logo
 
OzBlogOz

Link sponsorizzati

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms




Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi



« 1 2 (3) 4 »

Re: fukushima
Not too shy to talk
Iscritto il:
2011/1/24 20:14
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 79
Livello : 7; EXP : 83
HP : 0 / 170
MP : 26 / 4391
Offline
Sono d'accordo con ozoz

Sapere che Fukushima probabilmente non servirà da lezione e che continueranno col nucleare nel mondo, fa male...
Siamo già a quota 3 incidenti gravi: Three Miles Island nessuno se lo ricordava, Chernobyl era lontano, ora questo...
Cosa sarebbe successo se Tokyo fosse stata evacuata? E se fosse stata resa inabitabile per sempre?

Inviato: 2011/3/31 8:12
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: fukushima
Home away from home
Iscritto il:
2004/4/4 12:33
Da venezia
Gruppo:
Utenti Registrati
LI 2.0
Libro Bianco
Reazione a Catena
Messaggi: 3123
Livello : 43; EXP : 67
HP : 213 / 1066
MP : 1041 / 48641
Offline
Giosp, la questione non è non inquinare nemmeno un po' o rinunciare a tutto quello che inquina, altrimenti si fa molto prima a suicidarsi, ma sarebbe meglio che si suicidasse un riccone-sprecone piuttosto che un animalista convinto no? si sente spesso accusare le flatulenze delle mucche come gravissima causa di inquinamento ( come se gli uomini non scoreggiassero...! ed ecco perché è impossibile eliminare del tutto i propri effetti inquinanti nemmeno a diventare asceti ), ma questo problema si pone solamente da quanto c'è un eccesso di inquinamento e CO2, causato indovina da chi?
non ci si può aspettare che gli uomini tornino in blocco all'età della pietra ( sebbene stia leggendo un libro di fantascienza che parla proprio di questo! ) ma non è certo avere il forno a microonde a causare la felicità!
ecco perché sono favorevole all'uso di mezzi di trasporto pubblici ( a proposito, sbaglio o smetteranno di fornire i finanziamenti? lo si capisce perché trenitalia ha già rincarato.... ), se questi limitano un po' l'uso dell'automobile, così come preferisco la bici all'autobus e naturalmente i piedi a tutto il resto
fondamentalmente ritengo che un grande cambiamento passi per piccole tappe, dalla scelta del treno in un'occasione al preferire i propri piedi.
purtroppo questa scelta è limitata da alcuni fattori: la fretta, le distanze da percorrere, la carenza di mezzi di trasporto pubblici, l'idea che l'auto sia simbolo del prestigio, l'onnipresente pubblicizzazione delle automobili per farne ripartire l'industria.

sì, le notizie su Fukushima vengono date con estrema leggerezza, e la cosa fa accapponare la pelle!

senza

Inviato: 2011/3/31 11:26
_________________
tu non hai una coscienza morale
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: fukushima
Not too shy to talk
Iscritto il:
2011/1/24 20:14
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 79
Livello : 7; EXP : 83
HP : 0 / 170
MP : 26 / 4391
Offline
Le flatulenze delle mucche mi sembra davvero il male minore

Il parametro della CO2 è, a mio avviso, inutile rispetto ad altre sostanze ben più pericolose di cui governi, industrie non vogliono parlare.

E' vero che la felicità risiede in altro, almeno per me e forse per un numero sempre più grande di persone. Ciò che mi rende felice però non va nel PIL, non lo fa crescere. Mica può crescere con la gioia di leggere un libro prestato da un amico e letto alla luce del sole! No, il libro bisogna comprarlo (altrimenti non è una merce), e bisogna leggerlo magari pure in pieno giorno, ma con la luce artificiale (così sprechiamo anche un po' di elettricità).
Se non consumiamo e tanto, se non sprechiamo, allora il PIL non cresce e i governi come campano? Ecco, il succo è questo.

Le ultime da Fukushima? Fukushima sarà smantellata... Intanto la radioattività sale in mare... Moody's taglia il rating della Tepco...

A me pare che siano davvero molto ma molto lontani dal risolvere il problema di una centrale fuori controllo. E siamo quasi a un mese...
E poi trovo offensivo e ridicolo che il governo giapponese si difenda dicendo che la scelta nucleare che ha fatto era il suo contributo per diminuire il riscaldamento globale.
Magari se gli stesse più a cuore l'ambiente, eviterebbe di dare la caccia alle balene, o di far risplendere di mille luci città come Tokyo e Osaka.

