logo
 
OzBlogOz

Link sponsorizzati

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms




Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi




Stagione Musicale 2008 Luino (Va)
Just popping in
Iscritto il:
2008/5/19 15:00
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 3
Livello : 1; EXP : 10
HP : 0 / 2
MP : 1 / 90
Offline
Gentili Signori,

siamo qui per segnalare le date dei prossimi appuntamenti musicali della Stagione Musicale 2008 di Luino (Va).

Il 30 maggio si esibirà il Quartetto Amadè e il 23 giugno il prestigioso duo composto
da Danilo Rea e Renato Sellani, due grandi del jazz, due generazioni e due
stili a confronto, ispirati a un unico valore: la musica.

Abbiamo il piacere di invitarvi a partecipare a questi straordinari eventi musicali, dando la
possibilità di riservare dei posti anche per gruppi numerosi. L'ingresso è
gratuito.

Prenotazioni ai numeri 338.7007785 - 348.2833200.

La Stagione Musicale di Luino prosegue fino a Settembre: di seguito i prossimi appuntamenti.

I concerti:
30 maggio, Palazzo Verbania, Luino: Quartetto Amadè
23 giugno, Teatro Sociale, Luino: Duo Danilo Rea-Renato Sellani
8 luglio, Palazzo Verbania, Luino: Garrison Fewell Trio – guest star Don Friedman
27 luglio, Palazzo Verbania, Luino: Duo Sandro Laffranchini-Andrea Rebaudengo
10 agosto, Teatro Sociale, Montegrino Valtravaglia: La Rosa – musica sefardita
16 agosto, Chiesa di Runo, Dumenza: Trio d'Ance dell'Orchestra Sinfonica di Milano "G.Verdi"
6 settembre, Palazzo Verbania, Luino: Coro Polifonico Goccia di Voci – "Canti corali dallo spirituale allo spiritoso"

Vi
aspettiamo!

Grazie della gentile attenzione.

Inviato: 2008/5/19 15:02
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Stagione Musicale 2008 Luino (Va)
Just popping in
Iscritto il:
2008/5/19 15:00
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 3
Livello : 1; EXP : 10
HP : 0 / 2
MP : 1 / 90
Offline
II Concerto
30 maggio - Palazzo Verbania




Quartetto Amadè

Igor Della Corte violino
Marco Corsini violino
Roberto Mazzoni viola
Giuseppe Laffranchini violoncello

Musiche di Haydin e Dvorak



Comunicato stampa

Dopo un Palazzo Verbania gremito per l’applauditissimo concerto di apertura con l’Orient Express Ensemble, il secondo appuntamento della stagione musicale luinese soddisferà anche i più esigenti amanti della musica classica, e non solo, grazie alla presenza del Quartetto Amadè, quartetto d’archi nato dall’unione artistica ed umana di quattro musicisti milanesi da tempo attivi ed operanti artisticamente nell’ambito della musica da camera.
La rassegna è sostenuta da enti pubblici (Assessorati alla Cultura del Comune di Luino e della Comunità Montana Valli del Luinese) ed aziende private (IMF, Assiteca, Banca Popolare Commercio e Industria, Rettificatrici Ghiringhelli, Riello di Valsoni, Italtrasfo, UNES, Legnami Marchetti, Francesco Marmino fotografo, Spertini Piante, Katataiba).

Direzione artistica ed organizzativa fanno capo a Francesca Galante insieme all’Associazione Rinascenze. E’ possibile riservare i posti telefonando ai numeri 338.7007785 oppure 348-2833200.
L’ingresso è gratuito.


Il Quartetto Amadè
Provenienti ognuno da diverse e prestigiose compagini orchestrali ( Teatro alla Scala, Filarmonica della Scala, Orchestra d’archi Italiani, Filarmonica di Verona, Archi della Scala, Orchestra “Toscanini”) si uniscono in forma quartettistica per affrontare e valorizzare questo enorme e prezioso repertorio cameristico.
Il Quartetto ha al suo attivo numerosi concerti per importanti associazioni concertistiche.
Ciascun elemento è anche impegnato a livello solistico e didattico e si esibisce con importanti strumenti di liuteria antica e moderna italiana (Testore, Marchetti, Pollastri, Severgnini).


