logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



Letture Incrociate - Racconti : Cosa vuoi fare da grande?
Inviato da giosp il 26/9/2004 11:48:18 (1363 letture) Notizie dallo stesso autore


newsletter




Letture Incrociate - Racconti

Io da grande voglio fare il lavoro che fa mio papà e che faceva mio nonno: voglio fare il disoccupato. Questo perché lascia tanto tempo libero per fare altre attività ed è un lavoro che dà proprio grandi soddisfazioni. Comincerò a fare questo lavoro il più tardi possibile, appena finite le scuole. Voglio essere bocciato molte volte, in modo da vivere sulle spalle di mia madre tanto tempo. E voglio godermi la vita come hanno fatto mio nonno e mio padre.

Il nonno, per esempio, si sposò con una donnina e aveva, o così voleva far sembrare, un lavoro fisso. Poi arrivò la seconda guerra mondiale e il nonno fu chiamato a combattere. Siccome questo lavoro gli faceva più schifo di quello che faceva prima, disertò e scappò con la nonna, che intanto faceva la prostituta per guadagnarsi il pane. Finita la guerra loro riuscirono a farsi dichiarare dispersi e si nascosero. Intanto fecero qualche figlio, che però non sapevano come sfamare. Poi il nonno fu scoperto e, pur di non farsi arrestare, si suicidò da eroe, lasciando una moglie con sei figli più due che sarebbero nati entro poco tempo. Per mantenersi tornò a fare la prostituta e, quando diventò troppo vecchia, addestrò i figli nel furto e nello spaccio.
Mio padre, che era il primogenito, diventò ricco ben presto e scappò di casa all'età di 15 anni. La nonna si diede all'alcool e dopo tempo si suicidò anche lei, portandosi in tomba quatto dei suoi figli. Poi mio padre sposò una prostituta e nacqui io. Quando venni al mondo il papà scappò di casa e non si seppe più nulla di lui. Tutt'ora mia madre ci mantiene col suo lavoro e coi soldi che mio padre le ha lasciato.
Appena avrò finito le scuole e finito i soldi a mia madre mi sposerò, spenderò tutto quello che avremo, farò tanti figli e poi, finiti i soldi e accumulati i debiti, mi suiciderò, lasciando sul lastrico la mia famiglia.

15/10/2001, ma l'idea è dell'anno scorso. Ora di Rajo. Ma la voce della prof sta spiegando o chiacchierando?




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
solaris
Inviato: 26/9/2004 12:23  Aggiornato: 26/9/2004 12:23
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 4/4/2004
Da: Alcadia
Inviati: 2416
 Re: Cosa vuoi fare da grande?
nel suo essere irrequieto istintivo
si fregia di una sincerità grezza e vivida.

certo te puoi scriver cose di ben altra densità
hai già mostrato una penna capace
ma credo ti debba affezionare a questa lucidità
sferzante..



A.
senza
Inviato: 26/9/2004 12:37  Aggiornato: 26/9/2004 12:37
Home away from home
Iscritto: 4/4/2004
Da: venezia
Inviati: 3123
 Re: Cosa vuoi fare da grande?
sai mi piacciono questi raaconti corti e poco descrittivi, mi ricordano le decisioni che prendo spesso anch'io... molto istintivo e spontaneo, se non trattasse di prostitute e suicidi lo darei da leggere a dei bambini, come altre tue cose, perchè nella sua semplicità non è affatto scontato
però non si capisce affatto l'età di chi parla: usa un gergo semplice ma le prospettive non sono di certo quelle di un ragazzino...
Forever
Inviato: 26/9/2004 13:25  Aggiornato: 26/9/2004 13:25
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 24/7/2004
Da: Roma
Inviati: 1979
 Re: Cosa vuoi fare da grande?
Dissacrante Giosp! Spietato ritratto del giovane disoccupato e contento o riedizione moderna della cicala (e la formica).
mauraga
Inviato: 26/9/2004 13:33  Aggiornato: 26/9/2004 13:33
Home away from home
Iscritto: 26/1/2004
Da: Sicilia/Lombardia
Inviati: 1001
 Re: Cosa vuoi fare da grande?
Tra il divertente e il grottesco.
il_Lanza
Inviato: 26/9/2004 16:52  Aggiornato: 26/9/2004 16:52
Just can't stay away
Iscritto: 16/6/2004
Da: Gorizia
Inviati: 287
 Incisività
Originale ed incisivo.
Non ti perdi per strada ed in poche battute riesci a caratterizzare ben cinque personaggi e far comunque conoscere altri sette elementi.
Complimenti, mi piacemolto come scrivi, cercherò altri tuoi racconti...
xamav
Inviato: 26/9/2004 21:11  Aggiornato: 26/9/2004 21:11
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 6/11/2003
Da: Pescara - Roma
Inviati: 1328
 Re: Cosa vuoi fare da grande?
Giosp, "atroce" il racconto, in senso positivo.
Mi ha fatto sorridere infatti.
Sollo che più che dirti "carino" non mi viene altro, non ha grosse pretese comunque.
Ma simpatico nel senso grottesco che possiede.

