logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



Letture Incrociate - Racconti : La dama, il fiume e la mela.
Inviato da Autie76 il 22/9/2006 13:22:18 (2255 letture) Notizie dallo stesso autore


newsletter
Letture Incrociate - Racconti

(Considerando che la spia ha parlato ecco a voi una fiaba...)

C’era una volta un regno incantato con un bianco castello.

Poteva forse mancare un re?
Certo che no, egli era un uomo felice ed amato, solo una cosa lo turbava: la sua unica figlia, di nome Aurora, si era sempre rifiutata di prendere marito, nonostante ella fosse la più bella fanciulla di quelle contrade. Ogni giorno che passava il re si faceva sempre più preoccupato perché vedeva la figlia triste ed inoltre ancora non aveva un erede al trono, fu così che una mattina la fece chiamare dicendole: “Figlia mia, l’imperatore vuole un successore che possa prendere un giorno il mio posto e quindi ha inviato al castello tre valenti cavalieri e uno di questi, che tu sceglierai, diverrà tuo marito”.
“ Capisco padre mio, così sia allora: prenderò in sposo colui che riuscirà a superare una prova”.
Il re la osservò dubbioso e poi le rispose dicendo: “ Benedetta figliola, non ho mai saputo dirti di no, faremo come vuoi tu”.
Sorse il sole ed arrivarono, uno alla volta, i tre cavalieri. La famiglia reale si affacciò dal balcone e, dopo aver salutato la folla, Aurora prese la parola dicendo: “Mio amato popolo, ho deciso che avrà la mia mano chiunque riuscirà a superare questa prova: recuperare, nei pochi minuti di tempo che questa clessidra impiega a compiere la sua corsa, una mela che si trova al di là del Gran Fiume Rosso. Le regole sono queste: non è permesso passare da nessun ponte, né, tanto meno, usare barche, tronchi o qualsiasi altra cosa galleggi, inoltre è vietato bagnarsi.”
Un mormorio incredulo si levò tra i presenti: nessuno poteva credere che fosse possibile recuperare quella mela senza l’aiuto di qualche meraviglioso sortilegio.
Alle prime luci del giorno dopo Manfred di Worms, il primo dei tre cavalieri, se n’andò col suo seguito dal castello: tutta la notte era rimasto sveglio a pensare alla terribile prova, ed essendo giunto alla conclusione che fosse impossibile riuscirci decise di fare ritorno a casa.
Il secondo cavaliere, Sir Arthur di York, decise che l’unico modo per recuperare quel frutto fosse quello di saltare di sasso in sasso, confidando nei suoi fenomenali riflessi, ma quasi subito finì gambe all’aria e si fece un bel bagno, tra le risate del pubblico.
Il secondo e ultimo giorno fu la volta del principe d’Aragona Manuel Martinez. Egli si era fatto preparare un talismano che, stando alle parole del mago di corte che l’aveva accompagnato in quel viaggio, gli avrebbe permesso di camminare sulle acque come Nostro Signore Gesù.
Naturalmente, mio pubblico, non ci vuol molto a capire che dopo due passi il poveretto rischiò di annegare, mentre il mago già da un bel pezzo stava scappando in sella al suo mulo per i boschi.
Il pubblico ammutolì. Il re strinse la mano alla regina, trattenendo a fatica le lacrime. La principessa fece per andarsene quando si udì una voce da lontano chiedere: “Ho sentito che in queste terre si tiene una prova, mi è consentito parteciparvi?”. La principessa annuì a quel cavaliere che portava il viso celato da un elmo. Egli, allora, si fece portare una gabbia e prese da essa un falco ammaestrato che, libratosi in volo, superò il fiume e riportò, tenendola tra gli artigli, la mela al cavaliere.
Fu allora che l’uomo si spogliò dell’armatura e tutti riconobbero in lui il figlio dell’imperatore. Aurora quasi svenne, davanti a lei c’era l’unico uomo che avesse mai amato, partito per le crociate tanto tempo prima e, a causa del quale, aveva sempre rifiutato di prendere marito per tutti quegli anni. I due giovani si sposarono, amandosi per tutta la vita, ed il loro regno visse anni di grande prosperità e pace.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
senza
Inviato: 22/9/2006 14:06  Aggiornato: 22/9/2006 14:06
Home away from home
Iscritto: 4/4/2004
Da: venezia
Inviati: 3123
 Re: La dama, il fiume e la mela.
beh carissimo AU la tua fiaba pecca un po' per mancanza d'innovatività...
inoltre, è troppo rapida
mi è piaciuto l'inizio, il dire che in ogni fiaba ci vuole un re, e questa frase basta a giustificare quanto scritto sopra, il fatto che tutti siano innamorati della principessa, che è bellissima ( ma non per questo! per la sua estrema cultura che ha dato modo d'evidenziare in tutta la storia )
però m'aspettavo qualcosa di più da te, devo ammeterlo
in compenso mi hai fatto venire in mente quei programmi idioti di Mtv che a me piacciono tanto: beh ogni ragazza ed ogni ragazzo prima di scegliere con chi uscirà gli fa superare delle prove, che sia la pulizia della stanza o una gara di boxe
Autie76
Inviato: 22/9/2006 15:21  Aggiornato: 22/9/2006 15:21
L'iscritto più vecchio di OZoz
Iscritto: 18/8/2003
Da: Far West
Inviati: 600
 Re: La dama, il fiume e la mela.
Carissima senzuccia, permettimi di fare delle precisazioni: quando mai, nelle fiabe, si sono visti principi stupidissimi fare la corte a principesse intelligentissime?
Inoltre la fiaba è così veloce perché , avendola inviata ad un concorso, questa era la massima lunghezza concessa.

