutto a questo stereotipo, allora sono costretto a dissentire lievemente.
Per non parlare dell'idea di "film tragicomico"... Dove sono i personaggi di questo film? E poi... s'intende tragicomico nel senso moderno - e quindi grottesco, pirandelliano se vuoi - oppure in senso seicentesco, alla Pierre Corneille, per intenderci? Se il tragicomico fosse da intendere col primo significato, beh.. allora devo - purtroppo - ancora una volta dissentire giacchè "Girandola" non ha niente di comico o ironico o sarcastico, nè ha qualcosa di davvero tragico in sè. Mi limito solo a fare una rassegnata constatazione di quanto sia facile pervertire la verità. Ah... cmq, se il significato del tragicomico è di stampo seicentesco, lì ci allontaniamo anni luce, perchè il senso si rivolge ad una dimensione teatrale che è assolutamente aliena rispetto a questa lirica.
Per la cronaca... dov'è scritto che il venticello sia primaverile? E prima di questo: dov'è scritto che si tratti solo di un venticello, e non di un vento forte o addirittura di un uragano?
Il tema della lirica è sì, la relatività della verità, ma certamente io non sono un filosofo - sebbene mi piaccia ragionare su ciò che mi circonda - e, certo, attraverso "Girandola" non ho certo inteso porre in essere un trattato filosofico. Ho, semplicemente, cercato di inquadrare questa relatività in un'immagine precisa, cioè quella di una girandola che volteggia in qualunque direzione. Certo, ammetto che non è qualcosa di estremamente filosofico, nobile ed elaborato, ma la lirica - lo ripeto - voleva inquadrare solo un momento di questa metafora della perversione della verità umana. Il tema è trattato attraverso strumenti superficiali e banali - come può essere una girandola ma, certamente, non "en passant". D'altronde, essendo la verità un tema così vasto eterno, non potevo nemmeno avere la presunzione di trattarla tutta qui, in una lirica di ozoz, senza cercare di inquadrarne una sua immagine, una sua metafora.
Ti ringrazio per il tuo commento. Non preoccuparti se mi offendo o meno. L'offesa non mi sfiora neppure nel momento in cui qualcuno mi dedica il proprio tempo. E, sebbene alle critiche ami anche rispondere - o perlomeno argomentare -, amo che me le si facciano per mi aiutano a crescere. Quindi... in futuro, qualora ci fosse da criticare duramente, vacci giù pure dura. Non sarò io il polemico.
Mmm.... comunque, ancora una volta mi sono dilungato. Mah... Guarirò mai da questa malattia?
A rileggerti,
Jurgen
Ostialla
Inviato: 18/5/2010 8:31  Aggiornato: 18/5/2010 8:31
Not too shy to talk
Iscritto: 5/4/2007
Da: Padova
Inviati: 68
 Re: Girandola
Hai seguito lo schema del vecchio Leopardi: prima l'immagine apologetica, nelle strofe uno e due (però allora ha ragione chi precisa che la girandola non gira fisicamente come scrivi, perché l'ìmmagine dev'essere esempio perfetto), poi alla tre l'esposizione dell'"arido vero", meditazione sull'esistenza. Hai fatto un buon lavoro.
senza
Inviato: 20/5/2010 22:54  Aggiornato: 20/5/2010 22:54
Home away from home
Iscritto: 4/4/2004
Da: venezia
Inviati: 3123
 Re: Girandola
a leggere il tuo commento devo dire che forse il problema della superficialità e banalità ( come tu stesso dici ) sia più che altro dovuto alla tua mancanza di fantasia ( mi riferisco al fatto che non hai inteso i termini paffuto, film tragicomico ecc, i quali indicavano una sensazione, un'analogia ). pertanto ti consiglio di sforzarti un po' di più di essere creativo e immaginativo. se poi accetti consigli di grammatica da chi trascura deliberatamente le maiuscole evita i ke e i cmq
bonne nuit
Jurgen
Inviato: 22/5/2010 5:46  Aggiornato: 26/5/2010 9:25
Quite a regular
Iscritto: 17/11/2005
Da: Bolzano
Inviati: 117
 Re: Girandola
Ke e cmq fanno parte del gergo degli sms e, certamente, è improprio in un contesto come un sito letterario. Chiedo dunque venia per questo. Per quanto riguarda la fantasia, spero di averne, perchè altrimenti avrei sbagliato mestiere. Et jusqu'à present la fantaisie ne m'a jamais manquée.
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti0323
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 42 utente(i) online (4 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 42

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 0
Ieri: 3
Totale: 5431
Ultimi: KimberlyGo

Utenti Online:
Ospiti : 42
Membri : 0
Totale: 42
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2017 OZoz.it