logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



Letture Incrociate - Poesie : rassegnata paura
Inviato da senza il 14/10/2004 10:13:33 (1391 letture) Notizie dallo stesso autore


newsletter
Letture Incrociate - Poesie

Rassegnata paura
Temo di voler morire

vorrei aver scritto io a proposito dei passi inciampando e traguardi sgualciti

per non rischiare d'intrattenersi nell'illusione del resto ch'avanza
appena preludio tra lacera pelle tra mura sgretolate in ruggine
(co-stretti in un corpo trascurato di droga)
nella fine il mondo si s-taglia contro il tuo nero profilo, dietro,
sta piegato in un incendio




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
fiorderica
Inviato: 15/10/2004 6:49  Aggiornato: 15/10/2004 6:51
Vincitore I OzTorneoZen
Iscritto: 8/1/2004
Da:
Inviati: 879
 Re: rassegnata paura
Versi pregni di profonde riflessioni, di emozionante analisi e di forte coinvolgimento in un percorso doloroso.
Mi spiazza un po' l'allocuzione impersonale "..per
non rischiare d'intrattenersi nell'illusione". Sembra che la partecipazione attiva ad emozioni, analisi, riflessione, emergenti nei primi versi, prenda improvvisamente le distanze fra ciò che realmente provi e l'osservazione della sofferenza vagheggiata
"...resto ch'avanza
appena preludio tra lacera pelle tra mura sgretolate in ruggine
(co-stretti in un corpo trascurato di droga)..."
Trovo che l'intera poesia sia un po' penalizzata dalla costruzione che le hai dato. Prima versi brevi, poi lunghi e senza pause. Ciò ha messo in difficoltà la mia lettura, ho dovuto rileggerla e prendere fiato, assegnare le necessarie pause per comprendere. Belle ed azzeccate le metafore; intenso e struggente l'epilogo.
Molto bella, senza, davvero ! Se vuoi, prova a darle un ritmo più cadenzato, che dici?

A presto,
erica
SweetyMoon
Inviato: 15/10/2004 21:28  Aggiornato: 15/10/2004 21:28
Home away from home
Iscritto: 3/5/2004
Da:
Inviati: 585
 Re: rassegnata paura
devo dire che non ho capito molto la tua poesia. Non è che non mi piace, ma è che mi piacciono le singole immagini che evoca (come l'espressione "tra mura sgretolate in ruggine" molto fredda ma, allo stesso tempo intensa) ma non riesco a collegarle...
forse dovrei mettermi una giornata intera tentando di interpretarla, e forse lo farò perché non mi piace fare le cose a metà!
desmet
Inviato: 16/10/2004 11:36  Aggiornato: 16/10/2004 11:36
Not too shy to talk
Iscritto: 17/2/2004
Da: milano
Inviati: 90
 Re: rassegnata paura
Non so, non mi convince molto.
Pur trovandoci alcune immagini sicuramente valide ("traguardi sgualciti", e soprattutto le efficacissime ed evocative "mura sgretolate in ruggine", mi sembra di poterle vedere in una breve animazione dal riverbero rossastro), nel complesso la poesia mi dà l'impressione di essere eccessivamente slegata.
A volte le libertà sintattiche che ti prendi (tipo la ripetizione del "tra" nel quinto verso), nel mio modo di vedere, complicano la comprensione di un vocabolario già di per sé piuttosto ermetico, come peraltro la struttura lunga dei versi.
Belli i termini "co-stretti" e "s-taglia", bello e "dark" il nero profilo, ma alla fine non mi resta molto.
In my humble opinion
Penny
Inviato: 17/10/2004 11:58  Aggiornato: 17/10/2004 11:58
Just can't stay away
Iscritto: 19/9/2004
Da:
Inviati: 320
 Re: rassegnata paura
Lo stile, se così è lecito esprimerlo, tracima di purgatoriale, irrisolvibile realtà, che distilla nel poeta e dal poeta, i succhi d'una volitiva ed ormai azzerata, accordata prosa di realtà.
solaris
Inviato: 17/10/2004 13:29  Aggiornato: 17/10/2004 13:29
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 4/4/2004
Da: Alcadia
Inviati: 2416
 Re: rassegnata paura
io non posso non amare le parole di sta poetessa che parla di paura rassegnata
e in un violento procedere distende
le mani
per mostrare:
il primo conflittuale accostamento
l'ansia e la rassegnazione
quale un palpitare irrequieto che si sfalda in un ritmo consistente
ecco i versi spezzati dell'incipit
ecco la loro formale biascicata irriverenza
nello sviluppo.

c'è molto
c'è forse un cenno di meno
di quel che servirebbe per
abbracciare
tutto quello che dai.

ma verrà.

A.
senza
Inviato: 30/10/2004 19:06  Aggiornato: 30/10/2004 19:06
Home away from home
Iscritto: 4/4/2004
Da: venezia
Inviati: 3123
 Re: rassegnata paura
dovrei spiegarla
perchè se sembra slegata è perchè parla di tante cose, in un unico momento, un immagine nella mia testa, nella particolarità di quando l'ho scritta: una notte, mi sono svegliata e l'ho scritta ( leggermente diversa )
ma ci metterei troppo, concludo dicendo che non è facile da capire
grazie a tutti, per ogni parola


senza
riana
Inviato: 9/11/2004 8:35  Aggiornato: 9/11/2004 8:35
Just can't stay away
Iscritto: 26/1/2004
Da:
Inviati: 491
 Re: rassegnata paura
Non so...Viene usata una metrica confusa che distrae il lettore alla ricerca del senso di questa prosa.....perchè poesia non è..
Riana
Morrison
Inviato: 11/11/2004 11:19  Aggiornato: 11/11/2004 11:19
Quite a regular
Iscritto: 10/11/2004
Da: Morrison Hotel
Inviati: 138
 Re: rassegnata paura
Sono versi carichi, pesanti come mattoni, come l'incedere stanco dei tuoi passi.
Non arrenderti, in verità ti dico. O forse.. no?
robo13
Inviato: 21/11/2004 1:40  Aggiornato: 21/11/2004 1:40
Not too shy to talk
Iscritto: 15/11/2004
Da: brescia
Inviati: 65
 Re: rassegnata paura
mi piacciono particolarmente le poesie come questa ossia intense me al tempo stesso di non immediata comprensione, ti danno qualcosa ma non capisci bene come ci riescano. bello stile.
eccezzionali le paroòe spezzate co-stretti e s-taglia.
arzy
Inviato: 5/12/2004 2:13  Aggiornato: 5/12/2004 2:13
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 10/12/2003
Da: Piacenza
Inviati: 1917
 Re: rassegnata paura
non saprei dirti perchè, ma mi ha preso

sento che deve coinvolgermi che è costruita ad arte, che è interessante il susseguirsi di versi lunghi e il tuo consueto uso di parole ricomposte

certo, non mi piace la poesia ermetica

per me la poesia deve essere chiara

può non essere diretta, può servirsi di evocazioni e di immagini, ma sicuramente non può essere ermetica

la poesia deve parlare al cuore della gente, non può solo entrare in assonanza di simpatia con chi l'ascolta

insomma, dovresti fare uno sforzo in più

ma questa è un'opinione molto personale, non posso escludere che invece hai ragione tu

del resto l'ho detto

la tua poesia non l'ho capita a fondo, però m'ha preso
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti6520548
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 22 utente(i) online (5 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 22

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 65
Ieri: 88
Totale: 6168
Ultimi: WaylonThow

Utenti Online:
Ospiti : 22
Membri : 0
Totale: 22
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2017 OZoz.it