logo
 
OzBlogOz

Link sponsorizzati

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms




Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi



« 1 2 (3) 4 5 6 ... 8 »

Re: Mondadori e gli autori sconosciuti
Just popping in
Iscritto il:
2007/2/21 10:26
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 41
Livello : 5; EXP : 19
HP : 0 / 104
MP : 13 / 2193
Offline
Scusa Alco 99, chi ti ha risposto che era bello. scritto bene ma troppo ostico per la loro collana: Mondadori?
Perché vedi, è questo il punto: qui stiamo parlando di una casa editrice che, come molte altre grandi, gli esordienti proprio non li vuole nemmeno sentir nominare.
Salvo...
Ed è quel "salvo" che, sia pur sapendo come vanno le cose, non mi sta molto bene. E io, come molti altri, potremmo forse anche avere qualcosa di interessante anche oltre le mura di casa ma quel qualcosa non arriverà mai all'editor di Mondadori. E, tanto per restare in tema, riporto alcuni passi di un'intervista (sempre Vanity Fair, due pagine dopo quella della Scavia) fatta a Michael Gregorio. Ebbene, Michale Gregorio, per chi non lo sapesse, ha pubblicato per Einaudi il thriller storico "Critica della ragion criminale". In realtà Michael Gregorio sono... due, marito (Michael Jacob, inglese) e moglie (Daniela De Gregorio, italiana). Ebbene, dopo aver specificato che scrivono in inglese e aver sottolineato che "è difficile pubblicare in Italia. Non è facile nemmeno in Inghilterra, ma c'è più mercato." Alla domanda "Scrivete in inglese, come mai?" Hanno risposto: "Mandiamo il manoscritto in inglese e viene tradotto nelle varie lingue, italiano compreso. Ci era stato detto di scrivere in inglese perché in Italia non si pubblica. Quando, per curiosità, ho chiesto all'editor di Einaudi se, ricevendo il nostro manoscritto in italiano, lo avrebbe letto, mi ha risposto: probabilmente no."
E allora, come la mettiamo?

Inviato: 2007/11/27 8:13
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Mondadori e gli autori sconosciuti
Home away from home
Iscritto il:
2005/9/20 14:15
Da Amsterdam
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 1003
Livello : 28; EXP : 3
HP : 0 / 675
MP : 334 / 16940
Offline
la mettiamo a tradurre i testi in inglese e inviarli a einaudi

semplice, no?
;)

sanchez

Inviato: 2007/11/27 14:31
_________________
"Possedere la copia d’un libro è importante. Puoi riprenderlo ogni volta che ti pare, girartelo per mano, leggere addirittura delle pagine intere. Di quelli buoni s’intende."
http://animaemigrante.blogspot.com/
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Mondadori e gli autori sconosciuti
Just popping in
Iscritto il:
2007/11/25 14:21
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 10
Livello : 2; EXP : 0
HP : 0 / 25
MP : 3 / 467
Offline
Citazione:
Alla domanda "Scrivete in inglese, come mai?" Hanno risposto: "Mandiamo il manoscritto in inglese e viene tradotto nelle varie lingue, italiano compreso. Ci era stato detto di scrivere in inglese perché in Italia non si pubblica. Quando, per curiosità, ho chiesto all'editor di Einaudi se, ricevendo il nostro manoscritto in italiano, lo avrebbe letto, mi ha risposto: probabilmente no."


Ah ah, questa non la sapevo. Lo sai che avevo pensato pure io di scrivere il libro in inglese e pubblicare all'estero, e poi farlo tradurre in italiano?
Beh, a quanto pare sono a pari dei tempi. Se per pubblicare funziona così...

La mia frase è puramente sarcastica, so che ci sono anche altri modi, non solo quello di tradurre in lingua anglosassone e poi smerciarlo al mondo inglese. Però dai potrebbe essere una possibilità in più, no?

