logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



Pagina (1) 2 3 4 5 »
Letture Incrociate - Racconti : Vivono tra noi
Inviato da matemati il 7/10/2004 23:15:04 (2397 letture) Notizie dallo stesso autore


newsletter




Letture Incrociate - Racconti

Fino a quella sera non avevo dato molto peso a quanto mi stava accadendo. Per trascuratezza o per paura di ammetterlo. Ma era la prima volta che mi succedeva tra conoscenti.
Ero in birreria con un gruppo di amici. Gli altri stavano discutendo sulla Formula Uno, e io mi guardavo intorno annoiato. Notai una ragazza particolarmente bella appoggiata al bancone. Aveva i capelli scuri lunghi e ondulati, una camicetta sbottonata fino a metà che lasciava intravedere un seno florido e un paio di jeans attillati che mostravano un sedere tonico. Era sola, e sorseggiava una birra dalla bottiglia.

- Ragazzi, ragazzi, guardate com’è quella!
- Quale?
- La mora in jeans e camicetta, là al bancone.
- Ma dove?
- Lì. Non posso mica indicare, dai. A sinistra!
- Io non la vedo.
- Neanch’io.
- Ma che dici?
Stava succedendo di nuovo. Fu il panico. La ragazza si scostò dal bancone portandosi dietro la bottiglia e attraversò la birreria verso l’uscita. Nessuno la guardava, solo io la vedevo. Gli amici scoppiarono a ridere.
- Ci hai preso per il culo!
- O magari hai le allucinazioni.
- Già, allucinazioni erotiche. Sei stato troppo tempo senza scopare.
Mi alzai di scatto: - Scusate, vado un attimo in bagno.
Dentro la toilette, respirai profondamente, mi accesi una sigaretta e ripensai a tutti gli episodi simili che mi erano successi.
Ero in coda all’ufficio postale. Davanti a me c’era un signore distinto. Quando venne il suo turno, lui non si mosse. La persona dietro di me disse: “Si è liberato uno sportello, vada!” Pensavo si rivolgesse a lui, ma quello si limitò a spostarsi di lato. “Allora si muove?” insisté l’altra persona toccandomi un braccio. Sbattei gli occhi, e il signore era sparito. Mi affrettai allo sportello, pensando che magari aveva cambiato idea e se n’era andato.
Stavo camminando per un viale. Un ragazzino in bicicletta arrivò di gran carriera, poi cominciò a fare impennate, sempre più inclinate. Ricordando le cadute che avevo fatto alla sua età, gli gridai “Sta attento!” quando mi passò vicino. Le altre persone per strada mi guardarono in modo strano. Forse, mi dissi, pensano che ognuno debba badare ai fatti suoi. Il ragazzo non c’era più.
Ero in macchina, fermo davanti alle strisce pedonali. Tutti avevano già attraversato tranne un gruppetto di famiglia, padre madre e bambino in passeggino. Questi non erano ancora arrivati a metà strada, ma le macchine dietro di me cominciarono a suonare. Mi voltai per fare un versaccio, e quando riguardai le strisce la famiglia era sparita. Ripartii brontolando contro la fretta che ha la gente al giorno d’oggi, ma anche chiedendomi come avessero fatto ad attraversare così in fretta.
E con questo facevano quattro episodi, e stavolta era inequivocabile. Rabbrividii: stavo impazzendo e soffrivo di allucinazioni, o magari ero una specie di medium che vede gli spiriti, come in certi film? Non sapevo quale delle due ipotesi fosse la peggiore. In ogni caso restare in bagno non serviva a niente, anzi, stare da solo faceva più paura. Tornai al tavolo.
Gli amici non ridevano più.
- Magari sei un po’ stressato.
- Non preoccuparti, succede.
Franco, che lavorava per una grossa ditta, esclamò:
- Bene, non sapevo a chi di voi fare la proposta, ma ora mi sembra giusto farla a lui.
- Che proposta?
- Fra un paio di giorni arrivano due funzionarie della nostra filiale in Islanda. Staranno qui qualche giorno e bisogna far loro un po’ di compagnia. Usciremo con loro io e te, d’accordo?
- Boh…okay.
- Vedrai che questo ti aiuterà.
Non immaginava come e quanto avesse ragione!