Per finire sono contento che tu ti aspetti di più da me: lo prendo come un complimento.
Anch'io mi aspetto tanto dalle tue doti di scrittrice, stiamo un po' a vedere...
Ciao.
Sphinx
Inviato: 22/9/2006 20:02  Aggiornato: 22/9/2006 20:02
Home away from home
Iscritto: 12/6/2005
Da: Firenze
Inviati: 570
 Re: La dama, il fiume e la mela.
Che dire.
per essere una fiaba lo è, ma il cavaliere alla fine appare troppo improvvisamente, sa troppo di Deus ex machina per i miei gusti.
Non sarebbe stato meglio dire all'inizio il perché la figlia del re non aveva sposato nessuno? Ma in questo caso, seguendo i cliché delle fiabe, non sarebbe stato il re a proporre la prova invece della figlia?

Mi sa che sono troppo pignolo.

A rileggerti.
Darkside
Inviato: 22/9/2006 23:40  Aggiornato: 22/9/2006 23:40
Quite a regular
Iscritto: 23/4/2005
Da:
Inviati: 160
 Re: La dama, il fiume e la mela.
Credo di poter condividere più o meno in tutto il commento di Senza.
Citazione:
quando mai, nelle fiabe, si sono visti principi stupidissimi fare la corte a principesse intelligentissime?

Bè dai, ma un po'di innovazione ci può stare

Citazione:
Inoltre la fiaba è così veloce perché , avendola inviata ad un concorso, questa era la massima lunghezza concessa.

Per quanto mi riguarda, dato che come ho detto condivido il giudizio di Senza, la fiaba non è veloce perchè breve, ma perchè nelle due righe finali conclude in maniera troppo sbrigativa.. credo che si potesse rielaborare meglio per stare comunque nei parametri del concorso. Per esempio il mini riassunto che spiega chi è l'ultimo cavaliere e perchè la principessa non voleva sposarsi, è troppo stringato, quasi tirato via. Scusmai se sembro dura, cerco solo di essere sincera

Ah, sai che la prova che propone la principessa mi ha ricordato un giochino/indovinello? Solo che lì bisognava capire come prendere delle ciliegie oltre un lago ghiacciato.. e la soluzione ovviamente è... diversa
Autie76
Inviato: 23/9/2006 8:22  Aggiornato: 23/9/2006 9:40
L'iscritto più vecchio di OZoz
Iscritto: 18/8/2003
Da: Far West
Inviati: 600
 Re: La dama, il fiume e la mela.
Cari amici commentatori,
intanto grazie per aver lasciato la vostra opinione. Non vorrei sembrare permaloso, decrepito si, ma permaloso....
Eppure vorrei chiarire il mio punto di vista.
Caro Sphinx, dire in anticipo perché la figlia del re non avesse ancora voluto prendere marito sarebbe stato talmente sbagliato da rovinare la sorpresa finale e far capire, da lontano un miglio, come si sarebbe conclusa la fiaba.
Inoltre il re non avrebbe avuto nessun interesse a proporre la prova: primo perché voleva la figlia subito sposata, secondo perché è la figlia a non volersi sposare o, alla peggio, colei che vuole cercare un pretendente valido ed astuto.
Si, il cavaliere è un po' Deus ex machina ma d'altronde la cosa si adatta già meglio ad una fiaba che ad un racconto.