Inviato: 2011/3/31 14:26
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: fukushima
Home away from home
Iscritto il:
2003/10/21 20:10
Da Veneto
Gruppo:
Utenti Registrati
LI 2.0
Libro Bianco
Reazione a Catena
Messaggi: 2896
Livello : 42; EXP : 48
HP : 0 / 1037
MP : 965 / 48663
Offline
Quello che intendo dire non è che dobbiamo tornare all'età della pietra (come ho detto non perdo tempo a trovare soluzioni, non ne vale la pena) rinunciando a tutto ciò che caratterizza il cosiddetto benessere ma inquina. La mia era una riflessione per dire che, lampadine a basso consumo energetico o no, la mole di energia che usiamo (non io come singola persona o noi come famiglia, ma noi come umanità) è davvero tanta.
Anch'io uso lampadine a risparmio energetico e quando c'è luce fuori preferisco tirare su le tapparelle e usare direttamente la luce del sole, che è anche tanto più bella.
Prendiamo ad esempio una lavatrice. Mettiamo che la usiamo a pieno carico eccetera eccetera. Ma cosa c'è dietro la lavatrice? Innanzitutto una fabbrica che produce lavatrici e che per farlo utilizza una quantità di energia non indifferente. C'è un'altra fabbrica che fa i pezzi di plastica, con dietro un'altra fabbrica che produce la plastica dal petrolio. Ci sono estrazioni di ferro e di altri metalli. C'è una fabbrica che produce il motore, con dietro tante altre fabbriche che producono i componenti del motore eccetera eccetera.
Il fatto che la mia lavatrice consumi poco è positivo ma non dimentichiamo che ha già consumato tanto in fase di gestazione.
Non voglio dire che dobbiamo tornare all'età della pietra, ma che senza dubbio la quantità di energia che globalmente, col nostro sistema, utilizziamo, è qualcosa che va ben oltre ai 75 watt in meno della lampadina a basso consumo energetico. È un sistema che mangia tanta tanta energia, e comunque, ribadisco, un sistema a cui non vogliamo nemmeno rinunciare.

Inviato: 2011/3/31 22:17
_________________
Un uomo saggio disse una volta: "Quando arrivi all'ultima pagina, chiudi il libro".
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: fukushima
Not too shy to talk
Iscritto il:
2011/1/24 20:14
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 79
Livello : 7; EXP : 83
HP : 0 / 170
MP : 26 / 4391
Offline
E' vero, Giosp. Il nostro sistema ha fame di energia... Ne sono una prova le guerre per accaparrarsi le fonti primarie, tipo il petrolio. Una su tutte l'ultima in ordine di tempo, quella in Libia.

Il prossimo futuro? Guerre per l'energia...

Inviato: 2011/4/1 10:03
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: fukushima
Home away from home
Iscritto il:
2007/3/15 9:39
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 526
Livello : 21; EXP : 14
HP : 0 / 503
MP : 175 / 18634
Offline
Sul nucleare non ho competenze (e chi ne ha?), ma qualcosa mi dice che non è una scelta opportuna, chissà cosa!? Lo pensavo già prima di Fukushima... non prima di Chernobyl perché ero ragazzino spensierato e mi divertivo davvero andando in giro in bicicletta e mandando tutto e tutti a fanculo allegramente!

E' sacrosanto quello che dice Giosp, ma non credo sia inutile fare la nostra parte nel nostro piccolo. Siamo miliardi e se ognuno di noi se ne fregasse forte del fatto che tanto le fabbriche inquinano più di me, sarebbe un disastro nel giro di pochi anni! Lo so, ci arriveremo lo stesso al disastro, ma almeno noi potremo dire di avervi contribuito meno.

Io utilizzo lampade a basso consumo, pile ricaricabili, elettrodomestici di nuova generazione (pochi, in realtà ancora campano quelli di 10 anni fa), cambio la macchina quando mi muore tra le mani e faccio la differenziata. Quest'ultima per me è un sacrificio perché sono consapevole del fatto che qui da noi non serve a niente, finisce tutto nelle discariche, me lo hanno detto i netturbini stessi, e anche in ufficio, pur essendoci i raccoglitori separati, poi mettono tutto insieme: carta, bottigliette di plastica e misto... l'ho visto con i miei occhi.
La differenziata al sud, ma non solo al sud, come per molto altro, è stata solo un'opportunità per specularci, un modo per far incassare miliardi ai mafiosi con la vendita di cassonetti e camion, e sarà altrettanto anche con i sacchetti biodegradabili, uno schifo. Dico che per me è un sacrificio anche perché non ci sono cassonetti separati vicino casa mia quindi devo raccoglierne in quantità a casa, poi caricare tutto in macchina e spostarmi.
E' un sacrificio e lo ribadisco, ma continuo a farla per i miei figli. Loro mi guardano, mi scrutano. L'estate scorsa, tra casini vari, avevo smesso perché mi ero davvero rotto e avevo preso a fare come da ragazzino (vedi sopra, ma in macchina... da noi, purtroppo, non è possibile usarla poco: grandi distanze e pochi servizi pubblici, direi nulli) al che mia figlia la grande, abbastanza contrariata, mi ha detto "papà! che butti tutto insieme?" - non sapete che vergogna mista a gioia - "no, ciccia, è che in questo periodo ci sono stati dei problemi al comune e mi hanno detto di non buttarla nei cassonetti della differenziata, ma da domani si può di nuovo!". Ecco perché la faccio, perché a qualcosa serve! Se non altro a creare coscienze ecologiche migliori delle nostre.

