logo
 
OzBlogOz

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



Pagina (1) 2 3 4 »
Letture Incrociate - Racconti : Il colloquio di lavoro
Inviato da zak il 15/9/2004 17:30:26 (2460 letture) Notizie dallo stesso autore


newsletter
Letture Incrociate - Racconti

Scusi? Posso entrare? La sua segretaria ha detto che tocca al numero quindici e siccome io sarei proprio il numero quindici... La chiudo la porta o la lascio aperta a per far passare un po’ di aria? Non trova che oggi faccia più caldo del solito nonostante sia il cinque di Febbraio? Magari l’impianto di riscaldamento centralizzato è regolato male, oppure è questa stanza ad essere troppo calda. Si, è possibile che sia solo io ad essere accaldato, però devo dirle che è davvero strano. Di solito sono un tipo piuttosto freddoloso. Si, ora chiudo la porta e mi avvicino. Dicevo, Io sono uno di quei tipi che se ne va a letto con pigiama, calzette e maglioncino. Uno atipico insomma. Di solito sono le donne che si vestono per andare a letto, mentre gli uomini rimangono in slip in qualsiasi stagione, con qualsiasi temperatura.

E’ una questione di machismo sa? Un tipico esempio di maschilismo, di supremazia dell’uomo sulla donna.
Come scusi? Crede che quel che dico son solo scemenze? Lo penso anch’io sa, solo che nessuno ha mai avuto il coraggio di dirmelo in faccia. Lei è un tipo tosto, fermo nelle sue idee. Insomma, han fatto bene a farla direttore del personale. Ha anche un bel portamento, una bella camicia, una bella giacca, una bella cravatta. Non vorrei sembrarle troppo sfacciato nel guardare sotto la scrivania, ma penso che abbia anche un bel paio di pantaloni e scarpe di pelle morbide ed eleganti.
Dice che mi devo accomodare su questa sedia? Su questa bella sedia in velluto verde con poggioli di legno lavorati al tornio? Ma non sarà troppo? Non è che poi gliela sciupo? Io sarei già la quindicesima persona che vi ci siede oggi. Non vorrei sdrucirla. Non vorrei rovinarla. Non vorrei… Sì ora mi siedo e le passo il curriculum. No, non è che sono nervoso.. ma sa..
Beh, magari un pochino si, diciamo; ma è naturale, penso, ad un colloquio di lavoro. Comunque ecco il mio curriculum. Vede? Nella prima pagina ho messo nome, cognome, indirizzo, telefono, ecc. ecc. Nell’eventualità ho inserito anche il numero di cellulare e l’indirizzo email, nel caso avesse urgenza nel cercarmi.
Si, Luigi Ghidetti. Mi chiamo così. Non è un gran nome, ma è quello che mi han dato. Cioè, il nome è quello che mi han dato, per il cognome non c’era molto da scegliere. Sono generazioni che ce lo tramandiamo. Non è che uno nasce, vive la propria vita di svago e di lavoro e poi un bel giorno decide che il proprio nome e cognome non gli aggradano più e se li cambia. Non è che uno si sveglia alla mattina e va in comune all’ufficio anagrafe e dice: “Guardate che a me Luigi Ghidetti non piace più. Da oggi mi voglio chiamare Filippo Maria Sforza”. Che anche questo poi... Diciamoci la verità direttore: neppure questo è un gran bel nome vero? Scusi, ma non è che per caso Filippo Maria Sforza è qualche suo parente eh? Guardi che è un nome che ho sparato a caso. Comunque, i gusti son gusti signor direttore e come dice il proverbio: “Al de gustibus non si comanda”. Comunque, non me lo fanno cambiare. Me lo tengo e non mi lamento. Me lo tengo e cerco di renderlo simpatico! Che poi, a pensarci, non è poi così tanto brutto. Del resto Luigi è un nome comune. Si ricorda facilmente. Ora le faccio un esempio. Adesso mi alzo in piedi, le porgo la mano e le faccio un esempio, guardi eh: “Signor direttore buongiorno. Mi chiamo Luigi Ghidetti, ma lei può chiamarmi semplicemente Luigi”.
Vede Direttore? Le sarà difficile dimenticare il mio nome. E’ facile, è corto ed è immediato. Poi ci sono gli amici che mi chiamano “Ghido”. E’ un diminutivo di Ghidetti. Se ci tiene può chiamarmi anche lei “Ghido”. Suona ancora meglio di Luigi, non trova? Addirittura alcuni mi chiamano anche “gigighidetti”, ma non penso che lei si spinga a tanto, ma se vuole…
Si, torno a sedermi su questa bella sedia verde con braccioli in legno torniti a mano. E’ una bella sedia sa? Qua è tutto bello. Bello le pareti bianche, bello la scrivania, bello anche i quadri appesi. Mi troverei bene a lavorare qui. Fa un po’ caldo, ma potrei venire in ufficio sbracato, così risolvo il problema.