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
Pagina (1) 2 3 4 5 »
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
daniel
Inviato: 8/10/2004 8:59  Aggiornato: 8/10/2004 8:59
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 28/6/2004
Da:
Inviati: 779
 Re: Vivono tra noi
Ciao MAt! Mi inviti a nozze....commentare una specie di "fiaba"!!!!!!!
Direi che mi piace come scrivi, anche se evitarei qualche "parolaccia" gratuita.
Hai bella fantasia, rara in un uomo, e il racconto in generale è scorrevole e piacevole.
Però in alcuni punti, mi sembra un po' forzata, come se tu volessi piegare la storia invece di farti seguire.
Una cosa che non mi ha convinto è questa:
Se Vigdis è un elfo, perchè non vede i suoi simili?
(vedi quando sono fermi al semoforo ad es).
Se invece è un essere umano, che potere ha la Regina per nasconderla alla vista del protagonista?
Inoltre nella parte finale, sia Thora che Franco, continuano a vederla.....perchè?
Scusa se sono un po'..noiosa!
A parte questo......mi è piaciuta davvero!
Ciao Mat
Dan
matemati
Inviato: 8/10/2004 11:38  Aggiornato: 8/10/2004 11:41
Home away from home
Iscritto: 13/1/2004
Da: Firenze
Inviati: 1790
 Re: Vivono tra noi
Grazie Dan!
In effetti la faccenda che citi è un po' complicata, ma rispecchia esattamente la tradizione islandese. Gli elfi possono lasciarsi vedere dagli umani, se vogliono, e così fa Vigdis, per qualche motivo suo...quando è insieme al protagonista FINGE di non vedere gli altri elfi, x non farsi scoprire. L'incantesimo della regina fa sì che il protagonista non possa più vedere NESSUN elfo, Vigdis compresa, e questa è la sua punizione. Gli altri continuano a vederla perché non sono stati "puniti".
Spero di non averti confuso di più le idee...

Per le parolacce: sai com'è, quando sei in birreria con gli amici e commenti le ragazze capita...

E non sei affatto noiosa: anzi, ben vengano i dubbi se il racconto li suscita
Autie76
Inviato: 8/10/2004 14:23  Aggiornato: 8/10/2004 14:23
L'iscritto più vecchio di OZoz
Iscritto: 18/8/2003
Da: Far West
Inviati: 600
 Re: Vivono tra noi
Ciao prof, è sempre un piacere leggerti:
la tua penna non è mai noiosa o banale.
La favola è carina anche se la trama è molto lineare.
Vorrei solo accennarti ad un paio di mie riflessioni: non so bene spiegare questa mia sensazione ma mi sembra di notare troppo nei dialoghi la tua presenza... invece di vedere i tuoi personaggi immagino te chino su una tastiera
Inoltre snellirei un pò il racconto eliminando un pò di elfi qui e là. Intendiamoci non sono un novello Erode elfico però credo che lo svolgimento della tua storia possa essere chiaro anche senza introdurre troppi personaggi che rischiano di appesantire un po' il racconto, quando invece il lettore ansioso chiede di sapere cosa sta succedendo al protagonista.
So che come consigli sono piuttosto generici, quindi per qualsiasi evenienza chiedi pure.
Alla prossima.
giosp
Inviato: 8/10/2004 19:55  Aggiornato: 8/10/2004 19:55
Home away from home
Iscritto: 21/10/2003
Da: Veneto
Inviati: 2896
 Re: Vivono tra noi
Confesso che il racconto non mi ha convinto + di tanto.
La prima pagina sembrava, a mio avviso, + un articolo di cronaca che un racconto. Forse questo ha influito sul resto del racconto. Mi ha dato l'impressione che il narratore fosse quasi estraneo a tutte le vicende, quando invece è in prima persona.
Boh, potrebbe essere anche solo una mia confutabilissima impressione.
Ti dico anche che già da quando sono arrivate le due islandesi avevo capito come sarebbe finita la storia, xciò è stato + un andare avanti x confermare l'idea che un andare avanti x scoprire cosa succede.

