logo
 
OzBlogOz

Link sponsorizzati

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms




Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi



(1) 2 3 4 »

... niente più nomi
Home away from home
Iscritto il:
2004/11/30 17:23
Da Carpi (mo)
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 949
Livello : 27; EXP : 39
HP : 0 / 659
MP : 316 / 28818
Offline
Il merito della comunicazione non fa una piega ed è più che legittimo.

Sarebbe interessante sapere se una vicenda che vede come soggetto controparte una casa editrice a pagamento, diffamata, per così dire, per comportamenti perlomeno di dubbia moralità, portata ad esempio da persona con tanto di nome e cognome e presa di responsabilità, solleverebbe, appunto dalla responsabilità, il sito in questione (Ozoz per intenderci).

E' sin troppo facile da parte di tali editori minacciare di adire a vie legali contro chi non è testimone diretto e pertanto non a conoscenza di quanto testimoniato da altri. D'altro canto è pur vero che spesso gli scrittori bocciati si sentono vittime di chissà quali soprusi senza minimamente pensare che la bocciatura è principalmente dovuta a mancanza di talento.

... dura la vita dei webmasters

Ciao

Inviato: 2008/1/30 14:19
_________________
Non permettere alla lingua di oltrepassare il pensiero. (Anton Checov)
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: ... niente più nomi
Just can't stay away
Iscritto il:
2007/7/14 15:58
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 249
Livello : 14; EXP : 75
HP : 0 / 343
MP : 83 / 12393
Offline
esatto, non credo che i proprietari di un sito siano così facilmente incriminabili, la questione della esponsabilità degli amministratori di un forum non è così semplice. e comunque, aggiungo io, se questi sono i chiari di Luna, vorrà dire che d'ora in poi, userò invece he una catena di 10 proxy anonimi (con log di brevissima durata) per accedere ai forum, almeno il triplo, così non si è più soggeti a certi personaggi che vorrebbero tappare la bocca per continuare a lucrare indisturbati

Inviato: 2008/1/30 14:29
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: ... niente più nomi
Home away from home
Iscritto il:
2005/9/20 14:15
Da Amsterdam
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 1003
Livello : 28; EXP : 3
HP : 0 / 675
MP : 334 / 27932
Offline
mi cadono le braccia...

se qualcuno ha letto sostiene pereira sa di cosa parlo...questo tipo di censura è tipico della dittatura, del fascismo, dei giochi di potere.

avere un'esperienza negativa e raccontarla deve essere un monito sia per chi prenderà spunto da quella riflessione, cercando di non incappare nello stesso errore del primo, sia da parte delle cose editrici a pagamento che dovrebbero afferrare che il loro lavoro non sempre viene percepito valido.
non raccontare le proprie esperienze vale a dire dimenticare il passato, e ricominciare tutto daccapo ogni volta, non crescendo mai.
i forni in germania di cui si fa memoria in questi giorni è un esempio preciso.
come si fa a fare a meno delle esperienze per non commettere errori?

qui non stiamo dicendo che le case editrici a pagamento fanno tutte schifo, ma omettere il nome mi sembra una censura ridicola, specie pe chi ripone nella scrittura una parte dei propri sogni...

però...adesso che ci penso...mi viene da ridere!
hahaha!
non ci avevo pensato, che stupido!!

ma se una di queste case editrici fa la pubblicità su questo blog!!
e una delle più sputtanate tra l'altro...

oddio, scrivo il nome?

casa editrice...oopp

lo dico?

haha!

casa editrice...-censura di ozoz-

beh, io ho detta la mia, querelatemi pure, io qui sto

rispettosamente

sanchez

Inviato: 2008/1/30 22:22
_________________
"Possedere la copia d’un libro è importante. Puoi riprenderlo ogni volta che ti pare, girartelo per mano, leggere addirittura delle pagine intere. Di quelli buoni s’intende."
http://animaemigrante.blogspot.com/
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: ... niente più nomi
Home away from home
Iscritto il:
2004/11/4 15:10
Da El pueblo de los fragoliñas
Gruppo:
bannato
Messaggi: 778
Livello : 25; EXP : 16
HP : 0 / 604
MP : 259 / 26510
Offline
Citazione:
Il Corvo:
una casa editrice a pagamento, diffamata, per così dire, per comportamenti perlomeno di dubbia moralità