Massimo.
giosp
Inviato: 27/9/2004 7:19  Aggiornato: 27/9/2004 7:20
Home away from home
Iscritto: 21/10/2003
Da: Veneto
Inviati: 2896
 Re: Cosa vuoi fare da grande?
Come x Il paese di Bip, anche questo è stato scritto a scuola durante una delle paturniose lezioni a cui ho assistito.
Non ha pretese di essere un racconto e di partecipare a concorsi o che so io. Quando l'ho scritto è stato x affrontare la noia, spero solo che serva x lo stesso motivo a chi lo legge.

Grazie a tutti x i numerosi commenti ricevuti in mezza giornata (!!!). Il ragazzo che scrive sono io... almeno finché dico di voler fare il disoccupato a vita, quando parlo dei parenti, fortunatamente, non corrisponde a realtà.
niabi
Inviato: 27/9/2004 11:57  Aggiornato: 27/9/2004 11:57
Home away from home
Iscritto: 3/7/2004
Da: dove sorge sempre il sole
Inviati: 969
 Re: Cosa vuoi fare da grande?
Un po’ sconcertante, ma se sta bene a te!

Comunque non è per niente facile sorprendere il lettore e riuscirci non è una cosa da poco.

Sarà che poi mi stupisco per niente, ma non credo sia solo questo.
Signorina
Inviato: 27/9/2004 20:27  Aggiornato: 27/9/2004 20:27
Home away from home
Iscritto: 13/9/2003
Da:
Inviati: 589
 Re: Cosa vuoi fare da grande?
Il primo commento, se si potesse sentire, è la mia risata
Scanzonato e ironico, senza intellettualstiche pretese, riflette bene la "scazzatissima" atmosfera (perdonatemi il termine non troppo aulico, ma era l'unico che rendeva l'idea! ) dello studente che non vede l'ora che suoni la campana... Mi hai riportato indietro almeno di 12 anni, ai miei raccontini altrettanto demenziali di studentessa "rilassata"
Mi è piaciuto!
kakaito
Inviato: 28/9/2004 11:28  Aggiornato: 28/9/2004 11:28
Just popping in
Iscritto: 16/9/2004
Da:
Inviati: 33
 Re: Cosa vuoi fare da grande?
Racconta tragedie come se fossero liste della spesa, con un effetto veramente spiazzante, divertente e cinico.
Un' unica critica: mi sembra che inizialmente il narratore usi un modo di parlare che lo caratterizza come molto giovane, e questo contribuisce a scatenare la comicità. Andando avanti però, mi sembra che il linguaggio si faccia più maturo, tanto che si perde l' idea della giovane età; se tu modificassi questo aspetto, usando frasi un pò più sconnesse e magari infilandoci volutamente qualche errore di grammatica, credo che sarebbe perfetto...
matemati
Inviato: 28/9/2004 19:56  Aggiornato: 28/9/2004 19:57
Home away from home
Iscritto: 13/1/2004
Da: Firenze
Inviati: 1790
 Re: Cosa vuoi fare da grande?
Citazione:
Voglio essere bocciato molte volte, in modo da vivere sulle spalle di mia madre tanto tempo


Già questa battuta vale il racconto: tanti magari lo pensano, ma pochi hanno il coraggio di esprimerlo.

