logo
 
OzBlogOz

Link sponsorizzati

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms




Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi



(1) 2 »

GIALLO
Guest_
Quali sono gli "elementi costitutivi" di un giallo?!

Inviato: 2006/10/28 18:41
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: GIALLO
Home away from home
Iscritto il:
2003/10/24 18:34
Da alla periferia di nessun centro
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 1250
Livello : 30; EXP : 70
HP : 0 / 742
MP : 416 / 35018
Offline
Avere un maggiordomo sanguinario.

Inviato: 2006/10/28 18:46
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: GIALLO
Just can't stay away
Iscritto il:
2004/6/16 17:28
Da Gorizia
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 287
Livello : 15; EXP : 84
HP : 0 / 371
MP : 95 / 16805
Offline
Non sono gli elementi costitutivi, ma penso che le 20 regolette che ho trovato da qualche parte in questo brodo primordiale pieno zeppo d'informazioni.

Eccotele qua, penso siano abbastanza utili.

"

Le venti regole per scrivere un giallo le ha dettate Willard Huntington Wright più di 80 anni fa.

1. Un giallo è un giallo; non è un libro d’avventure, né di spionaggio, né un romanzo rosa, ma neppure un trattato filosofico o un’opera che cambierà la storia del mondo. Di più, la scrittura nel giallo, per forza del suo destino, è sempre una scrittura di partenza, MAI una scrittura d’arrivo (altra cosa sono le valide trame inserite in situazioni letterarie differenti, si veda, per esempio, il bellissimo plot criminale ne’ Il nome della rosa di Umberto Eco). Questo significa che se un giallista ritiene di essere scrittore a tutto tondo, sarà con altre prove che dovrà dimostrarlo. Allo stesso modo, i critici letterari illuminati, in possesso della verità sulle cose, dovrebbero evitare di sentirsi ingiuriati e di esortare il popolo degli addetti ai lavori a non prendere sul serio gli autori di romanzi gialli; ciò accade puntualmente ogni volta che c'è un risveglio d'interesse per la loro produzione! God forbid!!

2. Un buon romanzo giallo non ha significati altri; inutile quindi tessere le lodi dell’autore per avere posto in primo piano problematiche sociali pregnanti per i nostri tempi, o sottili qualità semantiche. Un buon romanzo giallo dovrebbe essere valutato, solo ed esclusivamente, per la qualità della trama criminale e per la fluidità con cui questa si fonde nella storia raccontata.

3. Se è vero che i romanzi gialli possono essere scritti da tutti, é vero pure che non tutti possono scrivere romanzi gialli. Optare per una simile scrittura, significa confessare di essere portatori sani di una perversione mentale (per guardare il bicchiere mezzo pieno, occorre dire che tale perversione si accompagna sempre con una indispensabile vena geniale) che si estrinseca con la stessa (con la scrittura per intenderci, non diventando un serial killer ricercato dall’Interpol!). Questa è una conditio sine qua non; astenersi dunque letterati desiderosi di nobilitare il genere (spinti principalmente da esigenze di portafoglio!), autori dotati pronti a mettersi alla prova, giornalisti di cronaca nera che giustificano il malfatto con l’esperienza vissuta e simili!

4. L’atmosfera è un elemento insostituibile nel romanzo giallo e si fa tuttuno con l’orizzonte d’attesa. In altre parole, il giallo, per essere tale, deve catturare il lettore fin dalle prime pagine, seducendolo e rassicurandolo sul suo essere a casa. Su questo punto dissento quindi dalle indicazioni date da Van Dine nella regola 16. A giustificazione del mio dire, cito alcune delle più grandi creazioni di genere di tutti i tempi: And then there were none, Mousetrap, The murder of Roger Ackroyd, The Murder on the Orient Express, ecc. In questi romanzi, l’atmosfera diventa elemento attivo del plot; non è un caso neppure che gli stessi siano stati scritti da Agata Christie, maestra nell’utilizzo di simili tecnicismi (perché tali diventano nell’experienced writer). Per dirla tutta, nella produzione di questa grandissima autrice inglese, la capacità di creare atmosfera si è da tempo sublimata oltre la scrittura: ad un appassionato di gialli, basta tenere un suo libro in mano per sentirsi a casa!

5. Non esiste un romanzo giallo senza una geniale trama criminale! Chiamatelo come volete, ma un giallista (non importa quanto famoso, non importa quanto venerato!) che riveli una cronica incapacità di ordire un meccanismo criminale perfetto e ad hoc, non è degno di questo nome.