Inviato: 2007/11/27 20:24
_________________
My devianArt Gallery.
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Mondadori e gli autori sconosciuti
Home away from home
Iscritto il:
2004/11/4 15:10
Da El pueblo de los fragoliñas
Gruppo:
bannato
Messaggi: 778
Livello : 25; EXP : 16
HP : 0 / 604
MP : 259 / 16686
Offline
Citazione:

Cagliostro ha scritto:
Scusa Alco 99, chi ti ha risposto che era bello. scritto bene ma troppo ostico per la loro collana: Mondadori?
Perché vedi, è questo il punto: qui stiamo parlando di una casa editrice che, come molte altre grandi, gli esordienti proprio non li vuole nemmeno sentir nominare.
Salvo...


No, alla Mondadori mi hanno detto altro, ma era un romanzo legato a un premio e non fa testo.
Quanto al resto, non mi sembra che il discorso sugli esordienti impressioni granché visto che tutti continuano a spedire a Mondadori. Per essere precisi, Mondadori non rifiuta gli esordienti, rifiuta i non affari.

Citazione:
Ed è quel "salvo" che, sia pur sapendo come vanno le cose, non mi sta molto bene.


Purtroppo quel che non sta bene a te e a me non è che conti poi molto. Ma possiamo continuare a parlarne, funge da terapia di gruppo.

Citazione:
E io, come molti altri, potremmo forse anche avere qualcosa di interessante anche oltre le mura di casa ma quel qualcosa non arriverà mai all'editor di Mondadori.


E pensi che loro non abbiano gli archivi già pieni di cose interessanti? E' soltanto un problema di affollamento. Dovrebbero inventare un software capace di dare un parere sui manoscritti, allora sì che il 95% della gente non spedirebbe romanzi ma si abbonerebbe a "Il giardinaggio oggi", con un gran guadagno per il sistema editoria. ma tanto anche in quel caso la maggioranza direbbe che era un parere "soggettivo" che nulla ha a che vedere col loro capolavoro.

Citazione:
E, tanto per restare in tema, riporto alcuni passi di un'intervista [...]
E allora, come la mettiamo?


In nessun modo. Il giornalista dovrebbe tornare a occuparsi di gossip sui divi del cinema.
Oddio, Vanity Fair baluardo della letteratura...
E' come cercare la vita di Padre Pio su Playboy.
Comunque il giornalista non m'è sembrato così informato. L'inglese è la lingua mondiale per eccellenza e in Italia siamo da sempre esterofili, in ogni cosa tranne che la cucina. Chissà perché, verrebbe voglia di dirgli, in Italia ci sono 2000 traduttori dall'inglese e in Inghilterra dieci dall'italiano. Un caso? Ovvio che il mercato di matrice anglosassone è enorme rispetto a quello italiano, e se scrivi in inglese nessuno ti rifiuterà una lettura anche perché sanno che all'estero c'è un modo più professionale di approciarsi al settore rispetto ai caciaroni italiani.
Potrei dirti che alcuni autori italiani scrivono sotto pseudonimo inglese perché il lettore medio italiano (scarso e cresciuto a pane e raffaella carrà) il thriller ambientato a New York lo vuole scritto da Eloisyus Smith piuttosto che Paolo Michetti; e magari capiterà ancora che un tizio di nome Baldacci Ford, prima di diventare famoso, in Italia si vedeva tolto il Baldacci perché sennò sembrava italiano e vendeva meno.
La gallina o l'uovo? Colpa dell'editore o del lettore?
E allora, come la mettiamo?
In nessun modo: Sergio Altieri continuerà a scrivere come Alan D. Altieri, o Stefano Di Marino come Stephen Gunn, si vende meglio.

Inviato: 2007/11/28 9:46
_________________
"Se la smetteste di spedire romanzi a caso..."
OZOZ
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Mondadori e gli autori sconosciuti
Just popping in
Iscritto il:
2007/2/21 10:26
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 41
Livello : 5; EXP : 19
HP : 0 / 104
MP : 13 / 2193
Offline
Perfetto Alco, mi hai convinto.
Disamina lucida ed esaustiva, la tua.
Ora torno nel mio angolo e so cosa devo fare.
Smettere.
Grazie.