Igor della Corte
Igor della Corte è nato a Salerno e si è diplomato giovanissimo al conservatorio “ Bonporti” di Trento sotto la guida del M° A.Martini. Si è perfezionato con il M° G.Bertagnin ,con i M° J.Hoffman e R.Kussmaul, docenti presso la “Musikhochschule” di Freiburg, ed infine con il M° F.De Angelis, primo violino di spalla dell’orchestra del “Teatro alla Scala” di Milano.
Collabora con R.Pucci , primo flauto del orchestra del “ Teatro alla Scala”, dal 1999, con il quale insieme all’”Ensemble Classica” ha effettuato tournee in Europa e nell’america latina, e collabora con numerose orchestre, “I Pomeriggi Musicali”, l’ “O.F.I.”, la “ Brixia Sinphony Orchestra” in qualità di spalla, l’“Orchestra d’archi Italiani” di M. Brunello, l’Orchestra “B. Maderna “ di Forlì e molte altre. Dal 2003 fino al 2007 è stato membro del “Quartetto Maffei” di Verona con il quale ha svolto un’intensa attività concertistica. Suona un violino E. Marchetti del 1912.


Marco Corsini
Marco Corsini, nato a Milano nel 1970, si è diplomato in violino sotto la guida di Angelo Leone. Ha seguito i corsi di perfezionamento coi Maestri Carlo Feige, Corrado Romano e Dejan Bogdanovic. Ha partecipato come effettivo ai corsi di quartetto e di musica da camera con il Giovane Quartetto Italiano, Norbert Brainin e Maria Cigoli. Ha svolto un’intensa attività cameristica (duo, trio, quartetto) e da violino di spalla con svariati gruppi da camera e sinfonici oltre che da solista. Collabora con i principali enti sinfonici e lirici italiani nonché esteri. Dal 1997 al 2005 è stato violino di spalla e solista dell’Orchestra Mozart di Milano.

Roberto Mazzoni
Roberto Mazzoni si è diplomato a pieni voti presso il Conservatorio G. Verdi di Milano sotto la guida del M° Gianpaolo Guatteri. Ha ricoperto per anni il ruolo di prima viola solista dell’Orchestra del Conservatorio stesso tenendo contemporaneamente numerosi concerti sia come solista che in svariate formazioni cameristiche italiane ed estere e partecipando, tra gli altri, ai Festival di Murcia, Lione, Todi, Spoleto e Stresa. Ha svolto intensa attività cameristica con il “Quartetto Aurora” , suonando in gran parte dei paesi europei, studiando sotto la guida del M° Franco Rossi, storico componente del “Quartetto Italiano”, con il “Quintetto Modigliani” e con il “Trio Ludwig” e vincendo i concorsi internazionali di Carpi, Genova, Rovere d’Oro e Moncalieri. Ha collaborato per diversi anni con l’Orchestra Sinfonica della RAI di Milano e, più recentemente , come prima viola con l’Orchestra del Festival Lirico di Spoleto e l’Orchestra Stabile di Como, suonando sotto la direzione di Peter Maag. Per tre anni è stato prima viola dell’Orchestra da Camera Milano Classica, con la quale ha suonato nei maggiori teatri italiani e ancora dell’Orchestra Filarmonica di Como che si è esibita in varie tournées europee nel repertorio lirico e sinfonico. Per anni è stato prima viola dell’Orchestra Cantelli, suonando nei maggiori teatri europei e nella tournée americana del 2002. Collabora in veste cameristica con il pianista A. Ballista e con C. Fracci, nell’allestimento di Verklärte Nacht di A. Schönberg. Collabora anche stabilmente come prima viola e solista dell’Orchestra da Camera della Lombardia, che si è esibita nella sua prima stagione nella prestigiosa sede del Teatro Dal Verme di Milano e in vari paesi europei. Collabora come strumentista ospite e prima viola con l’Orchestra degli Archi della Scala. Ha inciso per Edipan, Fonit Cetra, Naxos e, nel 1964, per Nuova Era la prima registrazione mondiale del quintetto per pianoforte e archi di O. Respighi con il Nuovo Quartetto Modigliani. Insegna viola ed esercitazioni d’orchestra presso la Scuola Civica di Musica di Casatenovo.