6. Lettore e investigatore devono avere entrambi le stesse possibilità di risolvere l'enigma. Tutti gli indizi devono essere (chiaramente) presentati e descritti. Questa regola è molto simile alla prima regola di Van Dine. A fare la differenza è l’avverbio plainly, chiaramente appunto, che io metto tra parentesi. Ritengo, infatti, che proprio per proteggersi contro le invasioni di cui si è già detto (televisione, cinema, internet), il romanzo giallo debba potersi difendere con le sue stesse armi, nello specifico, la scrittura. La qualità scritturale nel giallo sta quindi nella sua capacità di farsi indizio (senza trasformarsi in arma ingannevole, s’intende!), dando così, al lettore attento, e solamente a questo, la possibilità di scoprire il colpevole con relativa facilità.

7. La soluzione del giallo deve essere univoca; ci DEVE essere solo e soltanto una verità sul come si sono svolti i fatti. Questa è anche condizione imprescindibile per valutare la qualità della trama.

8. La soluzione del giallo deve essere sempre a disposizione del lettore capace.

9. Il colpevole può essere uno qualunque dei personaggi, non importa il suo ruolo. Ancora, ci possono essere più colpevoli in uno stesso romanzo. Qui mi trovo di nuovo in disaccordo con le regole 10,11, 12, 17 di Van Dine. A mio avviso, le necessità della storia e della trama criminale giustificano queste indicazioni; si potrebbero portare poi molti esempi di capolavori di genere che sono diventati tali proprio in virtù dell’utilizzo di simili strategie (cito per tutti, Murder on the Orient-Express).

10. Un giallo può contemplare la presenza di più investigatori. Per esempio, questo accade quando l’inchiesta delle forze di polizia é presentata parallelamente a quella del detective dilettante. E’ consigliabile però che ci sia solo un personaggio-eroe nella cui capacità di ragionamento il lettore attento possa riporre la propria fiducia.

11. Non esiste giallo senza il suo bel cadavere! Anzi, un solo cadavere, la maggior parte delle volte, non è sufficiente!

12. Non vi è cadavere senza un delitto! O meglio, la storia raccontata DEVE contemplare almeno un morto vittima delle macchinazioni dell’antieroe.

13. Gli omicidi commessi dalle varie organizzazioni criminali non hanno dignità tra le pagine di un giallo. Peculiarità esclusiva di questo genere, che è poi anche l’elemento primo che gli conferisce una qualità affascinante, è un focalizzare sulle motivazioni istintive del crimine. Il giallo ci ricorda dunque che tutti noi siamo dei potenziali assassini! Non solo: più è insospettabile il personaggio in questione, più crescono le possibilità che il colpevole sia davvero lui (o lei)!

14. Fermo restando che il colpevole potrebbe essere un character minore (vedi regola 9), i personaggi principali dovrebbero essere presentati subito, meglio ancora dovrebbero essere elencati, con tanto di ruolo, in una pagina dedicata prima che la narrazione abbia inizio. Un lettore attento, che si appresta a leggere un giallo, dovrebbe essere visto alla stregua di uno scacchista che sta per cominciare la sua partita: necessita naturalmente di tutte le pedine, ma dopo spetterà solo e soltanto a lui fare scacco matto!

15. L’originalità è pure una condizione imprescindibile del plot criminale. Uno scrittore può utilizzare stratagemmi già noti, qualunque essi siano, ma una trama non è valida se non contiene una qualche peculiarità che distinguerà il romanzo da tutta la produzione precedente.

16. La metodologia investigativa del personaggio-eroe dovrebbe sempre essere supportata da una grande capacità di ragionamento logico e da un approccio al caso fondamentalmente empirico, ovvero basato sull’esperienza (non solo delle cose criminali, ma anche, e soprattutto, del quotidiano!).

17. L’antieroe sportivo è un’altra peculiarità del romanzo giallo. Con questo voglio dire che ad un eroe che farà di una metodologia investigativa misurabile la sua arma prima, dovrà corrispondere un antieroe capace di ordire una trama criminale dotata di una qualità scientifica. La base scientifica è data dalla riproducibilità dell’esperimento (niente trucchi trascendentali quindi!).

18. Il denouement della storia dovrebbe sempre essere ad appannaggio dell’investigatore-eroe.

19. Il denouement non può essere MAI parziale. Il lettore attento deve potere SEMPRE terminare il libro, con la minima soddisfazione di avere visto spiegata, non solo la ragione d’essere di ogni indizio rivelatosi veramente valido, ma anche quella di ogni passaggio fuorviante (Ci debbono essere! Altrimenti sarebbe troppo facile!). Insomma, tutti i nodi devono venire al pettine (mai luogo comune fu più appropriato)!

20. Un giallo è soprattutto una sfida dell’autore al lettore! Ne consegue che un lettore attento non può limitarsi ad indicare questo, o quel personaggio, come sicuro colpevole. Le possibilità che sia nel giusto sono naturalmente molto alte considerando il numero limitato di personaggi! Non vi sono dubbi invece che un segugio che si rispetti si distingue dal detective dilettante, non tanto perché è invariabilmente capace di scoprire il colpevole, quanto perché è sempre in grado di spiegare, nei dettagli, come si sono svolti i fatti. Se consideriamo che le cose possono essere andate in una ed in una sola maniera (vedi regola 7), è tutto dire!"