Ancora faccio fatica a capire di cosa si stia parlando.
Penso sia proprio a cose di questo tipo che faccia riferimento Ozoz. Il tirar giù sentenze, e addirittura giudizi moralistici, per un servizio che un'impresa propone al mercato (al di là della propria opinione sull'editoria
con contributo, che qua non c'entra un tubo).
Immorale è colui che appunto una morale non ce l'ha, che promette una cosa di fondamentale importanza e poi non la fa, che approfitta di una situazione di monopolio per tirare il collo a poveri clienti senza altra scelta, che
truffa, che mente e via di questo passo. Un politico insomma, ma qua si parla d'altro.
Ora, se a me un imprenditore propone di pubblicarmi un libro a patto che... (se ne parla da una vita e tutti conosciamo quelle condizioni) e io accetto
perché mi va bene, mi spiegate dov'è l'immoralità?
E se proprio dovessi sforzarmi di trovarne da qualche parte: ce ne è di più nell'editore, o nell'autore che accetta?
Inventiamoci una casa editrice, che so, "Lo Spago" (a meno che io non abbia preso un abbaglio non esiste quindi Ozoz e il sottoscritto dovrebbero poter
dormire sonni tranquilli), ha tutto il diritto di farsi pubblicità, ma di certo non entra in casa delle persone sfondando la porta e impossessandosi di manoscritti gelosamente custoditi; quindi, qualcuno glieli spedisce e
quasi tutti sanno a cosa andranno incontro, o in alternativa lo sapranno di lì a breve. Del resto la scelta è ampia perché di case editrici come Lo Spago ce ne sono un mare, che costano di più e che costano di meno, di
conseguenza non vedo dove sia tutta questa immoralità.
Domanda, offerta. Punto.
Ci fosse meno smania di pubblicare, meno smania di arrivare a fare le veline in TV o partecipare al Grande Fratello, meno smania di portare un figlio di quattro anni a fare il provino nelle giovanili di una squadra di calcio...
non staremmo qui a parlare della casa editrice Lo Spago. E che nessuno venga a parlarmi di Arte, di missione filantropica che dovrebbe investire l'editore folgorato
sulla via di Cologno Monzese e via discorrendo. L'Arte è un prodotto e come tale si vende, altrimenti dovremmo dare dell'immorale anche a Michelangelo e compagnia bella.

Ma qual è il ritratto tipo dell'aspirante autore che spedisce il suo libello alla casa editrice Lo Spago?
Direi che di categorie ce ne è più d'una e varia a seconda degli anni di apprendistato:

Fase uno: l'Ingenuo. Colui che si affaccia per la prima volta sul difficile ma affascinante mondo dell'editoria, colui che ha gli occhi pieni delle poltroncine del Maurizio Costanzo Sciò, del film tratto dai successi di tale
Moccia e dai tabulati delle vendite di Faletti. E allora, spinto dalla mamma e dagli amici che gli spergiurano essere meglio di Eco, si informa e trova ovunque la pubblicità de Lo Spago e decide a spedire il suo libello perché (cavolo, glielo diceva perfino la buon'anima di sua nonna) la tua vita è come un film e ci sarebbe da raccontarla. Poi arriva la proposta de Lo Spago e,
mannaggia, il mio libello è loro piaciuto però, sai, sei un esordiente e... Quale scelta ha il nostro eroe, che dentro di sé sta già decidendo quale vestito indossare al MCS, cosa dire quando incontrerà Raoul Bova mentre starà girando il film o dovrà aprire dieci conti correnti bancari perché in uno tutti i soldi non ci entreranno?