Cmq, x essere un argomento x cui non provo nessun tipo di interesse (gli elfi), sei riuscito a farti leggere.
Spero di rileggerti presto.
niabi
Inviato: 8/10/2004 20:06  Aggiornato: 8/10/2004 20:06
Home away from home
Iscritto: 3/7/2004
Da: dove sorge sempre il sole
Inviati: 969
 Re: Vivono tra noi
Incredibile Mate!

Vabbè che siamo ospiti nel mondo di Oz, ma che fantasia! Ho immaginato tutte le scene descritte ed anche la Regina dallo sputo magico.

Mi piace il modo in cui scrivi, semplicemente ma con cura, con attenzione a piccoli particolari che fanno poi da contorno e da supporto a tutta la storia.

Bravo!

p.s. te lo scrivo perché me lo trovavo sempre segnato di rosso nei temi di scuola…per lo meno si dovrebbe scrivere perlomeno. Se, invece, si può scrivere anche per lo meno…per favore dimmelo! Che vado a riprendermi quanto tolto ingiustamente!
Forever
Inviato: 11/10/2004 12:19  Aggiornato: 11/10/2004 12:19
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 24/7/2004
Da: Roma
Inviati: 1979
 Re: Vivono tra noi
Premetto che il mistero mi ha sempre affascinato, anche se sostanzialmente sono una persona scettica. La storia è scritta magistralmente, non ho neppure un appunto da farti. Per quanto riguarda la logica invece, mi sono persa nel finale quando si scopre la natura elfica di Vigdis. Come mai Franco e Thora riescono a vederla? Ho visto che hai già spiegato il motivo, però devi calarti nei panni del lettore e rendere la storia credibile o meglio coerente.
Anche a me sfuggiva questo particolare, nei miei racconti davo per scontate un sacco di cose, invece il lettore è esigente e pretende spiegazioni valide e dettagliate, tranne ciò che è ovvio, chiaro.
Ribadisco i miei complimenti, con uno stile narrativo come il tuo, leggeremo grandi cose su ozoz. A presto.
giosp
Inviato: 11/10/2004 12:24  Aggiornato: 11/10/2004 12:24
Home away from home
Iscritto: 21/10/2003
Da: Veneto
Inviati: 2896
 Re: Vivono tra noi
Forever, non x niente Mate insegna matematica, e non x niente è la mia materia preferita.
senza
Inviato: 12/10/2004 7:40  Aggiornato: 12/10/2004 7:40
Home away from home
Iscritto: 4/4/2004
Da: venezia
Inviati: 3123
 Re: Vivono tra noi
sinceramente l'inizio era sembrato molto interessante, però andando avanti sempre meno, ormai era un po' scontato... e anche il finale a sorpresa, non mi ha stupita
non mi ha coinvolto, l'ho trovato carino ma nulla di eclatante
scritto con molta semplicità e ma con poco mistero...
massy
Inviato: 13/10/2004 11:33  Aggiornato: 13/10/2004 11:33
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 7/7/2004
Da: Novara
Inviati: 299
 Re: Vivono tra noi
Bravo professo'!

Un racconto piacevole, ben elaborato e con descrizioni precise ma non noiose.

Un unico appunto: se il protagonista era colui che vedeva gli elfi, com'è che la vichinga prima era visibile a tutti e poi non più per lui solo? Non so, forse mi son perso qualcosa...

Comunque un bel lavoro!

A presto!

M.
lamù
Inviato: 13/10/2004 11:43  Aggiornato: 13/10/2004 11:43
Home away from home
Iscritto: 27/10/2003
Da:
Inviati: 1409
 Re: Vivono tra noi
uffaaaa! Avevo scritto un commento bello articolato, poi ho fatto casino ed è scomparso...

