logo
 
OzBlogOz

Link sponsorizzati

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms




Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi




Revolutionary Road
Home away from home
Iscritto il:
2004/10/21 19:13
Da Roma
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 882
Livello : 26; EXP : 55
HP : 0 / 638
MP : 294 / 23806
Offline
Ohh, finalmente ieri sera sono riuscita a vedere questo film, tratto dal romanzo omonimo di R. Yates.
Ho trovato la trasposizione cinematografica estremamente fedele al testo, eccetto che per la scena clou - quella in cui nel romanzo lei prepara tutto alla perfezione, considerando anche le possibili variabili e soprattutto lasciando a Frank una lettera grazie a cui lei afferma che lo ama e che quanto sta per accadere non è colpa sua... Nel film è l'unico elemento degno di nota che viene omesso. Peccato!
Secondo me aiuta/aiuterebbe ancora meglio a capire il personaggio e la psicologia di April.
In molti mi avevano detto che questo film sarebbe stato una delusione per me e al botteghino non ha di certo avuto successo. Eppure...
Io ho trovato la trasposizione molto simile a come io avevo immaginato le scene leggendo; di questo probabilmente va dato merito non a me nè al regista (mendes) ma all'autore (Yates) del romanzo.
April è simile (ma non è la parola giusta, forse calza di più "tangente") a me in alcuni suoi aspetti. E non è un'eroina, ci fa credere di esserlo per buona parte del tempo, ma non lo è; è contraddittoria, discontinua, ingenua, sognatrice, disillusa, indifferente, perfino cattiva a volte. Frank non è meglio di lei: codardo, superficiale, contraddittorio, tenero, desideroso d'amore, ambizioso.
Molto umani, ecco. Due personaggi molto umani, sia nel libro che nel film.
E le macchiette di contorno, in alcuni tratti, si innalzano a diventare persone (i sgnori Givings e loro figlio John, Shep e Millie). Solo i figli sembrano puri elemneti narrativi.
Il mio consiglio? Andate a vedere il film, ma DOPO aver letto il romanzo: ne vale la pena!

Inviato: 2009/8/27 15:59
_________________

Per sempre, spera lo scrittore. Per sempre. Carver
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Revolutionary Road
Just can't stay away
Iscritto il:
2007/1/12 23:49
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 245
Livello : 14; EXP : 63
HP : 0 / 340
MP : 81 / 10484
Offline
Interessante.
Stasera mi noleggio il dvd, anche se il libro non l'ho letto.
E' difficile trovare storie così sincere, appunto umane, piene di tutto e del loro contrario, come la vita che viviamo.
Chi non è contraddittoria, discontinua, ingenua, sognatrice, disillusa, indifferente, perfino cattiva a volte?
Oppure quale uomo non si dimostra almeno una volta nella vita codardo, superficiale, contraddittorio, tenero, desideroso d'amore?
Questi April e Frank li sento vicini.

Inviato: 2010/1/13 9:47
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
News001
Iscritti004
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 56 utente(i) online (39 utente(i) in Forum)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 56

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 0
Ieri: 0
Totale: 5336
Ultimi: VirgilioSt

Utenti Online:
Ospiti : 56
Membri : 0
Totale: 56
Lista Utenti [Popup]

© 1999-2017 OZoz.it - P.I. 02878050737