logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



Letture Incrociate - Poesie : Lui sorride
Inviato da niabi il 13/2/2005 19:45:13 (1468 letture) Notizie dallo stesso autore


newsletter
Letture Incrociate - Poesie

Mani di bimbo
stringono vita
gocciolante
di dolore.

No…non più
solo…dolore.

Il suo viso
strappa il sospiro,

soffocano tutti
in quel sorriso.

No…non più
solo…dolore.

Mani di bimbo
si dimenano
nell’aria

i suoi sorrisi
si sciolgono
in amore.

Basta…non più
dolore…basta!




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
dotterel
Inviato: 14/2/2005 7:47  Aggiornato: 14/2/2005 7:47
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 25/10/2004
Da: Montopoli di Sabina
Inviati: 792
 Re: Lui sorride
Ciao. Potente l'inizio, enigmatico ma non troppo. Poi pero' all'immagine del dolore di questo bambino seguono "i suoi sorrisi", che, non avendo riferimenti precisi, non so come si concilino con il concetto di dolore ripetuto piu' volte. Molto bello "il suo viso strappa il sospiro". Molto bello anche il ritmo. Forse un'aggiuntina per far quadrare l'antitesi dei suoi stati d'animo...Ciao for now
D.
senza
Inviato: 14/2/2005 9:56  Aggiornato: 14/2/2005 9:56
Home away from home
Iscritto: 4/4/2004
Da: venezia
Inviati: 3123
 Re: Lui sorride
non ho capito il motivo del dolore ne il motivo del sorriso, lo lasci nascosto e non sono riuscita ad intuirlo, credo tu abbia fatto apposta a lasciare tutto sul vago, senza quasi nemmeno disegnare un'immagine nitida
ma la contrapposizione sorriso dolore ( forse è proprio il sorriso ad annullare il male ) è molto dolce
il bambino incarna tutta l'innocenza, posso pensare che quindi la persona a soffrire ( che fa soffrire ) fosse un adulto, o almeno mi viene logico pensarla così; purtroppo per me l'innocienza è anche talvolta sinonimo di ignoranza...
nella sua semplicità riconosco tutto il tuo stile
e anche nel tema trattato...
mi spiace, ma non mi è piaciuta affatto
LAMPIONS
Inviato: 14/2/2005 10:37  Aggiornato: 14/2/2005 10:37
Just can't stay away
Iscritto: 28/5/2004
Da: venezia
Inviati: 247
 Re: Lui sorride
ciao.
a me non è piaciuta molto, perchè ho trovato molte parole troppo forzate e che rendevano il componimento un pò pesante....
cmq mi è piaciuto il:
"soffocano tutti
in quel sorriso."
per dire anche i primi versi non sarebbero male, ma quel "gocciolanti di dolore" mi sembra che limiti il concetto perchè enfatizza, a mio parere troppo, il tutto!

alla prossima
matemati
Inviato: 14/2/2005 22:12  Aggiornato: 14/2/2005 22:12
Home away from home
Iscritto: 13/1/2004
Da: Firenze
Inviati: 1790
 Re: Lui sorride
Mah! A me invece piacciono molto le espressioni usate, e il senso generale della poesia.
Certo che si può "sorridere nel dolore", basta frequentare un po' di persone malate o disabili per rendersene conto. C'è chi ci bestemmia, ma c'è anche ci sorride. E allora forse, davvero, il dolore è piuttosto in chi gli sta accanto, ed è lui che implora "basta!"

In effetti Nia, avresti potuto dire di più. Ma anche così la poesia colpisce, nella sua semplicità.
Un abbraccio
arzy
Inviato: 14/2/2005 23:16  Aggiornato: 14/2/2005 23:16
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 10/12/2003
Da: Piacenza
Inviati: 1917
 Re: Lui sorride
a me fa pensare alla nascita, al dolore della nascita, dell'abbandono della calda culla materna e, dopo tanto dolore, la vita che supera il dolore, lo scoprire le gioie - dopo tanto dolore - che sono nella vita

beh, e mi è piaciuta
hinao85
Inviato: 17/2/2005 12:38  Aggiornato: 17/2/2005 12:38
Home away from home
Iscritto: 8/6/2004
Da: Brescia
Inviati: 1471
 Re: Lui sorride
mi sono letta prima i commenti degli altri per vedere se avevi lasciato spiegazioni a me è piaciuta, soprattutto il verso "soffocano tutti in quel sorriso".. sparo la mia cavolata mattutina? : a me ha dato l'idea dell'eccessivo ma superficiale coinvolgimento che la gente ha nei confronti di alcune cose. Mi spiego: sempre più si tende a lasciarsi commuovere, vuoi dalla televisione, vuoi dai film, ma lasciarsi commuovere senza però capire e carpire realmente il dolore che sta al di sotto di certe situazioni. E di qui il contrasto tra il sorriso del bambino che scioglie tutti, quegli stessi tutti che poi non sono capaci di fermare, nè di spiegare il dolore allo stesso bambino, che così ci picchia contro senza sapersi difendere. Ma credo che sia un'interpretazione solo mia vero? forse ci è arrivato matemati?
niabi
Inviato: 18/2/2005 21:52  Aggiornato: 18/2/2005 21:52
Home away from home
Iscritto: 3/7/2004
Da: dove sorge sempre il sole
Inviati: 969
 Re: Lui sorride


per prima cosa grazie a tutti per i commenti, e soprattutto per fermarvi a leggere (faticosamente ) quello che scrivo…

provo a spiegare quello che volevo descrivere:
è la storia di un piccolo che ora ha quasi sei mesi, cinque dei quali passati in modo doloroso per problemi intervenuti già prima della nascita…ho provato solo a descrivere l’effetto che mi ha fatto ricevere un suo sorriso…è qualcosa che mi ha colpito profondamente (anche in un mio racconto “Jenny” – anche se per chi l’ha letto è passato in secondo piano – ho provato a descrivere la stessa cosa).
Quel gesto mi si è stampato dentro, perché non è stato del tipo “ma sì che te lo faccio un sorriso!” come se ne vedono tanti in giro, è stato vero, tremendamente vero in tutta quella sofferenza…e la mia reazione, tenendolo in braccio, è stato un fastidio pungente agli occhi che, a parte in qualche altra situazione, non mi si sono mai riempiti così velocemente di lacrime che non ho neanche provato a trattenere.

Mate ha colto in pieno il senso della “poesia”, ma solo perché sapeva di che cosa trattava , ha un po’ imbrogliato!

p.s. il bimbo FINALMENTE sta un po’ meglio, per questo l’ho voluta dedicare a lui.

Grazie!
Forever
Inviato: 19/2/2005 20:03  Aggiornato: 19/2/2005 20:03
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 24/7/2004
Da: Roma
Inviati: 1979
 Re: Lui sorride
E' molto struggente leggere il dolore attraverso gli occhi di un bambino. Una volta in ospedale un pediatra mi ha detto che i bambini veramente malati, neppure si lamentano. Questo mi ha fatto pensare molto. La tua poesia mi ha ricordato questo episodio.
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti631191
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 65 utente(i) online (12 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 65

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 63
Ieri: 45
Totale: 5861
Ultimi: CalebBusta

Utenti Online:
Ospiti : 64
Membri : 0
Totale: 64
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2017 OZoz.it