Fase due: l'Illuso. Colui che ha superato la fase dell'ingenuità e che sta prendendo atto di quanto sia marcio il mondo dell'editoria perché i veri talenti (come lui, chiaro) non li scopre più nessuno e le librerie sono
piene di quella robaccia là. Magari l'Illuso ne capisce anche qualcosa in più e ora Moccia non è più il suo idolo commerciale, proprio come Melissa P., e di conoscere
Raul Bova non se ne parla, però, d'altro canto, lamentarsi con gli amici (dallo sguardo sempre più dubbioso) perché è tutta una questione di agganci non gli basta più, tuonare nei forum contro approfittatori non serve a salvargli l'anima e poi c'è ancora, in fondo in fondo, quella vocina della buon'anima di sua nonna... Che fare? Ci vuole comunque visibilità, un cavallo di Troia che funga da grimaldello con la grande editoria, qualcosa di compiuto da far leggere e che possa mostrare il suo nome in vetrina. E poi, mannaggia, furono proprio quelli de Lo Spago a dirgli che persino Moravia si autopubblicava all'inizio, quindi... E poi, eccoli lì, quelli de Lo Spago, sempre presenti, e allora è meglio ingoiare un boccone amaro adesso perché poi, ne è sicuro, il suo talento verrà a galla, è inevitabile, continuano a ripeterglielo pure gli amici al bar e tutti quelli col nick strano nei forum perché, a loro che se ne intendono, i suoi racconti di vita vissuta (che però è uguale a quella di tutti gli altri) guarda caso piacciono. Editoria bastarda.

Fase tre: il Rassegnato. Colui che ormai, a distanza di una quindicina d'anni dagli esordi, non crede più alle favole, ha casa zeppa di lettere di rifiuto e tutti gli editori nazionali hanno piazzato una bella croce sul suo
nome e un killfile in posta elettronica. Il Rassegnato inoltre neanche ha più energie per protestare, ha capito che quella dell'editoria del magna magna e del talento incompreso è una bubbola, ha "finalmente" realizzato che
forse i trentadue libelli che ha scritto in questi anni sono davvero illeggibili o (diamo un po' di spazio all'amor proprio) non così buoni come pensava (nei giorni in cui è ottimista pensa ancora che se avesse avuto qualcuno a seguirlo e dargli consigli... ah!), però gli scoccia gettare alle ortiche il sogno di una vita, e poi ci sono sempre gli amici del bar (adesso con lo sguardo decisamente annoiato e seccato) che vanno in giro col BMW e tutte le estati si piazzano alle Maldive, mentre lui ha ancora la Panda Young e d'estate al massimo arriva a Porto S.Giorgio. Però, a ben pensarci, ha ancora la possibilità di dar loro un bel colpo, di prendersi la rivincita, di fare un bel sorriso e sbandierare al bar, finalmente, il suo libello stampato tra un crodino e l'altro e così zittirli tutti quando gli dicono "scritto', allora, novità?"
E, salvezza, come la morte e le tasse la casa editrice Lo Spago è sempre lì, immutabile, che ancora sarebbe disposta a... Glielo faccio vedere lui, glielo faccio. Tanto quelli là mica devono sapere che ha la cantina piena di
scatoloni col suo libello.

In fondo, che c'è di male: Lo Spago avvera i sogni.

Inviato: 2008/1/31 10:09
_________________
"Se la smetteste di spedire romanzi a caso..."
OZOZ
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: ... niente più nomi
Home away from home
Iscritto il:
2004/11/30 17:23
Da Carpi (mo)
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 949
Livello : 27; EXP : 39
HP : 0 / 659
MP : 316 / 28818
Offline
Ok!

Ma se tutto ciò è una regolarissima operazione di mercato, perchè mai tali case editrici dovrebbero intimare ai webmasters, nel caso specifico, di Ozoz di tappare la bocca ai propri forumisti?

Scusa Alco, il tuo discorso, bello (un po' troppo lungo) non è affatto esauriente. Io pure ho sottolineato come, spesso, gli scrittori che in qualche modo non hanno visto soddisfatte le proprie aspettative, riversino poi tutto il veleno possibile su coloro che ritengono responsabili del loro fallimento. Sbagliando.
Ma questa è soltanto una delle ipotesi a cui facevo riferimento. Sinceramente io non ho alcuna velleità scribacchina, non ne ho nemmeno le capacità. Per cui diciamo che della sezione del forum "Case editrici & co." non me ne po' fregà de meno. Però mi è capitato di leggere testimonianze di comportamenti degli Editori che sono andati anche oltre l'immoralità, direi che si trattava di truffe belle e buone. Bene! Ritengo che se queste esperienze sono reali (perciò dicevo che uno potrebbe testimoniare la veridicità di quanto afferma indicando le proprie generalità e prendedosi la responsabilità di quanto dichiarato) ben venga il racconto di tali esperienze con tanto di nome e cognome e ragione sociale!