Dicevo, la tua scrittura mi piace, s'intravede la bellezza incantata dei paesi nordici e si respira aria buona e leggera. All'inizio sembra prendere un'altra strada più surreale e misteriosa, poi si rivela più semplice ma non deludente..perchè il protagonista riesce simpatico e reale, e l'uso che fai della scrittura aiuta molto, è chiaro e accompagna senza risultare invadente.

Il finale però lascia un'insoddisfazione logica! Così come han detto altri dovresti spiegare perchè gli altri vedono la ragazza, perchè questi altri non vedono gli altri elfi, e perchè la ragazza finge di non vedere gli elfi che il protagonista le mostra. O forse questo punto non è essenziale se alla fine spieghi quello che hai detto nel commento. Lo stava prendendo un po' in giro...e voleva tener tutto nascosto..

Lasciato così perde un po', da l'idea di un finale inverosimile, che non rispetta e leggi interne che prima hai dato..

A parte tutto mi ha fatto piacere leggerlo, ed era da tanto che non c'era qualcosa di tuo qua su ozoz! A rileggerti prestissimo,
lamù
giosp
Inviato: 13/10/2004 12:16  Aggiornato: 13/10/2004 12:16
Home away from home
Iscritto: 21/10/2003
Da: Veneto
Inviati: 2896
 Re: Vivono tra noi
Ma insomma, ragazzi, ma è così difficile la logica del finale?!?! Non mi pare troppo contorto, anzi, permette di ragionarci un attimo in modo da dare un po' di attività al lettore, ma non è così difficile...
Pikkante
Inviato: 13/10/2004 16:03  Aggiornato: 13/10/2004 16:03
Not too shy to talk
Iscritto: 4/4/2004
Da: Biella
Inviati: 73
 Re: Vivono tra noi
Ciao Mate,
carino il tuo racconto, una favola agrodolce direi, che tocca uno di quei temi da sempre graditi a grandi e piccini. io il finale l'avevo capito fin da subito, ma non x questo intendo denigrare la tua fantasia, i colpi di scena sono le cose + difficili da riuscire. la peccca secondo me sta nella mancanza di emozione, miduole dirtelo ma ho trovato il tuo racconto un po' 'freddino'.
ad ogni modo vorrei spezzare 1 lancia in tuo favore e riguarda il finale, proprio l'ultimo paragrafo, quando il protagonista è all'aeroporto, be' quello secondo me è un piccolo colpo di genio, chiarisce tutto senza perdersi in spiegazioni logiche, razionali e noioese e soprattutto senza togliere la poesia alla storia. tanto vale parlare di elfi e leggende se poi dobbiamo metterci in mezzo la logica....
agli altri lettori vorrei solo dire: ragazzi un po' di fantasia....
scintilla
Inviato: 13/10/2004 19:54  Aggiornato: 13/10/2004 19:54
Just popping in
Iscritto: 1/9/2004
Da:
Inviati: 43
 Re: Vivono tra noi
Ciao matemati,

ho letto con piacere il tuo racconto, quasi una fiaba, è scritta con un'andatura scorrevaole e divertente, simpatici i personaggi, che si lasciano andare senza grandi timori ad una situazione fantastica. Peccato che alla fine lui diventi grande.

Ciao, ciao.