Inviato: 2007/11/29 9:16
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Mondadori e gli autori sconosciuti
Just popping in
Iscritto il:
2005/12/9 19:23
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 39
Livello : 5; EXP : 2
HP : 0 / 100
MP : 13 / 2458
Offline
Ragazzi, sarà che sono una che sogna troppo, ma a me piace pensare che le cose siano andate come raccontano le autrici. Non ho letto i loro libri quindi mi astengo dal commentare la loro qualità...ma di una cosa sono certa quando finirò il mio romanzetto vorrò provare a spedirlo anche a loro. Se mi ignoreranno pazienza! si può sempre ripiegare su Einaudi, Feltrinelli, etc
Dite che sia il caso che scenda dalla mia nuvola?

Inviato: 2007/12/3 15:13
_________________
Qualunque cosa tu possa fare, o sognare di fare, falla. L'audacia ha in sé genio, potere e magia. Incomincia adesso". ( Goethe)
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Mondadori e gli autori sconosciuti
Home away from home
Iscritto il:
2005/9/20 14:15
Da Amsterdam
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 1003
Livello : 28; EXP : 3
HP : 0 / 675
MP : 334 / 16940
Offline
alco puoi scriverci l'indirizzo di mondadori per i manoscritti, e magari all'attenzione di chi?

almeno non sprechi tutto questo fiato invano

rispettosamente

sanchez

Inviato: 2007/12/3 23:22
_________________
"Possedere la copia d’un libro è importante. Puoi riprenderlo ogni volta che ti pare, girartelo per mano, leggere addirittura delle pagine intere. Di quelli buoni s’intende."
http://animaemigrante.blogspot.com/
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Mondadori e gli autori sconosciuti
Home away from home
Iscritto il:
2004/11/4 15:10
Da El pueblo de los fragoliñas
Gruppo:
bannato
Messaggi: 778
Livello : 25; EXP : 16
HP : 0 / 604
MP : 259 / 16686
Offline
Per una volta l'hai detta giusta.
Concordo.

Inviato: 2007/12/4 8:43
_________________
"Se la smetteste di spedire romanzi a caso..."
OZOZ
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Mondadori e gli autori sconosciuti
Home away from home
Iscritto il:
2005/9/20 14:15
Da Amsterdam
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 1003
Livello : 28; EXP : 3
HP : 0 / 675
MP : 334 / 16940
Offline
allora?

sanchez

Inviato: 2007/12/4 10:17
_________________
"Possedere la copia d’un libro è importante. Puoi riprenderlo ogni volta che ti pare, girartelo per mano, leggere addirittura delle pagine intere. Di quelli buoni s’intende."
http://animaemigrante.blogspot.com/
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Mondadori e gli autori sconosciuti
Just popping in
Iscritto il:
2007/12/4 22:08
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 4
Livello : 1; EXP : 21
HP : 0 / 5
MP : 1 / 101
Offline
Io ho letto le cronache delle terre emerse. O meglio, mi sono stancato dopo pochi capitoli. Non voglio offendere l'autrice, ma a me proprio non è piaciuto, l'ho addirittura portato in libreria e me lo sono fatto cambiare (di negozianti comprensivi c'è ne sono pochi ma ci sono :) ). Insomma, senza voler offendere, è un libro, secondo me, pessimo, davvero pessimo, scontato e scritto in maniera un pò sempliciotta. Ora, forse si tratta di questione di target, magari è per un pubblico poco maturo (non direi), però non posso esprimere di certo un parere positivo.
Da quello che so, o meglio, ho sentito dire, l'autrice è una nipote dei uno dei dirigenti della mondadori, o almeno cosi si dice. Effettivamente, credemi (ma potete anche leggerlo, magari lo trovate di seconda mano), è un librucolo (che però ha venduto... mi dicevano che vende bene anche in germania... forse sono io che sono di gusti difficili...)
Comunque, oggi come oggi si può ricorrere all'autopubblicazione, le cifre non paiono poi cosi proibitive...

Inviato: 2007/12/4 22:55
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti41594
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 19 utente(i) online (13 utente(i) in Forum)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 19

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 4
Ieri: 16
Totale: 5150
Ultimi: TWatsford

Utenti Online:
Ospiti : 19
Membri : 0
Totale: 19
Lista Utenti [Popup]

© 1999-2013 OZoz.it - P.I. 02878050737