Giuseppe Laffranchini
Giuseppe Laffranchini compie gli studi musicali presso il Conservatorio di Brescia sotto la guida del M° F. Luscia.
Ha ricoperto il ruolo di primo violoncello dell’”Orchestra Filarmonica” e dell’”Orchestra del Teatro alla Scala” dal 1978.Ha svolto un’intensa attività concertistica come solista e con vari gruppi di musica da camera, in Italia come all’estero, con il “Trio d’archi di Milano” e con il “ Klavierquartett” di Milano. Ha inciso per l’etichetta “Accord” di Parigi.
É violoncello solista degli “ archi della Scala” , complesso con il quale tiene moltissimi concerti ed effettua tournees in tutto il mondo. Si é dedicato con passione all’attività didattica, insegnando prima al Conservatorio di Brescia successivamente al Conservatorio “G.Verdi” di Milano. Inoltre ha tenuto numerosi corsi di perfezionamento presso “L’Accademia del Teatro alla Scala”.

Inviato: 2008/5/19 15:03
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Stagione Musicale 2008 Luino (Va)
Just popping in
Iscritto il:
2008/5/19 15:00
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 3
Livello : 1; EXP : 10
HP : 0 / 2
MP : 1 / 90
Offline
III Concerto
23 giugno ore 21.00 - Teatro Sociale - Luino



Duo Rea - Sellani

Comunicato stampa
Un appuntamento imperdibile per gli appassionati di musica jazz, quello previsto in data 23 giugno alle ore 21.00 presso il Teatro Sociale di Luino. Il prestigioso duo Rea-Sellani si esibirà con due pianoforti Steinway modello D e Fazioli F278 posizionati ad incastro l’uno di fronte all’altro: un concerto d’eccezione con cui Danilo Rea e Renato Sellani hanno già entusiasmato il pubblico in altre occasioni importanti, come ad Umbria Jazz, con“ un'intelligenza improvvisativa capace di generare una sorpresa dopo l'altra” (www.italia.allaboutjazz.com).
Danilo Rea e Renato Sellani rappresentano, infatti, due generazioni diverse a confronto, con un Sellani già performer a fianco di personalità che hanno scritto la storia del panorama jazzistico internazionale quali Ella Fitzgerald, Sarah Vaughan, Hellen Merril. Danilo Rea ha cominciato a suonare il piano perché da giovane vedeva Renato Sellani in televisione accompagnare le grandi soliste. Renato Sellani dal canto suo, ha sempre visto Rea come un figlioccio più che un collega, capace anche lui di coniugare ad alto livello melodia e swing, dote rara e preziosa. Oltre al talento e alla sensibilità i due hanno in comune anche l’essere stati i pianisti, in epoche successive, della grande Mina. Ricorda Sellani che “una volta con Mina, con cui siamo amici fraterni, alla Bussola, mentre si suonava, venne giù un temporale e saltò via la corrente. Il proprietario fece fare un megafono col cartone e Mina disse “Renato suona tu il pianoforte e salviamo la serata!”( http://www.jazzitalia.net/articoli/int_renatosellani.asp)
Anche se tra i due pianisti intercorrono trent’anni di distanza, entrambi sono accomunati dalla passione per le grandi melodie del jazz, per la musica italiana, per lo swing più trascinante.
La Stagione Musicale di Luino è ideata e organizzata per l’Associazione Rinascenze, con il contributo del Comune di Luino e della Comunità Montana Valli del Luinese, e delle aziende private I.M.F., Assiteca, Banca Popolare Commercio e Industria, Riello di Valsoni, Rettificatrici Ghiringhelli, Italtrasfo, Legnami Marchetti, UNES (Germignaga, Maccagno, Porto Valtravaglia) e Francesco Marmino Fotografo, Piante Spertini, Katataiba.
Il prossimo appuntamento è previsto in data 8 luglio con Garrison Fewell ed il suo trio e con l’eccezionale partecipazione di Don Friedman caratterizzerà la serata dell’8 luglio presso il Palazzo Verbania.

