logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



Pagina (1) 2 3 »
Letture Incrociate - Racconti : Nuvole
Inviato da Haruka il 22/10/2004 8:51:14 (2989 letture) Notizie dallo stesso autore


newsletter
Letture Incrociate - Racconti

Kaius si affacciò dalla finestra dell'imponente Torre Ovest e guardò il desolante spettacolo che il paesaggio arido offriva.
La natura non era stata generosa con quel pianeta: la vita non esisteva e nulla poteva rimanere integro a lungo nelle assolate pianure desertiche; ma l'uomo e la sua tecnologia, avidi di oltrepassare sempre nuovi confini, avevano vinto anche quella sfida.

Era nata così Mayhem, la Grande Fortezza: un'imponente citta' blindata e autosufficiente, dove i suoi figli prosperavano grazie ad immense macchine e complicati procedimenti chimici, indifferente alla morte che regnava oltre le spesse mura.
Kaius ne era il sovrano, l'ultimo di una nobile stirpe, e sotto i suoi antenati Mayhem era cresciuta in ricchezza, potere e maestosità: capolavoro indicusso del sistema solare Prin, Mayhem si ergeva magnifica, sfidando il vento bollente e il sole cattivo.
Kaius si annoiò presto della monotonia paesaggistica e si allontanò stizzito dalla finestra: grandi preoccupazioni attanagliavano la mente del giovane regnante.
Era nato in uno dei periodi di massimo splendore della Fortezza, dove nessun nemico minacciava la Pace, dove la gente era felice e ricca e dove i bisogni non esistevano. In uno stato cosi' positivo un Re serviva ben a poco: gli anni passavano ed un Kaius ormai trentenne guardava con orrore la prospettiva di passare inosservato agli occhi della Storia del suo Popolo.
Una tale eventualità era da escludere: Kaius voleva assolutamente essere ricordato per i suoi meriti, se non come guerriero coraggioso, almeno come mitico sovrano.
Si passò una mano tra i lunghi capelli neri lasciandosi cadere sul trono e guardando la finestra assolata, ad un tratto, ebbe una folgorazione: uscì di corsa dalla Sala Reale percorrendo trafelato i lunghi corridoi e salutando frettolosamente chi si inchinava al suo passaggio. «Gandolfo!» urlò entrando nella biblioteca «GANDOLFO!!!»
Il giovane bibliotecario arrivò spaventato nel sentirsi chiamare a gran voce addirittura dal Re in persona!
Si lisciò la lunga tunica verde scuro e si raddrizzò gli occhiali, guardando il Re stupito e curioso allo stesso tempo.
«Gandolfo caro» disse il monarca «trovami subito tutti i libri che hai sulla Terra!»
Il gracile bibliotecario assunse una buffa aria pensosa e, sistemati gli occhialoni tondi sul naso, partì di gran carriera per trovare i libri giusti.
Kaius non stava piu' nella pelle per l'eccitazione e quasi fece cadere Gandolfo quando gli strappò impaziente i pesanti tomi dalle braccia.
Dopo un pò di ricerca, Kaius lanciò un urlo di vittoria:«Ecco! Ecco! Popolo della Fortezza! Ecco perchè mi ricorderai!»
Scattò in piedi contemplando ammirato una tavola illustrata: rappresentava un mare in tempesta con grandi nuvoloni neri e pesanti cavalloni che si infrangevano sugli scogli. «Ti mostrerò uno spettacolo che non hai mai visto! Popolo della Fortezza, ti mostrerò LA PIOGGIA!!!»