newslettertwittercalendarioforumpubblicità
Pagina (1) 2 3 4 »
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

Autore Albero
massy
Inviato: 16/9/2004 10:18  Aggiornato: 16/9/2004 10:18
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 7/7/2004
Da: Novara
Inviati: 299
 Re: Il colloquio di lavoro
Divertente!

Mi sei piaciuto, hai reso bene il personaggio e l'ho letto senza inciampare!

Credo che alcune ridondanze siano volute, per accentuare la logorrea del protagonista.

Quel Goughen però...

A rileggerti!

M.

Rispondi Autore Inviato
 Re: Il colloquio di lavoro zak 16/9/2004 12:02
 Re: Il colloquio di lavoro zak 16/9/2004 12:05

Autore Albero
giudil
Inviato: 16/9/2004 13:06  Aggiornato: 16/9/2004 13:06
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 16/7/2004
Da:
Inviati: 201
 Re: Il colloquio di lavoro
Mi sembra uno dei due comici (credo si chiamino) Ale e Franz (quelli di Zelig sulla panchina), ma all'ennesima potenza. Una bella caratterizzazione, lettura molto piacevole.
Bravo
Giu

Autore Albero
thermil
Inviato: 16/9/2004 13:38  Aggiornato: 16/9/2004 13:38
Just popping in
Iscritto: 16/9/2004
Da: Frankfurt am Main
Inviati: 5
 Re: Il colloquio di lavoro
mi fa pensare a Benigni !

Rispondi Autore Inviato
 Re: Il colloquio di lavoro zak 16/9/2004 14:30

Autore Albero
kakaito
Inviato: 16/9/2004 14:44  Aggiornato: 16/9/2004 14:44
Just popping in
Iscritto: 16/9/2004
Da:
Inviati: 33
 Re: Il colloquio di lavoro
quando l' ho stampato per leggerlo e ho visto che non c' erano dialoghi ho pensato potesse essere un pò lento, invece scorre benissimo. In certi momenti a me ricorda il grande rag. Ugo davanti al cav. gran figl. di putt. Esilarante!
complimenti

Rispondi Autore Inviato
 Re: Il colloquio di lavoro zak 17/9/2004 8:59
 Re: Il colloquio di lavoro zak 17/9/2004 9:32
 Re: Il colloquio di lavoro zak 17/9/2004 9:35

Autore Albero
daniel
Inviato: 17/9/2004 8:25  Aggiornato: 17/9/2004 8:25
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 28/6/2004
Da:
Inviati: 779
 Re: Il colloquio di lavoro
ciao zak. In due parole: forte, fortissimo, esagerato ed esasperato. Una caricatura simpatica e paradossale, ma anche vera.
L'ho letto in cinque minuti e mi sono divertita...
bravo.
alla prossima
Dan