Per quanto riguarda il commento di Darkside è giusto in linea di principio, il problema è restare nei tempi non volendo togliere le variabili dei tre cavalieri che falliscono la prova e volendo dare un velocissimo schizzo d'introduzione.

Propongo allora un giochino, al quale invito, chi ne avesse voglia, a partecipare: ciò quali tempi dare alla narrazione di questo testo.
Aspetto volonterosi.

Un salutone.
Il vegliardo.
Darkside
Inviato: 25/9/2006 0:54  Aggiornato: 25/9/2006 0:54
Quite a regular
Iscritto: 23/4/2005
Da:
Inviati: 160
 Re: La dama, il fiume e la mela.
Ehm, posso dire sinceramente di non aver capito?
In pratica vorresti sapere come scriverei io questa fiaba, quanto tempo/parole impiegherei per ogni passaggio?
Shoen
Inviato: 25/9/2006 12:03  Aggiornato: 25/9/2006 12:03
La principessa dei Saiyan
Iscritto: 2/11/2003
Da: Prateria australiana
Inviati: 3529
 Re: La dama, il fiume e la mela.
Come favola è simpatica, il finale fa sorridere (mi ha strappato anche una risata il re che fa alla principessa "Benedetta figliola..." )

Però, essendo appunto una favola, credo abbia un target di riferimento, o comunque manca del sottotesto necessario per essere una favola per adulti vera e propria. Però per i bambini è una storia simpatica e - quantomeno - non inquietante/disturbante come le favole classiche che si raccontano.

Gino
Inviato: 25/9/2006 15:42  Aggiornato: 25/9/2006 15:42
Just popping in
Iscritto: 24/9/2006
Da:
Inviati: 5
 Re: La dama, il fiume e la mela.
Sarebbe utile da raccontare ai bambini magari quando il sonno si fà"insistente".Però visto quello che hai dovuto fare per rientrare nel racconto,dovendolo adattare per una qualche necessità,seppur"compressa" la fiaba è completa di lieto fine.
Autie76
Inviato: 26/9/2006 9:27  Aggiornato: 26/9/2006 9:27
L'iscritto più vecchio di OZoz
Iscritto: 18/8/2003
Da: Far West
Inviati: 600
 Re: La dama, il fiume e la mela.
Beh si, considerando che quasi tutti i concorsi hanno un tetto massimo di caratteri diventa indispensabile saper gestire al meglio i tempi, nello svolgimento di una trama.
Partendo magari da questa fiaba, che è breve, sarebbe interessante leggere le varie proposte di adattamento del testo.

Un saluto a tutti.
faust
Inviato: 27/9/2006 16:28  Aggiornato: 27/9/2006 16:28
Home away from home
Iscritto: 8/8/2005
Da: l'isola che c'è
Inviati: 854
 Re: La dama, il fiume e la mela.
Carina la tua fiaba, Autie! Chissà perchè l'imperatore non ha pensato a suo figlio come possibile successore al trono del re?
il_corvo
Inviato: 28/9/2006 16:32  Aggiornato: 28/9/2006 16:33
Home away from home
Iscritto: 30/11/2004
Da: Carpi (mo)
Inviati: 949
 Re: La dama, il fiume e la mela.
E' la prima volta che leggo un racconto di "nonno" Autie

Come ogni nonno che si rispetti sa raccontar favole.
Lo stile è facile scorrevole, come si conviene ad una fiaba. I personaggi sono i tipici personaggi fiabeschi: il re, la principessa e i cavalieri.

Il nonno racconta con garbo lo svolgersi della trama, il bimbo ascolta rapito...finchè il sonno non prende il sopravvento ed allora con un filo di voce raccapezza un finale ed esce socchiudendo la porta...

Fuor di metafora, concordo con quanto detto, praticamente, da tutti quanti: pur non essendo originalissima è sufficientemente ben raccontata, il finale lascia un po' a desiderare.

A rileggerti
melitta
Inviato: 8/10/2006 13:10  Aggiornato: 8/10/2006 13:10
Just can't stay away
Iscritto: 8/7/2004
Da: Venezia - Milano
Inviati: 442
 Re: La dama, il fiume e la mela.
Questa fiaba ha una sua innegabile grazia; si propone in modo sornione, sorridente; inanella immagini e situazioni divertenti; ha, come tutte le fiabe che si rispettino, il lieto fine.
E proprio su questo finale, che ha suscitato qualche perplessità nei commentatori che mi hanno preceduta, vorrei spendere due parole.