Inviato: 2008/1/31 14:00
_________________
Non permettere alla lingua di oltrepassare il pensiero. (Anton Checov)
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: ... niente più nomi
Home away from home
Iscritto il:
2004/11/4 15:10
Da El pueblo de los fragoliñas
Gruppo:
bannato
Messaggi: 778
Livello : 25; EXP : 16
HP : 0 / 604
MP : 259 / 26510
Offline
Citazione:
Corvo:
Però mi è capitato di leggere testimonianze di comportamenti degli Editori che sono andati anche oltre l'immoralità, direi che si trattava di truffe belle e buone. Bene! Ritengo che se queste esperienze sono reali ben venga il racconto di tali esperienze con tanto di nome e cognome e ragione sociale!


Corvo, qua ai più sfugge l'unico concetto fondamentale che importi davvero: se ci sono in giro editori che truffano, sempre in giro ci sono i tribunali per far valere le proprie ragioni, non i forum.
Se io e te sappiamo che un tale politico imbroglia e ne fa di tutti i colori, non posso andare in tv a dirlo, ma in tribunale e con tanto di prove, perché altrimenti, per la legge, tale politico ha tutto il diritto e le possibilità di farmi un mazzo tanto.
Le case editrici in questione non hanno tappato la bocca a nessuno, ma soltanto impedito che vengano spacciate calunnie non suffragate da fatti in una sede che potrebbe ledere l'immagine stessa della casa editrice. Inoltre ognuno a casa sua è responsabile di cosa accade, anche se provocato da amici invitati a cena.
Vorrei specificare poi che questa gente non è cretina, quando ti propone un contratto lì' c'è scritto tutto quel che serve, e se non c'è è perché non te lo danno. Se tu pubblichi poi non puoi andare a sfogare la tua rabbia da altre parti perché è stupido, bambinesco e una volta di più dimostra come ti sei fatto gabbare e ciò non va propriamente a tuo merito. E' come in una partita di calcio: se un avversario ti fa un fallo c'è l'arbitro per punirlo, non puoi andare a farti giustizia da solo perché altrimenti passi dalla parte del torto.
Spero sia chiaro una volta per tutte.

Inviato: 2008/1/31 15:49
_________________
"Se la smetteste di spedire romanzi a caso..."
OZOZ
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: ... niente più nomi
Home away from home
Iscritto il:
2004/11/30 17:23
Da Carpi (mo)
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 949
Livello : 27; EXP : 39
HP : 0 / 659
MP : 316 / 28818
Offline
Chiaro è chiaro, del resto sappiamo bene che non tutto ciò che è legale è ben fatto.

Sbaglio... o sei parte in causa???




Inviato: 2008/1/31 16:33
_________________
Non permettere alla lingua di oltrepassare il pensiero. (Anton Checov)
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: ... niente più nomi
Home away from home
Iscritto il:
2004/11/4 15:10
Da El pueblo de los fragoliñas
Gruppo:
bannato
Messaggi: 778
Livello : 25; EXP : 16
HP : 0 / 604
MP : 259 / 26510
Offline
Mi dispiace per te, caro pennuto, ma è un'ipotesi che seppur ti solletica dovrai scartare.