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
Pagina (1) 2 3 »
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
senza
Inviato: 23/10/2004 13:41  Aggiornato: 23/10/2004 13:41
Home away from home
Iscritto: 4/4/2004
Da: venezia
Inviati: 3123
 Re: Nuvole
all'inizio mi è subito venuto in mente uno di quei paesaggi e di quei racconti fantasy, un po' per i nomi, un po' per la torre ( richiamo medievale ) e la tecnologia così accostati
beh, di sicuro se non passare per i libri di storia essere riconosciuti da tutti come un re che ha mantenuto la pace, non mi sembra poco, però quello che dici, il fatto di passare inosservati è una di quelle cose che fanno paura un po' a tutti..
( ma esattamente, come si fa a respirare senz'aria? e l'acqua è l'elemento che tutti cercano su Marte e sui vari pianeti proprio nella speranza che ci sia la possibilità di trovare forme di vita... direi che senza questi fattori dei diretti discendenti degli uomini non potevano sopravvivere a lungo, come molte altre specie animali... )
e poi, perchè dei pazzi modificati geneticamente devono per forza essere anarchici???
trovo che l'ultima parte sia troppo veloce, avresti dovuto soffermarti molto di più, come nell'inizio, perchè i ritmi sono terribilmente diversi
a parte questo e certe cose che non stanno molto in piedi ( come l'ossigeno citato sopra ) l'idea della pioggia era belle, per chi non l'ha mai vista, immagino sia una grande magia
solaris
Inviato: 28/10/2004 8:42  Aggiornato: 28/10/2004 8:42
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 4/4/2004
Da: Alcadia
Inviati: 2416
 Re: Nuvole
sai
credo di poterlo capire il re folle.
la pioggia ha una bellezza da cui il ciclo del tempo non può prescindere
la pioggia ha un rumore che è come la carezza di un'amante lungo la spina dorsale,
la pioggia assegna a ogni punto della terra un significato che si perde,
la pioggia cambia i colori a tutto
spegne i contrasti di luce e attenua
ciò che l'occhio si stanca di incontrare.
accoglie la pioggia e ripara dal sereno.
immaginare un popolo che non la sappia
è immaginare un corpo bruciato e secco
immaginare pelle tesa e bramosia di sonno
energia in dispersione e poco silenzio.
il re folle
sente
la minaccia di non venir
ricordato.
non c'è sangue
per la troppa luce
per il sereno
sempre uguale
il sangue ristagna.
che la tentazione a sfidare il cielo
lo porti a segnare
con mani stanche la fine
di una piatta linea
definita intorno
al tempo e allo spazio
vuoto di esistere?

confonde la pioggia
e nella confusione dei profili
libera,
la pioggia.



A.
matemati
Inviato: 29/10/2004 16:05  Aggiornato: 29/10/2004 16:05
Home away from home
Iscritto: 13/1/2004
Da: Firenze
Inviati: 1790
 Re: Nuvole
Una classica storia da "lontano fututro", con dei buoni spunti :l'immagine della fortezza isolata in mezzo al nulla, l'ambizione del re, la trovata di creare un fenomeno grandioso e affascinante....simpoatica l'idea del re che va a ricercare sui libri di scuola (ma perché dici " gli uomini e le donne di Mayhem"? ah, il politicamente corretto! )
Ma potrebbe essere migliore, e scusa se ora comincio con le critiche:
- non mi piacciono molto i nomi, Luminarius è troppo ovvio per uno studioso, e Gandolfo stona come unico che non finisce in -us; poi "Mayhem": significa "caos", e mi pare che in questa fortezza ce n'è anche troppo poco
- la parte finale è un po' affrettata, vorrei "vederle" di più queste nuvole che si formano, capire perché il getto (ma cosa intendi di preciso con "getto"?) appare strano, e soprattutto, perché muoiono tutti? Non mi risulta che il vapore acqueo sia letale, sia pur in dosi massiccie...a meno che non si tratttasse di un'altra sostanza, di cui gli scienziati non si erano accorti
- mi sembra che a volte tendi a ripetere lo stesso concetto 2 volte con parole diverse, è superfluo e apesantisce il ritmo. Anche la "spiegazione" finale poteva essere più sintetica.