Autore Albero
fiorderica
Inviato: 17/9/2004 9:57  Aggiornato: 17/9/2004 9:57
Vincitore I OzTorneoZen
Iscritto: 8/1/2004
Da:
Inviati: 879
 Re: Il colloquio di lavoro
Uauuuuuuuuuuuuuuuuuu !!!!!!! Si può commentare un racconto con un'esclamazioine? No, lo so ! Ebbene io esclamoooo !!! e ripeto uauuuuuuuuuuuuuuuuu !!!
Il tuo racconto, zak, è esilarante per la comicità del personaggio, è perfetto per la caratterizzazione di quest'ultimo, è simpaticissimo per tutti gli strafalcioni che fai dire al povero "gigighidetti". Ho quasi l'impressione di sentirne la voce, un po' chioccia, con inflessioni napoletane.
Credo potrebbe essere un otiima sceneggiatura!

Sei proprio bravo, zak !!
A rileggerti,

erica

Rispondi Autore Inviato
 Re: Il colloquio di lavoro zak 17/9/2004 10:08
    Re: Il colloquio di lavoro Manuel 17/9/2004 16:55

Autore Albero
Forever
Inviato: 17/9/2004 18:38  Aggiornato: 17/9/2004 18:38
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 24/7/2004
Da: Roma
Inviati: 1979
 Re: Il colloquio di lavoro
In genere quando i racconti superano le 2 pagine, li scarico e li leggo su cartaceo ma nel tuo ho fatto un eccezione perchè sinceramente l'ho letto tutto d'un fiato. Che carino! Il protagonista è divertentissimo, un tipo logorroico che farebbe perdere le staffe a chiunque. Ho immaginato la faccia dell'esaminatore ad un passo dall'omicidio preterintenzionale
Credevo che alla fine lo assumesse per disperazione invece se l'è cavata con poco, un calcettino alla sediola. E se poi dovesse incontrarlo di nuovo per strada? Brrrrrr da incubo! Bravo, sei troppo forte.

Autore Albero
EwanMcGreg
Inviato: 18/9/2004 18:13  Aggiornato: 18/9/2004 18:13
Just popping in
Iscritto: 2/8/2004
Da:
Inviati: 45
 Re: Il colloquio di lavoro
Quando ho letto la mole di commenti che hai ricevuto per questo racconto, stavo quasi per non commentarti perchè io non ne ricevo molti. Ma il tuo racconto è irresistibile, divertente, il personaggio è perfettamente riuscito. Non mi pare di aver letto altro di tuo, ma lo farò senz'altro, sai come far trascorrere al lettore un quarto d'ora di relax e buon umore. Grazie

Rispondi Autore Inviato
 Re: Il colloquio di lavoro zak 18/9/2004 23:01

Autore Albero
niabi
Inviato: 22/9/2004 11:51  Aggiornato: 22/9/2004 11:51
Home away from home
Iscritto: 3/7/2004
Da: dove sorge sempre il sole
Inviati: 969
 Re: Il colloquio di lavoro


Questo sarebbe il commento! Scherzo…

L’ho letto velocemente, in genere mi capita quando la scrittura è scorrevole e corretta.
All’inizio ti confesso che ero un po’ infastidita dal modo di parlare di Luigi, troppe ripetizioni…ma poi ho iniziato ad entrare nella storia comica e a conoscere un po’ meglio il personaggio, ed alla fine mi è quasi dispiaciuto fosse finito, anche se il finale è ok!

Bravo!

