logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



Concorsi Scaduti: bandi e premiati : "Lama e Trama" 2006 (scadenza 25/09/06)
Inviato da She-OZoz il 25/8/2006 16:20:00 (2456 letture) Notizie dallo stesso autore


newsletter
Concorsi Scaduti: bandi e premiati

Gratuito
Art. 1 – La città di Maniago e la Provincia di Pordenone in collaborazione con l’Associazione Pro Maniago, bandiscono la quarta edizione del concorso letterario LAMA E TRAMA per racconti di genere giallo e noir. La partecipazione è aperta a tutti i cittadini italiani, europei, extraeuropei, senza limiti di età.

Art. 2 - Il tema del concorso è legato alle lame e ai coltelli, prodotto che contraddistingue l'industria e l'artigianato di Maniago, denominata appunto Città delle Coltellerie. I fabbri maniaghesi sin dalla seconda metà del 1400 hanno coltivato e perfezionato un'abilità particolare nel forgiare il metallo, dando forma a coltelli, utensili per contadini e boscaioli, nonché spade ed altre armi per le truppe della Serenissima Repubblica di Venezia. Questa tradizione tuttora si protrae e porta Maniago a primeggiare in tutto il mondo per la sua qualificata produzione.

Art. 3 - I racconti di genere giallo e noir dovranno ispirarsi esclusivamente a lame e/o armi e oggetti da taglio, per sviluppare con libera creatività l'intreccio della narrazione. L'elaborato dovrà essere rigorosamente inedito e in lingua italiana. Ogni autore potrà partecipare con un solo elaborato. L'elaborato dovrà pervenire entro e non oltre le ore 12,00 del giorno 25 settembre 2006 (farà fede la data del timbro postale), in 5 copie dattiloscritte o a stampa di computer, al seguente indirizzo:

ASSOCIAZIONE PRO MANIAGO
Via Umberto I° n. 2
Casella Postale n. 74
33085 - MANIAGO (PN)

Sulla busta potranno essere riportate le generalità del mittente, nel caso di eventuale restituzione al mittente stesso dovuta a disguidi postali. L'organizzazione provvederà, all'arrivo, a estrarre i materiali dalla busta e a distruggere la medesima, per garantire l'anonimato degli elaborati. L'organizzazione non risponderà a eventuali richieste, comunque pervenute, circa l'arrivo dei plichi (è dunque consigliato, ma non obbligatorio, l'invio a mezzo raccomandata A.R.).

Art. 4 - Il testo del racconto (titolo escluso), che in nessun caso verrà restituito all'autore, dovrà avere una lunghezza massima di 14.400 battute spazi inclusi. L'elaborato dovrà essere stampato o dattiloscritto solo su carta formato A4. Le copie degli elaborati dovranno essere anonime, e recanti vicino al titolo un codice scelto dall'autore. Stesso codice e titolo dovranno essere ripetuti su una busta chiusa che dovrà contenere al suo interno un foglio ove siano riportati in maniera assolutamente chiara e leggibile: le generalità dell'autore/autrice (nome e cognome), il suo indirizzo (completo di via, numero civico, codice di avviamento postale, località di residenza e provincia), recapiti telefonici ed elettronici (indirizzo e-mail), insieme a una dichiarazione liberatoria che autorizzi l'eventuale pubblicazione dell'opera.

Art. 5 - Gli elaborati che non rispettano le caratteristiche richieste saranno esclusi dal concorso, senza alcun obbligo di comunicazione da parte dell'organizzazione. L'organizzazione si riserva di pubblicare le opere vincitrici e segnalate come meritevoli dalla giuria.

Art. 6 - La giuria della 4° edizione 2006 del concorso Lama e trama è composta da 5 membri:
Luigi Bernardi (scrittore), presidente;
Piergiorgio Di Cara (scrittore);
Franco Limardi (scrittore);
Annamaria Poggioli (Assessore alla Cultura del Comune di Maniago);
Viviana Urban (Assessore alle Attività produttive del Comune di Maniago).

