logo
 
OzBlogOz

Link sponsorizzati

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms




Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi



« 1 2 3 (4)

Re: Ispirazione: Incontro tra pensiero e parola
Home away from home
Iscritto il:
2005/8/8 14:22
Da l'isola che c'è
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 854
Livello : 26; EXP : 19
HP : 0 / 629
MP : 284 / 25972
Offline
Sai cosa mi piace di te, Alberto, la spregiudicatezza comunque per fortuna la tua firma fa pensare che in fondo sei un gran simpaticone. ciao

Inviato: 2006/11/3 16:18
_________________
L'essenziale non è visibile agli occhi
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ispirazione: Incontro tra pensiero e parola
Quite a regular
Iscritto il:
2005/11/17 11:46
Da Bolzano
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 117
Livello : 9; EXP : 84
HP : 0 / 221
MP : 39 / 8941
Offline
Ciao ragazzi,
Ho taciuto perché ero in attesa di risposte concrete sul tema che avevo lanciato. Così come avevo tanto parlato, ho pensato bene di tacere per leggere tutte le risposte che potevano pervenire riguardo al tema che avevo proposto e devo dire di essere rimasto piacevolmente sorpreso. Sono rimasto impressionato da sciafab1974 e posso dire di condividere in pieno l’immagine della pioggia e delle gocce. Complimenti, davvero!! Condivido anche ciò che ha detto Rosalinda, ke ha colto lo spunto dell’ispirazione come fenomeno molto più generalizzato di quanto si pensi. Tutti possiamo essere ispirati e tanti di noi possono tradurre quell’ispirazione in pensieri. Il bello sta nel trovare le parole per tradurre quei pensieri in parole e quindi scrivere. Mi piace anche l’idea di Bunkr – e anche la sua amabile arroganza di scrittore che, d’altronde, è anche una mia caratteristica involontaria – che si rifà d’altronde da quella di un mostro sacro come King, di cui ho letto molto. Disciplina… Concordo. La continuità della scrittura ne facilità la familiarità e credo che migliori altresì le prestazioni. Se un’automobile potente non si utilizza per due settimane, quando si cercherà di attivarla, occorrerà perlomeno una spinta per farla partire. Se si lascia un mese, credo che l’auto diventerà assolutamente inservibile. Per la scrittura funziona allo stesso modo. Per diventare scrittori ci sono certamente delle doti naturali che emergono sin dalla tenera età, ma certamente l’esercitazione fa sì che queste doti siano usate al meglio, e la mancanza di attività fa sì che queste doti deperiscano e…. magari, vadano incontro alla distruzione. Sono d’accordo però, anche con Arzy. L’ispirazione non può essere aiutata. Perché l’ispirazione non ci appartiene… Viene dalle gocce di pioggia… Gocce… Questa è l’ispirazione. Gocce esterne. Senza l’ispirazione non esiste lo scrittore. E’ chiaro che se lo scrittore si pone in attesa di essa, esercitando instancabilmente, ma senza forzare, credo, lo scrittore si pone verso l’ispirazione come un parafulmine verso i fulmini. Ribadisco, comunque… quando mi dilungo così tanto, non lo faccio per didattismo, ma semplicemente perché scrivere mi piace, anche quando si deve fare della metascrittura. Per il resto… Io, personalmente… se sto male, non riesco a scrivere. Scrivere può durare giorni. L’ispirazione dura un momento… esattamente come i fulmini… o come un colpo di fulmine amoroso, se me la passate. Infine, a conclusione… non mi piace pensare che parlare di scrittura, ispirazione e parola sia fuori moda. Può essere fuori moda un vestito, mai la domanda… La domanda non è mai fuori moda. Fin quando esisterà la domanda, esisterà la scrittura. Quando avremo dato per scontato qualunque cosa, allora smetteremo di scrivere giacché non avremo nient’altro da aggiungere. Allora smonteremo i parafulmini, e l’ispirazione resterà inespressa… Francamente, spero quel giorno non arrivi mai… Comunque… Attendo altre idee…

Inviato: 2006/11/7 12:25
_________________
Verba volant, scripta manent
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ispirazione: Incontro tra pensiero e parola
Quite a regular
Iscritto il:
2004/7/6 13:31
Da Lady Musgrave Island
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 125
Livello : 10; EXP : 22
HP : 0 / 230
MP : 41 / 10239
Offline
Come al solito quando si parla di cose come ispirazione, originalità e simili si sa più o meno vagamente da dove si parte, come si ignora totalmente dove si va a finire! E ciò la dice lunga sull’argomento. Io sono letteralmente dilaniato dall'ispirazione, fisicamente e spiritualmente e mentalmente...notte e giorno e quando mi abbandona, poiché non è “una cosa” fornita da nessuna centrale naturale o meno e non da garanzie di continuità o successo, io mi smarrisco dentro. Io piuttosto mi chiederei "quando l'ispirazione porta a produrre qualcosa di buono?", forse quando colpisce persone dotate di talento? preparate? persone di un certo spessore culturale? L'ispirazione colpisce anche l'analfabeta? e se si con che risultati? Una serie di incomprensibili segni lasciati sulla carta?. Credo che per provare ad esercitare l’arte sia necessario essere dotati di talento ed intelligenza, l’ispirazione spinge l’essere umano a cimentarsi su se stesso e credo l’originalità sia dire, riprodurre, narrare, dipingere la propria visione delle cose, come le sentiamo e come le interpretiamo, o credete che tutti noi si veda il mondo allo stesso modo?.
Comunque viste le vostre precedenti “dotte citazioni” io spesso in certi casi ricorro alle "Lettere ad un giovane poeta" di Reiner Maria Rilke. La tenerezza severa con cui l’autore incoraggia il “giovane poeta” contiene in sé la radice stessa della scrittura: “Nessuno vi può consigliare e aiutare, nessuno. C’è una sola vita. Penetrate in voi stesso. Ricercate la ragione che vi chiama a scrivere… Questo anzitutto: domandatevi nell’ora più silenziosa della vostra notte: Devo io scrivere? Scavate dentro voi stessi per una profonda risposta. E se questa dovesse suonare consenso, se v’è concesso affrontare questa grave domanda con un forte e semplice debbo, allora edificate la vostra vita secondo questa necessità… Un’opera d’arte è buona, s’è nata da necessità”.
E lo invita, in caso di risposta positiva, ad assumersi il peso e la grandezza di tale sorte: “ché il creatore dev’essere un mondo per sé e in sé trovare tutto, e nella natura, cui s’è alleato”.
L’arte come discesa nell’abisso dell’originario e selvaggio “stato naturale”. Un processo biologico, alla cui base vi è la predisposizione all’ascolto, l’esercizio di una “passività attiva”.

Io non ho risposte e forse non ne cerco, mi sono spesso posto quella domanda e rispondo sempre allo stesso modo. Credo che i perché servano agli ipocriti, io semplicemente “debbo”…


Post-arte

Inviato: 2006/11/22 8:57
_________________
Poems! Everybody poems! The guy, believe him self is a poet...absolutly robbish...go on with your school work!

The Wall - Il professore a Pinky.
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti11073
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 49 utente(i) online (32 utente(i) in Forum)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 49

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 11
Ieri: 8
Totale: 5530
Ultimi: SadyeHarde

Utenti Online:
Ospiti : 49
Membri : 0
Totale: 49
Lista Utenti [Popup]

© 1999-2017 OZoz.it