scintilla
fernet
Inviato: 14/10/2004 11:12  Aggiornato: 14/10/2004 11:12
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 18/12/2003
Da: Milano
Inviati: 311
 Re: Vivono tra noi
posso dirti che, espresso così, il tema del tuo racconto non mi piace? Mi spiego: anche
altri tuoi racconti danno l'idea di potersi sviluppare in cose più lunghe (dev'essere
il tuo marchio di fabbrica), ma comunque riuscivi ad essere efficace anche nella forma
breve. Questa volta no. La storia delle persone che ci sono ma non tutti le vedono
potrebbe essere intrigante, misteriosa, perfino pericolosa, ma così resta banale.
E poi: se questi fanno esattamente quello che facciamo noi, a cosa servono ?
Dico a cosa servono in senso narrativo;a te che scrivi, al di là dell'effetto di
straniamento che all'inizio riesci ad ottenere, cosa ti portano? La dico brutale
(credo che con te si possa farlo): se non fanno cose diverse da noi, non interagiscono
(o, se lo fanno, non fanno granchè, a parte la protagonista, che però sparisce pure lei,
ma solo per il protagonista e non per le altre persone, e lì un pò mi sono perso, ma allora
perchè gli altri non vedevano nessuno, prima? ), sono uguali a noi,
si vestono come noi etc. io che ci faccio?

Ma magari in un racconto lungo o in un romanzo queste sono domande che troverebbero risposta,
e quindi torno a bomba all'inizio... forse il tema che hai scelto, espresso così,
non rende.

Sulla scrittura, quasi nulla: scrivi bene, chiaro e semplice (forse troppo?
Ho appena letto delle cose di Gadda e da allora ho cercato di inventare anche
qualcosa, nella mia scrittura... ma non son così sicuro che sia meglio inventare..)

scusa la franchezza, ma sei bravo, e quindi mi pare che la meriti tutta..

ciao F
fiorderica
Inviato: 18/10/2004 15:37  Aggiornato: 18/10/2004 15:39
Vincitore I OzTorneoZen
Iscritto: 8/1/2004
Da:
Inviati: 879
 Re: Vivono tra noi
E' un bel ritorno il tuo, mate !
Gli elfi, ma che bella trovata ! Favola moderna, carina e bene articolata. Ho apprezzato la tessitura della narrazione e ho ritrovato il tuo stile semplice ed immediato.
Perché scrivere degli elfi ? Perché darne in pasto alla razionalità ? Sarebbero queste le domande che vorrei porti. Vi rinuncio perché amo le favole e poi ho dato a questa lettura una interpretazione personale.
Nei tuoi elfi e nella capacità di vederli del protagonista ho rilevato l'attitudine di molti ad andare oltre la logicità, al di là della percezione fisica. Non è follia ! E' solo capacità di cogliere qualcosa in più
"... Una volta accompagnai un’amica maestra in visita d’istruzione. Ogni tanto lei contava i bambini: - Ventidue, ventitré, ventiquattro. Ci sono tutti. Ma perché ridi?
Ridevo perché in realtà erano ventisei. Due piccoli elfi si erano intrufolati nel gruppo e facevano dispetti agli altri bambini, che si accusavano a vicenda. ..." e quando riveliamo ad altri questa capacità... pfufff ...svanisce, così come ingenuamente si è palesata !
E' ciò che è accaduto a lui
"... Mi incupii.
- Ma…Vigdis non c’è!
- Che dici? Eccola lì, accanto a Thora.
Sentii il cuore sciogliersi. Non la vedevo. E non l’avrei vista più. "
Accidenti !!!!!!

Bravo, mate !

erica
matemati
Inviato: 18/10/2004 21:28  Aggiornato: 18/10/2004 21:35
Home away from home
Iscritto: 13/1/2004
Da: Firenze
Inviati: 1790
 Re: Vivono tra noi
Grazie a tutti per i commenti, adesso provo a rispondere, e se dimentico qualcosa avvertitemi.

Grazie a Giosp e Pikkante, ma ammetto che la questione dell'occhio elfico non è stata capita da molte persone, anche al di fuori di Ozoz, quindi temo proprio di non essere stato chiaro a sufficienza. Che ne dite, se citassi da qualche parte la leggenda in modo più dettagliato (la trovate qui) sarebbe meglio?

