logo
 
OzBlogOz

Link sponsorizzati

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms




Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi



(1) 2 »

Voglio fare la poetessa
Just popping in
Iscritto il:
2003/10/20 8:51
Da TRento
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 7
Livello : 1; EXP : 60
HP : 0 / 15
MP : 2 / 705
Offline
Quando mi chiedono "che cosa voglio fare da grande", premesso che grandicella lo sono già, io rispondo: La poetessa. Al che tutti sorridono prendendomi per MATTA o IDEALISTA. Chissà perkè devo sempre spiegare che il lavoro del poeta è in tutti i lavori, dall'operaia di pulizie(che ho fatto per 2 anni) all'intellettuale arrivato. Qualsiasi cosa farò lo farò da poeta...Se ne sarò capace...C'è qualcun'altro che nella vita vuole fare il poeta?

Inviato: 2003/10/22 9:29
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Voglio fare la poetessa
Just popping in
Iscritto il:
2003/10/13 11:42
Da L'altra faccia del Pianeta delle Scimmie
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 18
Livello : 2; EXP : 97
HP : 0 / 49
MP : 6 / 2315
Offline
Ciao Mau,

davvero un bell'argomento per una discussione da forum.

Ti va di cominciare a parlarne seriamente?
Il ruolo del poeta e la funzione della poesia nella società contemporanea.

In maniera quanto più è possibile razionale e pratica per tener testa alle logiche ed ovvie difficoltà di organizzazione; economiche; culturali nonché tecniche. Che qualificano i poeti come praticamente poco utili in una società altamente tecnologica che si avvia ad ulteriormente prefezionarsi.

Ma che ha anche, probabilmente per la loro assenza dalle scene più 'importanti' della vita politica, sociale ed economica, tante problematiche psicologiche e contrasti di ogni genere. In un mondo che, comparata la sua condizione, il suo livello di 'socializzazione' di 'aggregazione' e allora, di fratellanza ed amicizia, dunque, di benessere e qualità della vita, poi tanto moderno non sembrerebbe.

E' forse il poeta e la poesia oggi, la chiave di volta, il criterio di lettura corretto per capire dove va il mondo e dove, invece, dovrebbe perché lo vorrebbe... andare?

Io credo sia così.
E ho fatto come hai detto tu.

Da grande ho fatto il Poeta.
Poco importa se le difficoltà sono superiori ai riconoscimenti.

Io ho fatto il poeta, sono un poeta professionista, so perfettamente cose che tanti altri non potranno arrivare a capire se non troveranno tempo, nella loro breve giornata, per i versi, i sentimenti, le giuste parole che risvegliano il cuore e lo mettono in contatto col cervello.

Così, se ti va, cominciamo a parlarne. Già che il discorso può essere, se ci prendiamo gusto, anche tanto lungo da scriverci un bel libro.

Che magari andrà anche molto di moda.

Ciao, un salutone e tanti auguroni.
Non ti arrendere mai.

Sjnkhro - Leo

Inviato: 2003/10/22 15:59
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


io faccio un altro mestiere...
Sostenitore di OZoz
Iscritto il:
2003/10/22 14:25
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 293
Livello : 16; EXP : 1
HP : 0 / 375
MP : 97 / 17545
Offline
... era solo una premessa. A mio avviso il poeta non è affatto antitetico alla società moderna, anzi funzionale e necessario proprio rispetto a quel bisogno di sintesi definitoria (e di critica rigorosa) che è proprio della "società altamente tecnologica" come la definisci tu. A patto che il suo estraniarsi non sia autoesclusivo.
La parola del poeta è "definitoria" per necessità, e a tratti anche oggettivante, contribuendo così alla costruzione del linguaggio. A me piace, concludo con una brevissima nota biografica, scrivere di ciò che fisicamente mi circonda, cercando l'essenza delle cose che "volano basse" intorno a me, senza preconcette pretese di universalità, ma con rigore ed onestà intellettuale. La poesia forse nasce anche come ordine mentale.

saluti G

Inviato: 2003/10/23 9:44
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Voglio fare la poetessa
Just popping in
Iscritto il:
2003/10/23 9:34
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 4
Livello : 1; EXP : 21
HP : 0 / 5
MP : 1 / 255
Offline
Ciao Mau, dopo aver abbandonato l'università per un po' di anni sabbatici mi son messa a fare le pulizie, ma ho continuato comunque a scrivere poesie e se tutto andrà bene ne verrà fuori presto un libro. Forse con la poesia non si mangia, credo sia necessario accompagnarla con tante altre cose, però questo non ci impedisce di essere delle poetesse. L'importante è continuare a scrivere e a leggere.