Art. 7 - A insindacabile giudizio della giuria, saranno assegnati i seguenti premi:
a) al 1° classificato assoluto, vincitore della 4° edizione del concorso: premio in denaro del valore di 1.500 Euro più coltello artigianale "Lama e trama", realizzato dai maestri coltellinai maniaghesi;
b) e c) a ciascuno degli autori di 2 opere segnalate ex aequo: premio in denaro del valore di 500 Euro più coltello artigianale "Lama e trama", realizzato dai maestri coltellinai maniaghesi.
d) Sezione speciale “LAMA (FORCHETTA) E TRAMA”. Fra tutti i racconti partecipanti, la giuria – in questo caso coadiuvata dalla Sig.ra Cinzia Scaffidi dell’Associazione Slow Food – selezionerà un racconto che, oltre alla caratteristiche regolamentari, presenti anche un'ambientazione o elementi specifici inerenti il cibo e la cultura gastronomica. Il racconto riceverà un premio di euro 500 offerti dallo Slow Food di Maniago. Il premio speciale, che sarà assegnato indipendentemente dalla classifica generale di Lama e Trama, garantirà anche la pubblicazione del racconto nell'antologia annuale. Tutti i premi sono al netto della ritenuta fiscale del 25% e comprensivi di eventuale I.V.A.

I vincitori verranno contattati telefonicamente e a mezzo telegramma con adeguato anticipo rispetto alla data della premiazione (vedi Art. 9). Il premio dovrà essere ritirato personalmente dai vincitori o - in caso di impossibilità - da un familiare o persona di fiducia tramite delega scritta.

Art. 8 - L'organizzazione non è tenuta in alcun modo a comunicare ai partecipanti notizie circa le valutazioni espresse dalla giuria sulle opere in concorso: non saranno dunque tenute in considerazione eventuali richieste di giudizi o pareri. L'organizzazione divulgherà esclusivamente i nomi degli autori e i titoli delle opere premiate, oltre ai nomi degli autori e ai titoli delle opere segnalate come meritevoli dalla giuria. Non verrà data risposta ai messaggi di posta elettronica che dovessero contenere quesiti già espressamente chiariti dal presente regolamento.

Art. 9 - La premiazione avrà nel mese di novembre 2006 presso il Comune di Maniago (Pn). La partecipazione al concorso comporta la totale accettazione del presente regolamento.

NOTA BENE - Si ricorda ai concorrenti:

1. che - al termine dei lavori di valutazione da parte della giuria - verranno resi noti, nei tempi e nei modi scelti dall'organizzazione, SOLO i nomi del vincitore, dei due segnalati ex aequo e dei dieci racconti selezionati per la pubblicazione nell'antologia di Lama e trama; la giuria NON fornirà né giudizi né valutazioni nel merito dei singoli racconti né altra informazione circa i piazzamenti;

2. che NON verranno prese in considerazione richieste di informazioni, comunque pervenute, che facciano riferimento a questioni chiaramente contenute nel presente regolamento.

www.lamaetrama.it




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
She-OZoz
Inviato: 26/11/2006 19:24  Aggiornato: 26/11/2006 19:24
Daniela
Iscritto: 11/1/2003
Da:
Inviati: 2650
 Elenco premiati
Si era classificato al secondo posto lo scorso anno
IL VINCITORE DI LAMA E TRAMA 2006 E' ROSARIO PALAZZOLO DI PALERMO
Il presidente della giuria Luigi Bernardi: "Con Lama e Trama cresce una nuova generazione di scrittori di genere"
Secondo posto ex aequo per Silvia Tebaldi di Ferrara e Tommaso Chimenti di Firenze
Il premio speciale Slow Food a Matteo Cermusoni di Busto Arsizio
I nomi dei dieci autori selezionati per la nuova antologia

ROSARIO PALAZZOLO: CHI LA DURA LA VINCE...

