logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



Letture Incrociate - Poesie : Impotenza e disincanto
Inviato da erica il 16/5/2005 9:36:00 (1378 letture) Notizie dallo stesso autore


newsletter
Letture Incrociate - Poesie

Forze oscure
muovono
ovunque.
Inerme
galleggio sospinta
e non ho direzione.

L’impotenza,
virtù della pazzia,
ansia ancestrale
dov’è inutile il calco!
La bramosia
di salvezza
esce da dentro
preda di un risucchio,
trofeo dell’inevitabile
che lascia vuoto
e nero disincanto.
Abbandono alla vita
e affido al destino
questo fardello
mortificato
e macero,
non ho scelta.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
SweetyMoon
Inviato: 16/5/2005 18:10  Aggiornato: 16/5/2005 18:10
Home away from home
Iscritto: 3/5/2004
Da:
Inviati: 585
 Re: Impotenza e disincanto
allora,
la trovo un po' singhiozzante. Ci sono dei punti nei quali il ritmo si spezza e la lettura diventa poco scorrevole come

"La bramosia
di salvezza
esce da dentro
preda di un risucchio,
trofeo dell’inevitabile
che lascia vuoto"

e poi penso che il finale dovrebbe essere più incisivo, perché rimane un po' "sospeso". Magari, poi, quella era la tua intenzione e allora mea culpa!

Comunque, spero di ri-leggerti e non mi prendere troppo seriamente, sono solo una ragazzina strana che si diletta a scrivere qualche volta!
senza
Inviato: 16/5/2005 19:59  Aggiornato: 16/5/2005 19:59
Home away from home
Iscritto: 4/4/2004
Da: venezia
Inviati: 3123
 Re: Impotenza e disincanto
non so qualcosa non mi convince nella tua poesia, la leggo e la rileggo e qualcosa sembra sfuggirmi... forse è il ritmo o forse ci sono parole che si combinano male ad altre
trovo stoni decisamente il punto eclamativo
la sensazione che avevo prima era di grande calma
triste disillusa e rassegnata, calma, quasi tranquilla
il resto forse dovresti provare a riscriverlo
tenendo conto dell'inizio ma senza che ci sia construito attorno
leobloom
Inviato: 17/5/2005 9:07  Aggiornato: 17/5/2005 9:07
Home away from home
Iscritto: 18/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 509
 Re: Impotenza e disincanto
Quello che hai scritto lo trovo estremamente interessante.

I primi sei versi sono davvero suggestivi, anche se è un pò annaspante la musicalità. Concordo con quanto scritto sopra che quel punto esclamativo stona e lascia il lettore (per lo meno me ) disorientato: "L’impotenza,/virtù della pazzia,/ansia ancestrale/dov’è inutile il calco!"

Ma nel complesso il messaggio che lanci è intenso... comunicare non è poi il senso della poesia?
notteblu
Inviato: 17/5/2005 15:31  Aggiornato: 17/5/2005 15:31
Just popping in
Iscritto: 29/3/2005
Da: Sesto Calende
Inviati: 39
 Re: Impotenza e disincanto
Il testo è scritto con maestria e sapienza. Si nota che hai talento e cultura.

La nota che stona, a mio parere, è questa successione di termini che si accavallano, complicando un pò il tutto e costringendo il lettore a rileggere più volte e poi a rimanere interdetto...

Comunque capita spesso anche a me di scrivere troppi termini in successione... ^_^

Ciao.