Autore Albero
fernet
Inviato: 24/9/2004 10:49  Aggiornato: 24/9/2004 10:49
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 18/12/2003
Da: Milano
Inviati: 311
 Re: Il colloquio di lavoro
... e mandarlo ad Albanese? Lui, secondo me, sarebbe perfetto per non sprecare nemmeno una virgola dell'effetto comico e grottesco che hai saputo ottenere. Bravo, bravo bravo ... adoro quelli che "ridendo, castiga(n)t mores". Se poi i "mores" da castigare sono quelli del più stupido ed irritante dei teatrini, cioè il mondo del lavoro, godo come un riccio.

saluti e complimenti
F

Rispondi Autore Inviato
 Re: Il colloquio di lavoro zak 24/9/2004 14:12

Autore Albero
solaris
Inviato: 26/9/2004 13:14  Aggiornato: 26/9/2004 13:14
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 4/4/2004
Da: Alcadia
Inviati: 2416
 Re: Il colloquio di lavoro
caro zak
il tuo racconto ha tutto quel che serve per funzionare,
davvero scritto bene.



A.

Autore Albero
ranuncolo
Inviato: 6/10/2004 22:46  Aggiornato: 6/10/2004 22:59
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 12/3/2004
Da:
Inviati: 362
 Re: Il colloquio di lavoro
Se qualcuno mi chiedesse adesso cosa mi sento
nel mondo, ho la risposta pronta: gigighidetti!
Uno, perché mi sono divertita, di più, ho goduto
proprio, nel riconoscermi in alcuni tratti; come
ti ho detto in shout, se hai letto, logorroico paro paro a me. Due, ma questo non lo puoi sapere, perché anche mentre sto scrivendo questo commento mi trovo nella situazione, calzante, d’improvvisare un mestiere dopo l’altro, imparando, con l’innegabile vantaggio di non avere la mamma dietro ad incalzare, almeno quella, no, per amor del cielo.

A parte questo, un po’ scherzo, il passaggio del brano mi ha colpito perché a mio avviso è quello che riesce, in una frase, a fare del ghidetti, caricatura, compromesso, un protagonista vero e, perché no, anche un po’ eroico, in cui immedesimarsi. Ironia, cinismo c’è tutto… la componente ‘tragica’ pure e le sai gestire benissimo, mi sembra, così come l’attenzione tesa ( l’altro, spassosissimo, in questo senso mi era sembrato troppo lungo ), forse qualche forzatura nella ripetizione
" Mi chiede se sono nervoso? No, non son nervoso. Cosa glielo fa pensare? Il fatto che io sia qua già da trentacinque minuti, di cui almeno trentaquattro ho parlato solo io non vuol dire che io sia nervoso ": ecco, qui avrei tagliato – è implicito – che comunque non appesantiscono la lettura: un brano molto
ben riuscito, e, soprattutto, proprio così com’è, fa immaginare, non condividendo l'idea che sia trasponibile in gag interpretabile, diversamente, anzi: trovo che tu sia efficace nel divertire standotene tranquillamente qui, e che rappresentata ne perderebbe, forse.

Il che non è facile! Bravo davvero.
Hai tutta la mia invidia !!!

Autore Albero
paoletta
Inviato: 29/1/2005 17:14  Aggiornato: 29/1/2005 17:14
Sostenitore di OZoz
Iscritto: 27/12/2004
Da: torino
Inviati: 120
 Re: Il colloquio di lavoro
Mi sono imbattuta per caso in questo racconto pubblicato ormai da un po' di tempo e ... sarà che sono nuova ma non ti hi ancora incontrato...insomma non so se leggerai il commento, ma tutti gli altri avevano ragione, è davvero divertente bello, scorre, uno di quelli che mi ha fatto più piacere leggere! spero di trovare altro di tuo...e poi quelle due buffe faccine nell'alvatar, dicono tutto!complimenti

Rispondi Autore Inviato
 Re: Il colloquio di lavoro il_corvo 29/1/2005 17:30
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti3355550
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 56 utente(i) online (3 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 56

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 33
Ieri: 115
Totale: 6193
Ultimi: LarhondaPh

Utenti Online:
Ospiti : 56
Membri : 0
Totale: 56
Lista Utenti [Popup]

Link sponsorizzati

© 1999-2017 OZoz.it