A riprova del fatto che LAMA E TRAMA ha ormai uno "zoccolo duro" di concorrenti "aficionados", che tentano la fortuna edizione dopo edizione, migliorando via via le loro qualità narrative, il vincitore del concorso friulano ispirato a lame e coltelli è uno dei due secondi classificati dell’anno scorso: si aggiudica infatti il primo premio 2006 - tra i 262 partecipanti - Rosario Palazzolo di Palermo, 34 anni, attore e autore teatrale. Stessa sorte era toccata nel novembre 2005 a Daniele Piacenza, secondo classificato nell’edizione 2004.

Per il presidente della giuria Luigi Bernardi - insignito mercoledì 8 novembre della cittadinanza onoraria del Comune di Maniago, "per aver fatto conoscere Lama e Trama, e quindi Maniago Città delle Coltellerie anche oltre il territorio nazionale, coinvolgendo, sin dalla prima edizione, i maggiori autori italiani contemporanei" - è stata una piacevole sorpresa scoprire che il racconto più votato era quello di un nome già noto: "Con Lama e Trama - afferma Bernardi - sta crescendo una nuova generazione di scrittori di genere". "La vittoria di Palazzolo, che nel 2005 si era fermato al gradino più basso del podio, come anche il ‘ritorno’, tra i selezionati per la nuova antologia, di alcuni nomi già noti al pubblico e alla giuria di Lama e Trama, conferma - secondo lo scrittore bolognese - che le nuove promesse delle narrativa gialla e noir guardano a questo concorso come a una vera e propria palestra, dove mettere alla prova e veder riconosciute le proprie qualità". "Qualità - conclude Bernardi - che si affinano solo con l’impegno e con un esercizio consapevole e ostinato della scrittura".

Il titolo del racconto vincitore è "a N.", come una dedica silenziosa in cima a una lettera: un racconto drammatico, in forma di monologo, che parla di una tragedia familiare maturata in modo imprevedibile, un racconto forte, di grande impatto emotivo, che è valso a Palazzolo il primo premio di 1.500 euro e il coltello artigianale LAMA E TRAMA, ch’è ormai simbolo e portafortuna della manifestazione. Leggeremo "a N." in LAMA E TRAMA 4. ANCORA STORIE NOIR IN PUNTA DI COLTELLO, l’antologia dell’edizione 2006 del concorso, in libreria dalla prossima primavera per i tipi di ZONA. La vittoria esclude a Palazzolo la possibilità di partecipare ancora al concorso, ma gli assegna un posto d’onore nell’albo d’oro di LAMA E TRAMA.

SILVIA TEBALDI DI FERRARA E TOMMASO CHIMENTI DI FIRENZE I SECONDI CLASSIFICATI EX AEQUO

Silvia Tebaldi, 44 anni, da Ferrara, e Tommaso Chimenti, 33 anni, da Firenze, sono i due secondi classificati ex aequo: ricevono il premio di 500 euro ciascuno più l’ambìto coltello artigianale LAMA E TRAMA.

Silvia Tebaldi - autrice del racconto "Metafore aziendali" - vive a Bologna e lavora in una biblioteca: anche lei è tra gli "aficionados" di LAMA E TRAMA, e anche lei, come il vincitore Palazzolo, ha guadagnato posizioni nel corso del tempo: il suo racconto "Della pazienza delle mani" era stato selezionato due anni fa per la pubblicazione nell’antologia "Lama e Trama 2. Nuove storie noir in punta di coltello" (ZONA). "Metafore aziendali" è la storia di Toni, giovane manager al quale il capo ha chiesto di scrivere una relazione un po’ particolare. Ma un week end nella ‘Bassa’, un ritorno ai luoghi delle origini, imprimerà una svolta alla storia di Toni, e anche a quella del capo.

Tommaso Chimenti - autore del racconto "C’eravamo tanto amati" - è laureato in scienze politiche e giornalista pubblicista: collabora come critico teatrale al quotidiano "Il Firenze", al sito web scanner.it e al Portale Giovani del Comune di Firenze. "C’eravamo tanto amati" narra di un quarantenne che capita, in una notte di luna, vicino a una casa isolata. Non sa chi ci vive, ma il cancello è aperto, le luci sono spente: decide di entrare. Lo attende però una scoperta sconvolgente, e il racconto assume d’un tratto un tono irreale... I racconti di Tebaldi e Chimenti saranno inseriti nella nuova antologia del premio.