Grazie a tutti quelli che si sono complimentati per la fantasia, ma non ho poi inventato molto, tutte le caratteristiche degli elfi sono già nella tradizione islandese (per info vedi qui)

Per Fernet: la tua osservazione è azzeccata, è un po' che ci penso che dovrei lanciarmi in nuovi stili: ma finora i miei tentativi non hanno dato grossi risultati. Ti farò sapere (e tu fa sapere a me )

Per Niabi: si può scrivere sia attaccato che staccato, ho controllato sul Devoto Oli!

Per Erica e Scintilla: mi piacciono le vostre interpretazioni, anche se non ci pensavo, almeno coscientemente, mentre scrivevo. A volte ciò che abbiamo nei meandri della mente salta fuori da sé...

Ciao a tutti!
dilaghi
Inviato: 5/11/2004 22:05  Aggiornato: 5/11/2004 22:05
Quite a regular
Iscritto: 19/3/2004
Da:
Inviati: 105
 Re: Vivono tra noi
Il racconto scorre via in modo decisamente lineare, è piacevole e rende il bene l'idea della favola di stampo ottocentesco.
Anche il meccanismo dell'occhio elfico è piuttosto chiaro, secondo me, non mi pare ci siano molte cose da spiegare in fondo.
Si tratta di una favola e quasi tutto è concesso, compreso un finale che si preannuncia un po' troppo presto.
Solo un passaggio a parer mio è veramente poco credibile:

"Mi stiracchiai un po’ nel letto, e non mi accorsi che Vigdis si coricava accanto a me. Con gli elfi in mente, mi addormentai di colpo."

Ma che tisana era?

Ciao e a rileggerti
Andrea
matemati
Inviato: 5/11/2004 22:49  Aggiornato: 5/11/2004 22:49
Home away from home
Iscritto: 13/1/2004
Da: Firenze
Inviati: 1790
 Re: Vivono tra noi
Che ti devo dire? probabilmente era una tisana elfica!


Grazie x il commento, Andrea.
Sab73
Inviato: 12/2/2005 17:49  Aggiornato: 12/2/2005 17:49
Just popping in
Iscritto: 6/2/2005
Da:
Inviati: 5
 Re: Vivono tra noi
Di elfi ne so poco e li confondo con i folletti...
Però il finale triste riporta alla realtà, almeno credo.
Secondo me, nello scrivere è meglio lasciare l'interpretazione al lettore, non sempre si deve descrivere ogni particolare e in questo tuo racconto trovo un po' di "mistero".
La storia poteva essere più sviluppata, ma per il genere Racconti può anche avere il finale come dire "tagliato", che magari in un libro a volte lascia delusi.
Come primo testo tuo letto devo dire che sei bravo! Complimenti prof.!!
strammaio
Inviato: 20/2/2005 13:51  Aggiornato: 20/2/2005 13:51
Home away from home
Iscritto: 21/10/2004
Da: Roma
Inviati: 882
 Re: Vivono tra noi
Arrivo decisamente in ritardo... ma ci tenevo a dirti che ho trovato quest otuo racconto-fiaba molto molto piacevole.
Due notazioni:
primo , non so se per te sia stato effettivamente così, ma io l’amichetto immaginario da piccola ce lo avevo eccome! Va da se che ho l’occhio elfico e non l’ho mai saputo… quindi tutta quella gente stramba che vedo la vedo solo io… e, quindi. il mondo è assai migliore di come appare a me: ne sono sollevata!
secondo (già ampiamente commentato e a cu itu hai risposto, quindi fa finta di niente ... ma ormai l'avevo scritto!!!) : non mi torna il finale: come fa Franco a vedere Thora e Vigdis se all’inizio non vedeva la mora al bar? (Eh Eh Eh! T’ho beccato!)… scherzi a parte, credo che questo fosse l’unico finale plausibile (e un po’ preannunciato) per il tuo racconto, ma non lo inficia: è e resta piacevole e ben costruito. E scritto bene!
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti023
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 16 utente(i) online (5 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 16

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 0
Ieri: 2
Totale: 5175
Ultimi: abedognis

Utenti Online:
Ospiti : 16
Membri : 0
Totale: 16
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2014 OZoz.it - P.I. 02878050737