logo
 
OzBlogOz

Link sponsorizzati

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms




Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi




Ragione e sentimento
Home away from home
Iscritto il:
2004/4/4 12:33
Da venezia
Gruppo:
Utenti Registrati
LI 2.0
Libro Bianco
Reazione a Catena
Messaggi: 3123
Livello : 43; EXP : 67
HP : 213 / 1066
MP : 1041 / 42488
Offline
ho visto anni fa un piccolo pezzo di questo film, e mi è rimasto impresso, così volevo andarmelo a cercare. meglio il libro o il film?

senza

Inviato: 2011/4/18 18:18
_________________
tu non hai una coscienza morale
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ragione e sentimento
Just popping in
Iscritto il:
2011/4/4 8:28
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 42
Livello : 5; EXP : 27
HP : 0 / 106
MP : 14 / 2072
Offline
Ciao,

Io ho letto metà libro e visto tutto il film. Onestamente preferisco il film, davvero molto ben fatto. Naturalmente il libro è più completo, pertanto ti consiglio di vedere prima il film, così le parti tagliate non ti disturberanno.

La sceneggiatura di Emma Thompson, così come la sua interpretazione e quella di Kate Winslet sono davvero di llivello eccelso.

Inviato: 2011/4/18 22:56
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ragione e sentimento
Home away from home
Iscritto il:
2004/4/4 12:33
Da venezia
Gruppo:
Utenti Registrati
LI 2.0
Libro Bianco
Reazione a Catena
Messaggi: 3123
Livello : 43; EXP : 67
HP : 213 / 1066
MP : 1041 / 42488
Offline
come suggeritomi ho visto il film, e oddio che tristezza! sì, è recitato bene, l'ambientazione pure, i personaggi hanno una forte personalità però... tra ragione e sentimento, direi che vince la rinuncia a favore dell'onorabilità, e che queste ragazze, che pure dovrebbero essere le protagoniste sono invece rassegnate ad no scorrere degli eventi del tutto esterno a loro. ok ok, alla fine del film ( non so se del libro ) trovano la felicità, ma l'impressione è che in fin dei conti si accontentino della perseveranza dell'amore altrui. e gli uomini, tutti dei mezzi babbei. Elinor sposa quello che per tutto il film non ha detto nemmeno una volta di amare, ma di stimare ecc ( e sua sorella la prende in giro proprio per questo ) mentre Marianne sposa il generale o come si chiama, uomo che non ha mai degnato di uno sguardo. insomma, le eroine a mio avviso si concedono a uomini rispettabilissimi perseveranti e onorevoli, però oddio che due pezzi di noia!
il film mi aveva intrigato perchè invece di questo finale limitante avevo visto il pezzo dell'incontro tra Marianne e Willoughby, oh che coppia perfetta, e a dire il vero mi ero presa pure io una cotta per lui! oh Willoughby, sei l'uomo ideale! peccato che hai messo incinta un'altra e sposato una terza per denaro.
ecco qua, non credo leggerò il libro se ha un finale in cui la condiione femminile ne esce così raffazzonata

senza

Inviato: 2011/4/20 10:19
_________________
tu non hai una coscienza morale
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ragione e sentimento
Just popping in
Iscritto il:
2011/4/4 8:28
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 42
Livello : 5; EXP : 27
HP : 0 / 106
MP : 14 / 2072
Offline
Credo di capire cosa intendi. Allora forse hai scelto la scrittrice sbagliata...

Quel che so della vita di Jane Austen l'ho appreso dal film con la Hathaway: credo rispetti abbastanza la biografia, quindi questa era una donna emancipata e coraggiosa che però viveva in un contesto - per così dire - alquanto spartano.

Ha sofferto molto per amore e quest'elemento lo si ritrova in tutte le sue storie.

Più in generale, è naturale che gli uomini come Willoughby fanno sognare le ragazze, certo più di Edward o del Colonnello. Ma poi spesso le fanno anche soffrire very much!

Mia personale opinione, Jane Austen alla fine ha pensato:"meglio una vita tranquilla e lineare che un'altra fatta di vette e burroni!"

Magari chi non è mai precipitato nel burrone non riesce a vedere i pregi di una vita senza "scossoni" emotivi. O magari, qualcuno preferisce lo stesso volare e precipitare, anziché il camminare perenne. Questioni assolutamente soggettive.

L'unica cosa che ti posso dire è che il libro è lunghetto e, visto che non ti è piaciuto il finale, almeno il mio suggerimento ti ha evitato delusione e perdita di tempo!

Inviato: 2011/4/20 10:43
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ragione e sentimento
Home away from home
Iscritto il:
2004/4/4 12:33
Da venezia
Gruppo:
Utenti Registrati
LI 2.0
Libro Bianco
Reazione a Catena
Messaggi: 3123
Livello : 43; EXP : 67
HP : 213 / 1066
MP : 1041 / 42488
Offline
beh, scegliere la vita tranquilla è un'ottima cosa, un'altra però è scrivere un romanzo, e in Ragione e sentimento per la prima metà si percepisce il sogno la passione il batticuore, le quali nella seconda metà si schiantano contro il principio di realtà, benché appunto si tratti di un romanzo. la mia personale idea è che lei avesse un intento educativo: meglio la vita tranquilla e la ragazione, e in secondo luogo, gli uomini sono stronzi.
in particolare del film non mi è piaciuta una frase, quando Marianne sostiene che se Willoughby ha sofferto la metà rispetto a lei allora lo ha fatto abbastanza. come si può giustificare un traditore infame del genere?? amare alla follia e rischiare la morte per recitare una poesia davanti a casa sua sì, e ne varrebbe anche la pena, ma giustificarlo proprio no!
a meno che, naturalmente, non si parta dal presupposto che la sofferenza sia una cosa brutta ( beh, non sempre lo è ) e nessuno dovrebbe mai soffrire nemmeno per depilarsi le sopracciglia. questo punto fi vista, lo ammetto, è decisamente più etico del mio, mi sforzerò dunque per adottarlo!

senza

Inviato: 2011/4/22 20:40
_________________
tu non hai una coscienza morale
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ragione e sentimento
Just popping in
Iscritto il:
2011/4/4 8:28
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 42
Livello : 5; EXP : 27
HP : 0 / 106
MP : 14 / 2072
Offline
Vorrei sapere cosa intendi con "ragazione". Penso sia un refuso, ma non mi riesce di capire.