Danilo Rea
Ricercatissimo sia nelle sale d'incisione che nei concerti dal vivo, Danilo Rea è da più di dieci anni il pianista di fiducia di Mina, collaborando inoltre con Claudio Baglioni e con Adriano Celentano.
In ambito jazzistico debutta nel 1975 nello storico Trio di Roma, con Enzo Pietropaoli e Roberto Gatto, e collabora con il quintetto di Giovanni Tommaso, con Lingomania, con Pietro Tonolo, ma anche con Chet Baker, Lee Konitz, Bob Berg, Michael Brecker, Tony Oxley, Dave Liebman, Kenny Wheeler, John Scofield, Joe Lovano, Toots Thielemans, Aldo Romano e altri numerosi personaggi di spicco del panorama musicale jazz.
Con i "Doctor 3", insieme a Enzo Pietropaoli e Fabrizio Sferra, ha inciso due dischi per la Via Veneto Jazz ("The Tales of Doctor 3", premiato miglior disco di jazz italiano nel Top Jazz 1998 e "The Songs Remain the Same", premiato miglior disco di jazz italiano da Musica & Dischi nel 1999); la formazione, vincitrice nell'ambito italiano del Top Jazz 1999, si è esibita in diversi concerti in Cina, a Umbria Jazz e nei maggiori Festival Jazz italiani.
Fonte http://www.festivaldautunno.com/schede.asp?id=24
Renato Sellani
Nato a Senigallia, entra giovanissimo in contatto con musicisti come Piero Piccioni e Umberto Cesari. Il suo primo incontro con musicisti di jazz americani avviene suonando per lungo tempo con il trombettista Bill Coleman. Nel 1954 approda a Milano dove prosegue la sua attività con il chitarrista Franco Cerri e successivamente entra a far parte del mitico quintetto Basso-Valdambini. Molti musicisti d'oltre oceano lo cercano per suonare insieme a lui. Si ricordano le tournè con Lee Konitz nel '58 (con il quale ha fatto una serie di concerti nel febbraio '95), con Chet Baker (la più famosa tromba bianca del jazz) nel 1960, '61, '68, '69 e '70. Ha accompagnato molti cantanti tra i quali Mina, Nicola Arigliano, Fred Bongusto, Lilian Terry, Renata Mauro, Helen Merril, Ginge Rogers e Sarah Vaughan. L'incontro con altri musicisti famosi è proseguito con Herb Geller al Festival di Bled, Buddy Collette (con il quale ha inciso alcuni LP), Gerry Mulligan, Stephan Grappelli, Franco Ambrosetti, Sergio Fanni, Eraldo Volontè, Tullio De Piscopo ed altri. Ha partecipato più volte ad Umbria Jazz e ad altri festival in Italia e all'estero. Ha fatto parte dell'orchestra RAI di Gorni Kramer. Intensa la sua attività di compositore per musiche di scena: "Puntila e il suo servo Matti" di B. Brecht per lo Stabile di Torino. con Corrado Pani e regia di Aldo Trionfo, "Aspettando Godot" di Samuel Beckett per il Piccolo Teatro di Milano, "I sei personaggi" per la compagnia di Tino Buazzelli "Hai mai provato nell'acqua calda" per la compagnia di Walter Chiari. Le più recenti sono le musiche per le compagnie di G. Tedeschi, Renzo Montagnani e, per la commedia musicale "Gigì", per la compagnia di Ernesto Calindri. Numerose le partecipazioni televisive tra le quali come ospite fisso per tre anni al "Circolo delle 12" e "Tortuga" su RAI3. Predilige agire nell'ambito del jazz moderno classico in piccole formazioni, trio o duo (da oltre 15 anni in duo con il contrabbassista Massimo Moriconi) o piano solo, perché meglio si adatta alle atmosfere raffinate e liriche che lo contraddistinguono. Recentemente la casa discografica Philology lo ha scelto per la registrazione di una serie di duetti con alcuni giganti del jazz internazionale. Sono già in commercio un CD con il sassofonista Lee Konitz "Speakin Lowly" e uno con il chitarrista brasiliano Irio De Paula "Delicatessen". In corso di pubblicazione altri tre CD con Phil Woods e Tony Scott oltre ad uno registrato dal vivo da solo. Ha inciso inoltre diversi LP, sia in gruppo che per solo piano, nei quali spiccano anche le sue qualità di compositore dalle sonorità particolarmente suggestive e raffinate.

Inviato: 2008/5/19 15:05
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti016139
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 20 utente(i) online (12 utente(i) in Forum)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 20

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 0
Ieri: 16
Totale: 5685
Ultimi: BobbieHans

Utenti Online:
Ospiti : 20
Membri : 0
Totale: 20
Lista Utenti [Popup]

© 1999-2017 OZoz.it