Mauro
smoje
Inviato: 17/5/2005 21:11  Aggiornato: 17/5/2005 21:11
Autore dell'anno 2008
Iscritto: 19/4/2005
Da: L'Aquila
Inviati: 648
 Re: Impotenza e disincanto
Beh, a me ha comunicato. E molto. In qualche passaggio (verso il centro) forse perde un po' il ritmo, ma in generale riesci a comunicare queste forze/non forze che ti spongono/non spingono. Mi sembra molto oculata la scelta delle parole, (magari "virtù" e "trofeo"..., ma è stupido fare commenti sulle singole parole, lo so), e mi viene da dirti che arriverà. La scelta.
Alla prossima
erica
Inviato: 18/5/2005 12:42  Aggiornato: 18/5/2005 12:42
Quite a regular
Iscritto: 26/8/2003
Da: Vicenza
Inviati: 146
 Re: Impotenza e disincanto
Intanto mille&duemila grazie per i commenti. E “molto piacere” ai nuovi (almeno per me) Loebloom, Notteblu e Smoje! Premetto che non ho mai avvertito in me lo spirito poetico, sentendomi assai più narratrice. Sono più “istintivi cali di parole”, senza ritocchi, che poesie.
Detto questo, dire che era tutto intenzionale accentua il senso di pochezza che vi ha trasmesso ma… aimè… è proprio così!
A partire dal finale che (grazie SweetyMoon!) resta sospeso… nello stesso modo in cui mi fa sentire l’impotenza, sospesa.
Preziose anche le segnalazioni di Senza… L’inizio è proprio a parte, è come se parlassi tra me e me, lentamente. Poi subentra un’altra componente, una più sarcastica, logica, fredda. E il ritmo (o il non ritmo) si alza insieme al tono di voce, e i gesti teatrali di un monologo in scena. Ecco il perché del punto esclamativo. Ma ora che mi ci fate riflettere non rende in effetti. Forse dovrei mettere diciture per l’interpretazione come in musica: “pp”, “mf”, “f” per la velocità “comodo” e “andate” per il tono!
Ma mi aspettavo e volevo commenti ozozini, perciò grazie e, dati gli spunti preziosi, vi sottoporrò altri sproloqui poetici o… tentativi!
niabi
Inviato: 18/5/2005 20:46  Aggiornato: 18/5/2005 20:46
Home away from home
Iscritto: 3/7/2004
Da: dove sorge sempre il sole
Inviati: 969
 Re: Impotenza e disincanto
“Forze oscure
muovono
ovunque.
Inerme
galleggio sospinta
e non ho direzione.”

L’hai scritta per me?

Ritornando seria, mi sono “fiondata” sulla tua poesia per il titolo, cerca di comunicare già tanto e l’accostamento di quelle due parole mi ha colpito.

Io non so “analizzare” una poesia, nel senso che di struttura, composizione versi ecc…ne capisco davvero poco.
Quindi il mio approccio alle poesie che ci sono qui è esclusivamente di tipo comunicativo e di rilascio di sensazioni ed emozioni, e la tua poesia mi ha comunicato davvero molto.

Sarà perché mi sono ritrovata davvero parecchio nei primi versi che ti ho riportato.


Nia
ermannomirabello
Inviato: 19/5/2005 21:04  Aggiornato: 19/5/2005 21:04
Just popping in
Iscritto: 26/1/2005
Da: sicilia
Inviati: 34
 Re: Impotenza e disincanto
nel legggere le prime strofe sono rimasto incantato per la grande pacatezza con cui viene espresso un concetto forse un po pessimista, sembra quasi di fluttuare di essere trscinati in questo "galleggiare" espresso direi in maniera mirabile, mentre la parte centale mi sembra un po zoppicante come se cambiasse tono, la parte finale riprende la musicalità dell'inizio. Comunque debbo dire che mi è piaciuta anche se bisogna leggerla più volte.
A rileggerti Ermanno
arzy
Inviato: 27/5/2005 15:44  Aggiornato: 27/5/2005 15:44
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 10/12/2003
Da: Piacenza
Inviati: 1917
 Re: Impotenza e disincanto
tenebrosa, profonda, oscura, avvinghia l'anima, storce, distorce ed infine senza esitazione strappa a brandelli

con le spalle al muro, avvincente

senza respiro

senza pietà

nessuna speranza
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti103255
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 19 utente(i) online (4 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 19

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 10
Ieri: 27
Totale: 5656
Ultimi: AGLAundrea

Utenti Online:
Ospiti : 18
Membri : 0
Totale: 18
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2017 OZoz.it