Inviato: 2008/1/31 16:56
_________________
"Se la smetteste di spedire romanzi a caso..."
OZOZ
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: ... niente più nomi
Just popping in
Iscritto il:
2007/12/17 15:27
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 6
Livello : 1; EXP : 47
HP : 0 / 11
MP : 2 / 409
Offline
Caro Alco99. Il tuo intervento, in particolare la parte dei ritratti, è divertente e rispecchia molto la realtà. Mi ha stimolato e mi ha invitato a fare una riflessione.
Di ritratti di questo tipo se ne potrebbe dipingere tanti, anche per utenti di servizi molto più comuni. Chi si fa convincere a cambiare guarnizioni perfettamente funzionanti da idraulici disonesti (tranquillo ozoz, non faccio nomi), ad esempio, non è un ingenuo? Oppure chi paga il salatissimo conto del meccanico senza neanche controllare le voci, dicendo tra se e se: tanto rubano tutti, non è un rassegnato? E poi hai dimenticato un’altra categoria: il disperato. Magari c’è qualcuno che conduce una vita terribile, lavora dodici ore al giorno in fabbrica, sta su tutta la notte a scrivere perché si è messo in testa di sfondare con la letteratura. E’ giusto che qualcuno speculi sui suoi sogni? L’atteggiamento di questa casa editrice “Lo spago” non è paragonabile a quello degli pseudoproduttori visti a Striscia, quelli che fanno intendere alle ragazze: tu dai una cosa a me… e poi vedrai che le cose andranno per il verso giusto? Eppure se le ragazze sono consenzienti questi non sono perseguibili. Nessuno obbliga la gente a spendere migliaia di euro per farsi togliere il malocchio. E quei tipi che promettono di guarire il cancro con delle macchine mirabolanti? Non sono anche loro sfruttatori di sogni?
Ok, forse sto esagerando. E se devo dirla tutta non sono neanche credibile nella parte del moralista. Però credo che chi è più intelligente, chi ha più esperienza, chi ne capisce di più di una determinata materia, debba solidarizzare con chi viene fregato, non dire: affari suoi, in fondo se l’è meritato.
Ti faccio una confessione: a suo tempo, ha comprato le azioni della parmalat e credevo di aver fatto un affare. Però esistevano tante persone che sapevano bene che quello un affare non era. Non sarei molto contento di trovare un forum dove queste persone mi bollano come ingenuo.

Per quanto riguarda Ozoz e la sua censura, avete fatto bene a togliere tutti i nomi di tutti gli editori che pubblicano a pagamento, il cui nome è composto da un articolo e da una parola di quattro lettere. Ho letto di recente sul giornale che i moderatori di un forum sono stati arrestati perché un utente ha scritto: “quel birichino di Mastella”. Dieci anni di carcere. Ah, ho letto anche che Cristo è morto dal sonno.
Ma fatemi il piacere!!!!

Inviato: 2008/1/31 17:36
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: ... niente più nomi
Sostenitore di OZoz
Iscritto il:
2003/12/10 12:54
Da Piacenza
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 1917
Livello : 36; EXP : 37
HP : 0 / 884
MP : 639 / 41144
Offline
Credo che una serie di case editrici sparano alto tendendo la rete dove accallappiarre sognanti aspiranti autori: tu paghi, ma in cambio avrai.

Sì, do ut des. Peccato che nel des non sia compreso l'acquisto da parte degli ignari ed irraggiungibili lettori. e qui casca l'asino, l'aspirante scrittore di fama s'incazza e si sente truffato ma in realtà al massimo può definirsi gabbatello.

Poi dipende. Vi ricordate di Nukes? Pagò, si diede da fare e portò a casa i suoi soldi con magna soddisfazione. Anch'io ho pagato, sia pure con una casa editrice diversa e a condizioni contrattate. Anche Smoje ha pagato, da una tipografia ed abbiamo entrambi portato a casa i nostri soldi dandoci da fare, promuovendoci in prima persona.

Insomma, dipende. Dipende dalle condizioni e allora poco importa del nome della casa editrice: parliamo di condizioni, confrontiamoci e, anche senza nomi e cognomi certi venditori di fumo potremo sempre lasciarli a casa loro.

O meglio: a chi comunque è disposto a spendere per avere comunque quel tale servizio. Crediamo non esista nessuno? Crediamo davvero che tutti quelli che pagano si fanno gabbare? Avrei alcuni nomi eccellenti passati in questo blog ....

Inviato: 2008/1/31 22:44
_________________
.. Occhi di gatto oltre il finestrino nascosti nell'ombra d'ammaliante cappuccio, Locomotore 740.278 quel treno ha più luci del paese di Pinocchio, suona e incanta la musica di un organino ..(Conte Arzov Von Claudiovic) http://arzaniclaudio.splinder.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti127153
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 55 utente(i) online (32 utente(i) in Forum)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 55

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 12
Ieri: 14
Totale: 5797
Ultimi: BusterBasa

Utenti Online:
Ospiti : 55
Membri : 0
Totale: 55
Lista Utenti [Popup]

© 1999-2017 OZoz.it