Mandi


Inviato: 2006/10/28 19:22
_________________
"farò una finzione,
che significherà cose grandi"
Leonardo da Vinci
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: GIALLO
Home away from home
Iscritto il:
2003/10/24 18:34
Da alla periferia di nessun centro
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 1250
Livello : 30; EXP : 70
HP : 0 / 742
MP : 416 / 35018
Offline

a proposito del punto 8


8. La soluzione del giallo deve essere sempre a disposizione del lettore capace


ricordo che in un giallo targato ellery queen (ho dimenticato il titolo ), gli autori sfidarono il lettore dicendo che egli avrebbe avuto tutti gli elementi necessari per risolvere il giallo sin da pagina 35 (o qualcosa di simile). Come dire: non vi freghiamo, niente trucchi da 4 soldi, siamo solo più abili di voi


 


Inviato: 2006/10/28 20:01
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: GIALLO
Home away from home
Iscritto il:
2004/1/13 22:33
Da Firenze
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 1790
Livello : 35; EXP : 41
HP : 0 / 860
MP : 596 / 40021
Offline
Bunk, ma tu ci sei riuscito a risolverlo entro quella pagina? Io nei gialli non ci azzecco mai

A proposito dei punti 5 e 13, che mi trovano più che d'accordo, specialmente il 13: io penso che il criminale debba avere una motivazione ben definita, concreta e "spicciola". Non ci vedo bene un fine tipo missione spirituale (saremmo su un altro livello, come nel film "Seven", che non considero un giallo ma un thriller drammatico-psicologico). E peggio ancora qualcosa del tipo "conquistare il mondo" che fa tanto Mignolo & Prof

Inviato: 2006/10/29 23:32
_________________
This gun's for hire
even if we're just dancing in the dark
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: GIALLO
Quite a regular
Iscritto il:
2006/9/20 11:46
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 197
Livello : 13; EXP : 7
HP : 0 / 301
MP : 65 / 11678
Offline
che differenza c'e' tra il giallo ed il thriller?

Inviato: 2006/10/30 8:44
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: GIALLO
Home away from home
Iscritto il:
2003/10/24 18:34
Da alla periferia di nessun centro
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 1250
Livello : 30; EXP : 70
HP : 0 / 742
MP : 416 / 35018
Offline

...chiaramente no , mate (e consolati: nemmeno io ci azzecco mai. Mal comune...)


 


Inviato: 2006/10/30 13:49
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: GIALLO
Home away from home
Iscritto il:
2006/9/17 15:54
Da Roma
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 858
Livello : 26; EXP : 24
HP : 0 / 631
MP : 286 / 24415
Offline
Citazione:

sciafab1974 ha scritto:
che differenza c'e' tra il giallo ed il thriller?


Da Wikipedia:

Sono molti gli attributi del romanzo giallo, alcune volte usati come sinonimi, altre per ulteriormente caratterizzarlo o addirittura categorizzarlo in sotto-generi. Sinonimi in altre lingue sono il kriminalroman tedesco, il thriller o la crime novel anglosassone, il noir o il polar dei francesi.

Inviato: 2006/10/30 14:13
_________________
Quando avevamo tutte le risposte ci hanno cambiato le domande
http://machevelodicoafare.spaces.live.com/
http://blog.libero.it/conunabiro/
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: GIALLO
Home away from home
Iscritto il:
2004/1/13 22:33
Da Firenze
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 1790
Livello : 35; EXP : 41
HP : 0 / 860
MP : 596 / 40021
Offline
Quindi sarebbero la stessa cosa?Mah, se lo dice Wikipedia...
Io per thriller intendo una storia dove gli elementi fondamentali sono la suspence e la paura, più che la soluzione del mistero in sé.
Una specie di intersezione tra giallo e horror.
Posso sbagliarmi.

Inviato: 2006/10/30 21:52
_________________
This gun's for hire
even if we're just dancing in the dark
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: GIALLO
Guest_
Concordo con mate:secondo me, c'è diferenza!

Comunque, dubito di poter risolvere un giallo...vorrei tanto conoscere un lettore riuscito a farlo!!!!

Inviato: 2006/11/2 11:13
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti12173660
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 51 utente(i) online (36 utente(i) in Forum)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 51

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 12
Ieri: 183
Totale: 6323
Ultimi: ValorieAlb

Utenti Online:
Ospiti : 51
Membri : 0
Totale: 51
Lista Utenti [Popup]

© 1999-2017 OZoz.it