Inviato: 2003/10/23 9:52
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Voglio fare la poetessa
Just popping in
Iscritto il:
2003/10/21 14:00
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 7
Livello : 1; EXP : 60
HP : 0 / 15
MP : 2 / 705
Offline
Sarò anche un po' cinico, ma fossi in te, volendo fare la poetessa, inizierei dallo scrivere "qualcun altro" senza apostrofo...

Inviato: 2003/10/23 12:25
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


apostrofo o no?
Webmaster
Iscritto il:
2003/1/11 18:31
Gruppo:
webmaster
Messaggi: 3661
Livello : 46; EXP : 25
HP : 226 / 1131
MP : 1220 / 55464
Offline
Citazione:
Sarò anche un po' cinico, ma fossi in te, volendo fare la poetessa, inizierei dallo scrivere "qualcun altro" senza apostrofo...

A dire il vero, "qualcun'altro" si scrive con l'apostrofo
(Per sicurezza, ho controllato sul Devoto Oli ).
Ciao
Maurizio (in versione accademica )

Inviato: 2003/10/23 12:44
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Voglio fare la poetessa
Home away from home
Iscritto il:
2003/9/13 13:01
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 589
Livello : 22; EXP : 25
HP : 0 / 531
MP : 196 / 25010
Offline
Ciao Manu.
Credo che "fare il poeta" più che un mestiere (un mestiere??? che brutta parola!) sia soprattutto un modo d'essere. Un modo di guardare alla vita e alle cose che ti circondano,lasciarle parlare e imparare ad ascoltare cosa esse hanno da dirci.

Come diceva Baudelaire:
"E' un tempio la Natura ove viventi
pilastri a volte confuse parole
mandano fuori; la attraversa l'uomo
tra foreste di simboli dagli occhi
familiari. I profumi e i colori
e i suoni si rispondono come echi
lunghi che di lontano si confondono
in unità profonda e tenebrosa, vasta come la notte ed il chiarore..."

Inviato: 2003/10/23 13:22
_________________

Ti saluto dai paesi di domani
che sono visioni di anime contadine
in volo per il mondo
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: apostrofo o no?
Just popping in
Iscritto il:
2003/10/21 14:00
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 7
Livello : 1; EXP : 60
HP : 0 / 15
MP : 2 / 705
Offline
Non che mi interessi effettivamente più di tanto la questione, ma sono andato a vedere anch'io sul Devoto-Oli (edizione 1995), e danno "qualcun altro" senza apostrofo, come l'ho sempre visto scritto anch'io. Devoto-Oli vs. Devoto-Oli: una sfida interessante!

Inviato: 2003/10/23 13:47
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


APOSTROFO
Quite a regular
Iscritto il:
2003/10/20 15:08
Da Taranto
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 112
Livello : 9; EXP : 60
HP : 0 / 215
MP : 37 / 10061
Offline
anche sul sito turbozaura (fortissimo, con i detti romaneschi...) non ci vuole l'accento. Poi l'accento non ci vuole e basta! E' maschile e lì si ferma. Ma vi ricordate, se avete fatto le elementari negli anni '70, che la nuova grammatica dettò l'imperativo di togliere l'accento da qual'è? Io ci sarei pure affezionata, per dirla tutta...

Inviato: 2003/10/23 20:07
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: APOSTROFO
Webmaster
Iscritto il:
2003/1/11 18:31
Gruppo:
webmaster
Messaggi: 3661
Livello : 46; EXP : 25
HP : 226 / 1131
MP : 1220 / 55464
Offline
Stiamo andando off topic, ma la questione è importante: che non si dica che OZoz è un sito frequentato da gente ignorante
So che "un altro", essendo maschile, non vuole l'apostrofo. Ma sul Devoto Oli compatto (edizione 1998: il mio è più aggiornato, quindi vinco io ) c'è scritto "qualcun'altro". Cosa significa? Errore di stampa, oppure si può scrivere in entrambi i modi?
Comunque, io sono il webmaster e decido io come si scrivono le parole
Evviva la democrazia!
Naturalmente scherzo, ma la questione mi sembra molto interessante.
Ciao
Maurizio

Inviato: 2003/10/23 22:36
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti219196
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 47 utente(i) online (30 utente(i) in Forum)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 47

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 21
Ieri: 40
Totale: 5679
Ultimi: VanitaFlic

Utenti Online:
Ospiti : 47
Membri : 0
Totale: 47
Lista Utenti [Popup]

© 1999-2017 OZoz.it