IL PREMIO SPECIALE LAMA (FORCHETTA) E TRAMA A MATTEO CERMUSONI DI BUSTO ARSIZIO

Il premio speciale "LAMA (FORCHETTA) E TRAMA" di 500 euro, messo in palio dal Convivium Slow Food del Maniaghese, va a Matteo Cermusoni, 32 anni, di Busto Arsizio, in provincia di Varese, per il racconto "La cosa più rosa (Storia di Chicco e Salma)", selezionato dalla giurata Cinzia Scaffidi, responsabile del Centro Studi e Relazioni Internazionali di Slow Food. Come da regolamento, il premio è stato assegnato al miglior racconto che - oltre ai prescritti riferimenti a lame, coltelli o altri utensili da taglio - fosse espressamente ispirato al cibo. "La cosa più rosa" è - come recita il sottotitolo - la storia di Chicco e Salma, due ragazzi che s’imbattono loro malgrado in un cuoco giapponese completamente pazzo...

Matteo Cermusoni è caporeparto in un ipermercato, ma la sua vera passione è la musica. Noto nei club e nelle discoteche varesine con il nome di "Dj irmu", è considerato un maestro dello scratch. Studi di pianoforte, Cermusoni ha fatto parte del gruppo musicale "Sottotono" e oggi si dedica (tra l’altro) alla produzione di gruppi emergenti dell’hip hop. Anche il racconto di Cermusoni sarà inserito nell’antologia del premio in libreria dalla prossima primavera.

TUTTI I RACCONTI SELEZIONATI PER L’ANTOLOGIA
LAMA E TRAMA 4. ANCORA STORIE NOIR IN PUNTA DI COLTELLO

Per non tradire le attese dei concorrenti, ansiosi di conoscere gli esiti del concorso, anche quest’anno la giuria di LAMA E TRAMA ha voluto rendere subito noti i nomi degli autori dei dieci racconti selezionati che saranno pubblicati nella nuova antologia LAMA E TRAMA 4. ANCORA STORIE NOIR IN PUNTA DI COLTELLO (ZONA).

Si tratta di: Marco Berrettini con "Non so nemmeno con chi"; Patrizia Braghiroli con "Chiedi al destino"; Gabriele Caprioli con "La prossima volta che ti suicidi lascia almeno due righe"; Enrico Elvis Crotti con "Musica per l’anima"; Maria Frigerio con "L’omissione"; Valeria Mazza con "Le stampelle sul terrazzo"; Gabriella Musetti con "Crebinèddu"; Annamaria Sansone con "La mezza turca"; Silvia Seracini con "Lettere di ghiaccio" e Valentino Sergi con "Dopotutto, c’era solo una camera da letto".
Anche tra i selezionati per l’antologia troviamo qualche "ritorno", così com’è stato per il vincitore Rosario Palazzolo: Enrico Elvis Crotti e Valeria Mazza, infatti, appaiono già nella seconda antologia del concorso ("Lama e Trama 2. Nuove storie noir in punta di coltello") come pure Annamaria Sansone, secondo posto ex aequo nel 2004, che anche lo scorso anno è stata tra i selezionati per la pubblicazione (in "Lama e trama 3. Altre storie noir in punta di coltello").

Al vincitore, ai secondi classificati ex aequo e a tutti i selezionati per la pubblicazione vanno le congratulazioni e i complimenti della giuria di LAMA E TRAMA 2006, composta - lo ricordiamo - dagli scrittori Luigi Bernardi (presidente), Piergiorgio Di Cara e Franco Limardi, dagli Assessori alle Attività Produttive e alla Cultura del Comune di Maniago, Viviana Urban e Annamaria Poggioli, e dalla responsabile del Centro Studi e Relazioni Internazionali di Slow Food, Cinzia Scaffidi.
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti005
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 39 utente(i) online (6 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 39

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 0
Ieri: 0
Totale: 5434
Ultimi: MaritzaNew

Utenti Online:
Ospiti : 39
Membri : 0
Totale: 39
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2017 OZoz.it