Anche se io non sono affatto per il perdono - nemmeno in situazioni meno dolorose di queste -, conosco persone che giustificano l'imperdonabile. Lo fanno solo perché non vogliono rinunciare a qualcosa, e la loro passione per ciò è più forte dell'amor proprio e della dignità.

Credo che Marianne fosse una di queste persone "deboli travestite da forti". Mentre Elinor a mio avviso è il personaggio forte: pensa che stomaco a tenersi tutto dentro per rispetto delle convenzioni e della donna che progettava di soffiarle l'uomo!

Nel film biografico di cui ti accennavo, Jane Austen è sia Marianne che Elinor nella stessa storia d'amore. Ci sono delle parti davvero "corny", ma penso possa aiutare a capire la sua filosofia di vita - ammesso che t'interessi, ovviamente XD.

Inviato: 2011/4/22 23:11
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ragione e sentimento
Home away from home
Iscritto il:
2004/4/4 12:33
Da venezia
Gruppo:
Utenti Registrati
LI 2.0
Libro Bianco
Reazione a Catena
Messaggi: 3123
Livello : 43; EXP : 67
HP : 213 / 1066
MP : 1041 / 42488
Offline
mi sa che intendevo ragione!
qui secondo me non si tratta di amor proprio e orgoglio, si può amare chi ci fa star male o chi come in questo caso è una persona di, chiamiamola bassa moralità per non dire la parola che inizia con m... ma si tratta di essere obiettivi e riconoscere che l'amore è più forte delle cattiverie che lui ci ha fatto; e quindi ammettere e non giustificare. almeno, secondo me, ma mi sembra difficile avere opinioni discordi.
a mio avviso Elinor era una debole perché preferiva tenersi tutto dentro per non contravvenire alle apparenze. comunque si tratta pur sempre di un personaggio inventato ergo non si può aver torto o ragione!
beh, sai, odio il cinema, ho fatto una piccola eccezione per questo film ma non credo guarderò altri film per i prossimi mesi; in compenso potrei leggere qualche biografia o qualche altro romanzo; grazie comunque per le segnalazioni

senza

Inviato: 2011/4/22 23:26
_________________
tu non hai una coscienza morale
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ragione e sentimento
Just popping in
Iscritto il:
2011/4/4 8:28
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 42
Livello : 5; EXP : 27
HP : 0 / 106
MP : 14 / 2072
Offline
Come l'hai messa tu, che l'amore sia più forte delle cattiverie ecc..., fai sembrare che in questo caso si tratti di un sentimento puro.

Per me qui è questione di egoismo puro. Marianne vuole qualcosa ed è disposta a tutto per ottenerla, anche a ingoiare quintali di quella sostanza graveolente che non menzioni... :)

Quindi non ci vedo assolutamente niente di nobile in questo, perché è qualcosa che vuole per sé, non per altri.

Se ci rifletti, per non contravvenire alle apparenze, devi essere una persona molto forte. E' vero, puoi essere anche un debole che ti tiri indietro perché non vuoi problemi. Ma non è il caso di Elinor (che fra parentesi è un personaggio inventato fino a un certo punto, visto che gli scrittori mettono sempre qualcosa di sé nei personaggi che creano, e Jane Austen ha dovuto rinunciare all'uomo che amava e con cui progettava di scappare, proprio a causa di interessi economici e convenzioni - ecco perché riesce a descrivere così bene le sensazioni), la quale si tira indietro perché Edward ha dato la sua parola a un'altra donna e sarebbe stato sconveniente per Edward se Elinor avesse confessato a Lucy (?) le proprie mire sul suo promesso sposo.

cmq era tanto per parlare un po' con qualcuno di questo sito, visto che purtroppo non si trovano molti interlocutori... :)

Inviato: 2011/4/23 7:42
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ragione e sentimento
Home away from home
Iscritto il:
2004/4/4 12:33
Da venezia
Gruppo:
Utenti Registrati
LI 2.0
Libro Bianco
Reazione a Catena
Messaggi: 3123
Livello : 43; EXP : 67
HP : 213 / 1066
MP : 1041 / 42488
Offline
beh, mi pare invece che Marianne lasci perdere il tipo quando si rivela un vero stronzo, continuando ad amarlo, ma smettendo di cercarlo. in ogni caso non mi sembra egoismo, essere disposti a ingurgitare valanghe di crudeltà, ma semmai di poco orgoglio ( di orgoglio ne aveva semmai troppo sua sorella ).

beh, questo sito va un po' a periodi, nell'ultimo mese non c'è nessuno ma vedrai che tra poco si rianimerà!

senza

Inviato: 2011/4/30 16:32
_________________
tu non hai una coscienza morale
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
News102
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 43 utente(i) online (25 utente(i) in Forum)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 43

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 0
Ieri: 0
Totale: 5341
Ultimi: marcolongo

Utenti Online:
Ospiti : 43
Membri : 0
Totale: 43
Lista Utenti [Popup]

© 1999-2017 OZoz.it