Però, ripeto, l'ispirazione c'è: alla prossima!
Haruka
Inviato: 2/11/2004 9:43  Aggiornato: 2/11/2004 9:43
Not too shy to talk
Iscritto: 11/10/2004
Da: Roma
Inviati: 60
 Re: Nuvole
Prima di tutto grazie a chi se l'e' letto tutto
Cominciamo
#matemati

Citazione:

non mi piacciono molto i nomi, Luminarius è troppo ovvio per uno studioso, e Gandolfo stona come unico che non finisce in -us; poi "Mayhem": significa "caos", e mi pare che in questa fortezza ce n'è anche troppo poco


Vero per i nomi.. forse troppo ovvi.. per Gandolfo invece è una "dedica" ad una mia amica.
Ci tenevo a chiamare uno dei personaggi così.. e poi ce lo vedevo troppo bene insieme al personaggio!!
Per "caos" io invece l'ho chiamata così a presa in giro.
Immaginiamo questa specie di Fortezza (che, per rispondere a senza è quasi una prigione: lì dentro c'e' tutto un sistema di macchine che permette di respirare senza problemi ) che si staglia.. volevo avesse un nome da guerra, un nome potente, cattivo.
E così ho pensato a Mayhem :)

Citazione:

la parte finale è un po' affrettata, vorrei "vederle" di più queste nuvole che si formano, capire perché il getto (ma cosa intendi di preciso con "getto"?) appare strano, e soprattutto, perché muoiono tutti? Non mi risulta che il vapore acqueo sia letale, sia pur in dosi massiccie...a meno che non si tratttasse di un'altra sostanza, di cui gli scienziati non si erano accorti


Hai ragione.. troppo frettoloso..
io in realtà avevo pensato ad una specie di vendetta del pianeta.. nuvole cattive che nascono dal cuore del pianeta stesso a vendicarlo..
Si capisce poco eh?

Citazione:

mi sembra che a volte tendi a ripetere lo stesso concetto 2 volte con parole diverse, è superfluo e apesantisce il ritmo. Anche la "spiegazione" finale poteva essere più sintetica.


appuntato tutto.
Revisionerò presto alla luce dei vostri commenti

Grazie ancora!

ps: un bacetto a solaris e al suo commento :*
fernet
Inviato: 2/11/2004 13:42  Aggiornato: 2/11/2004 13:42
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 18/12/2003
Da: Milano
Inviati: 311
 Re: Nuvole
ottimo spunto ed ottima idea ... appunti sullo svolgimento:
- i nomi non mi piacciono .. leggendo le prime righe mi è venuto in mente Khmehr figlio di Phthor di AldoGiovanniGiacomo... ho letto il tuo commento... lascia Gandolfo e cambia gli altri...
- concordo sulla fretta della fine: hai un gran bel fossile su cui lavorare ... usalo! Non fermerti quando il gioco si fa più bello...
- posso dirti che così, a pelle, sento che ci sono un pò troppi aggettivi?

a rileggerti.
F
niabi
Inviato: 3/11/2004 22:19  Aggiornato: 3/11/2004 22:19
Home away from home
Iscritto: 3/7/2004
Da: dove sorge sempre il sole
Inviati: 969
 Re: Nuvole
Mi è dispiaciuto un po’ per il re, in fin dei conti voleva solo stupire.
Certo, ha peccato un po’ di manie di grandezza, però non credo meritasse quella fine.
Bè, questa però è solo l’opinione di una lettrice che si dispiace un po’ per tutto
Non leggo libri o racconti di questo genere, alla fine mi lasciano sempre un po’ dubbiosa mentre mi perdo tra nomi e luoghi particolari, ma il modo in cui desccrivi questi mondi è comunque bello e curato.
Ciao ciao!

Sonia
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti21155
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 44 utente(i) online (5 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 44

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 2
Ieri: 15
Totale: 5477
Ultimi: ClydeBuddi

Utenti Online:
Ospiti : 44
Membri : 0
Totale: 44
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2017 OZoz.it