Mi riallaccio a quanto ha detto saggiamente Shoen. Il target. Il target di questo racconto è un pubblico di bambini, non di adulti. E la logica dei bambini obbedisce a leggi diverse dalle nostre. Loro non cercano, come noi, spiegazioni dettagliate, plausibili e sostenute “in precedenza”da anticipazioni e ragionamenti sottili. A loro basta che il racconto si concluda in modo tale da lasciarli soddisfatti. E, alla luce del successo che questa fiaba ha ottenuto proprio tra i piccoli lettori – va precisato che la giuria del concorso in cui è stata premiata, era composta anche da bambini della scuola elementare – la si può senz’altro ritenere un lavoro ben riuscito.

Il finale, dicevo. Ripensiamo alla favola forse più famosa: Cappuccetto Rosso. Anche qui arriva, sul finale, il deus ex-machina in fattezze di cacciatore. Qualcuno sa nulla di costui? Chi era, perché stava nei paraggi della casa della nonna, anziché impiegare il suo tempo a tirare schioppettate a quaglie e fagiani nel bel mezzo del bosco? No. Noi (bambini) accettiamo il suo ingresso nella casetta come qualcosa di “necessario”, risolutivo, entusiasmante: un qualcosa di inconsciamente atteso. Ci chiediamo, per caso, perché il Lupo non abbia sbranato e masticato la nonna e la nipote? No. Eppure sappiamo che i denti del lupo azzannano e dilaniano. Ci meravigliamo – forse – che dal ventre squarciato dal cacciatore con una precisa coltellata, le due “presunte morte” riemergano sane, salve e intatte. Ma è una sorpresa bellissima. Una catarsi, una liberazione dai sentimenti negativi che sin lì avevamo accumulato. Nella fiaba come nella tragedia greca, il percorso che conduce al finale è piuttosto simile.

melitta
il_corvo
Inviato: 9/10/2006 7:07  Aggiornato: 9/10/2006 7:07
Home away from home
Iscritto: 30/11/2004
Da: Carpi (mo)
Inviati: 949
 Re: La dama, il fiume e la mela.
Leggendo quanto commentato da melitta, mi sovveniva, se non erro, che la Cappuccetto rosso conosciuta attualmente altro non è che una rivisitazione dei fratelli Grimm, di una storia di Perrault che in origine non aveva affatto un lieto fine.

Per cui...
melitta
Inviato: 9/10/2006 9:19  Aggiornato: 9/10/2006 9:19
Just can't stay away
Iscritto: 8/7/2004
Da: Venezia - Milano
Inviati: 442
 Re: La dama, il fiume e la mela.
Per cui... Se di una stessa fiaba esiste una prima versione col finale truculento e una seconda versione con il lieto fine, e ad avere tuttora successo è proprio la seconda versione, viene avvalorata la tesi che i bambini preferiscono il canonico finale "e vissero tutti felici e contenti" e accolgono con entusiasmo la venuta dell'eroe buono (il deus ex-machina della tragedia greca), senza farsi troppe domande sulla sua provenienza.
il_corvo
Inviato: 9/10/2006 10:13  Aggiornato: 9/10/2006 10:13
Home away from home
Iscritto: 30/11/2004
Da: Carpi (mo)
Inviati: 949
 Re: La dama, il fiume e la mela.


il che non esclude a priori commenti negativi sulla scelta del "finale".


(Non me ne voglia Autie. Si fa naturalmente solo "pour parler")
Psiconauta
Inviato: 13/10/2006 19:14  Aggiornato: 13/10/2006 19:14
Just can't stay away
Iscritto: 14/3/2005
Da: Pisa-Venezia
Inviati: 245
 Re: La dama, il fiume e la mela.
Una fiaba in piena regola, nel bene e nel male. Forse potevi curare un pò di più alcune frasi, per esempio
"mio amato popolo, ho deciso che avrà la mia mano chiunque riuscirà a superare questa prova" non suona molto bene, con quel mio mia così a breve distanza.
Anche "il pubblico ammutolì" è un'espressione che arriva troppo all'improvviso e troppo chiusa in se stessa, forse dovrebbe essere preceduta da qualcosa o integrata in qualche modo. Inoltre non si capisce bene, all'inizio, la relazione causale tra l'essere bella e il doversi sposare.
Nel suo genere non è male, però resta l'impressione che tu c'abbia messo poco impegno.
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti4018348
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 59 utente(i) online (8 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 59

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 40
Ieri: 64
Totale: 5942
Ultimi: PatriciaD4

Utenti Online:
Ospiti : 59
Membri : 0
Totale: 59
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2017 OZoz.it