Per il resto, una bell'accumularsi di fatti che sarebbero tragici nella realtà, ma diventano buffi nella finzione: buona tecnica comica.
E una bella risposta ad una delle domande più scoccianti che si possano fare a un ragazzo.

Perché non fai una raccolta dei tuoi "scritti da scuola"? Potrebbe essere interessante (non scherzo!)

PS: "rajo" cos'è, ragioneria?
giosp
Inviato: 29/9/2004 6:13  Aggiornato: 29/9/2004 6:13
Home away from home
Iscritto: 21/10/2003
Da: Veneto
Inviati: 2896
 Re: Cosa vuoi fare da grande?
Kakaito: grazie x la considerazione, non ci avevo fatto caso. Vedo se si può sistemare (o se ci riesco, + che altro).

Mate: sì, rajo è ragioneria. Sulla raccolta dei racconti di scuola, ne ho solo due salvabili, non c'è tanto da raccogliere, purtroppo...

Grazie anche x i commentatori che non ho ringraziato nel mio intervento precendente.
Shoen
Inviato: 29/9/2004 10:14  Aggiornato: 29/9/2004 10:14
La principessa dei Saiyan
Iscritto: 2/11/2003
Da: Prateria australiana
Inviati: 3529
 Re: Cosa vuoi fare da grande?
Una risata un pò amara, ma divertente... Da fare invidia a Bukowski! Certo che i tuoi prof devono essere davvero una gran palla! In attesa di un tuo nuovo racconto di fantascienza, mi diverto con questi
giosp
Inviato: 29/9/2004 11:43  Aggiornato: 29/9/2004 11:43
Home away from home
Iscritto: 21/10/2003
Da: Veneto
Inviati: 2896
 Re: Cosa vuoi fare da grande?
Io, racconti di fantascienza? Mai scritti e probabilmente ciò non succederà neanche in futuro.
lonewolf
Inviato: 29/9/2004 18:16  Aggiornato: 5/10/2004 16:49
Home away from home
Iscritto: 4/7/2004
Da: Roma
Inviati: 2283
 Re: Cosa vuoi fare da grande?
ahahah

Giosp se l'ora di tecnica prima e di ragioneria adesso ti fanno quest'effetto...

beh allora di sicuro sei meglio come scrittore di letteratura comica che come ragioniere...

Scherzi a parte...

divertente, dissacrante, un po' crudo ma essenziale.
dotterel
Inviato: 30/10/2004 8:37  Aggiornato: 30/10/2004 8:37
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 25/10/2004
Da: Montopoli di Sabina
Inviati: 792
 Re: Cosa vuoi fare da grande?
Caro Giosp,
credo che tu abbia una buona penna. Quello che secondo me manca al tuo racconto e' lo spessore dato dai sentimenti, dalle riflessioni dei personaggi, che al momento sono come ombre cinesi senza corpo. Ombre promettenti, come anche la trama, ma forse se anziche' scrivere soltanto in classe tu lo facessi a casa tua in santa pace potresti veramente far vivere i personaggi e ampliare la dimensione delle situazioni arricchendola di dettagli. Questo non vuol dire diventare prolissi, e credo che comunque tu non ci riusciresti (per fortuna), ed e' proprio perche' non saresti noioso che i risultati sarebbero interessanti. L'inizio del racconto e' molto accattivante e desta curiosita', ma se fossi in te prenderei le tue capacita' di scrittore seriamente e mi metterei a lavorare con molto impegno. Spero di non apparire troppo critica, il fatto e' che ho 50 anni e sono stata a lungo una maestra, e l'impulso a dare consigli certe volte prende un tono, appunto, da maestra! Spero comunque che il contenuto delle critiche e dei consigli sia ben accetto. Ciao ciao
Dotterel
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
News002
Iscritti3122331
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 16 utente(i) online (12 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 16

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 31
Ieri: 54
Totale: 5176
Ultimi: AChampagn

Utenti Online:
Ospiti : 16
Membri : 0
Totale: 16
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2014 OZoz.it - P.I. 02878050737