E nel nostro piccolo non c'è solo la differenziata o la luce a risparmio energetico: vogliamo parlare di bicchieri di plastica o lattine o pacchetti di sigarette o gomme da masticare lanciati fuori dal finestrino della macchina? di frigoriferi o lavatrici o divani o televisori lasciati in strade poco trafficate, tanto non mi vede nessuno, per non pagare lo smaltimento? di sacchetti di plastica pieni di rifiuti lasciati sulle spiagge? del telefonino di ultimissima generazione che altrimenti come navigo quando sono a tavola a mensa con i miei colleghi? mi dovrei cimentare in qualche discussione interessante!? no, meglio di no! meglio stare a testa china sul mio bell'iphone.. chissà che anche gli altri, invidiosi, non se lo comprino domani e così chattiamo anche mentre siamo seduti a tavola anziché sprecare il fiato! sì, sì! ma il tuo non ce l'ha il bluetooth!? sei out! non è dual sim? sei out! non passi continuamente da vodafone a wind a tim a tre, andata e ritorno, cosi risparmi 3 euro al mese e in più ti ricaricano altri 2 euro se ti fai chiamare? sei out! oppure vogliamo parlare dell'automobile cambiata ogni tre anni perché altrimenti diventa vecchia e poi ci devo spendere soldi... no, no! meglio spenderne molti ma molti di più per comprarne una nuova fiammante e alla moda, almeno però quando vado in giro mi guardano tutti! e poi questa inquina meno, sono bravo dunque! (cazzate! te lo fanno credere, ma non consideri che la tua "vecchia" macchina andrà a qualcun altro oppure, nella migliore delle ipotesi, andrà riciclata per farne altre e altre e altre... dov'è dunque la riduzione dell'inquinamento?) e che dire delle scarpe? ma sì! cambiamole ogni sei mesi che quelle già non si usano più! per non parlare dello spreco alimentare: quante cose compriamo tanto per farlo e che poi finiscono inevitabilmente nella spazzatura... e vabbè, tanto sono bravo, faccio la differenziata! e il televisore a tubo catodico? non hai l'ultimo volantino di euronics? sei out! quello mio ha ormai 10 anni, funziona ancora perfettamente, anche meglio di molti moderni LCD, ma non posso invitare gli amici a cena e farmi vedere ancora con questo pezzo di antiquariato! no, no! lo cambio con un ultrapiatto superfigo 3D! anche se poi dovrò cambiare anche la parete attrezzata perché quello da 55 pollici non ci entrerà sicuramente! e quello "vecchio"? lo do ai miei che il loro è ormai andato, anche se funziona ancora bene, e può andare a far compagnia a qualche materasso in via della sciara... e potrei anche non fermarmi più, ma anche questo sarebbe uno spreco inutile...

C'è molto che si può NON fare vivendo felici lo stesso... e anzi, lasciatemelo dire, anche più felici che tanto non si è mai contenti del nuovo acquisto.. c'è sempre quello dell'amico/collega/vicino che è molto più bello e moderno! C'è molto che possiamo NON fare per, non dico fermare, ma almeno rallentare un po' questo consumismo galoppante che non porterà a niente di buono! Fermiamoci qualche istante, non serve molto, per riflettere un po' su tutti i nostri piccoli gesti quotidiani, e soprattutto sulle loro conseguenze, prima di eseguirli meccanicamente come ormai ci hanno abituato a fare da bravi lobotomizzati.

Inviato: 2011/4/1 10:26
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: fukushima
Webmaster
Iscritto il:
2003/1/11 18:31
Gruppo:
webmaster
Messaggi: 3661
Livello : 46; EXP : 25
HP : 226 / 1131
MP : 1220 / 55645
Offline
Un applauso ad Alessandro (e a sua figlia che lo ha "costretto" a tornare a fare la differenziata ).
Capisco appieno la tua frustrazione. Anche qui da me c'è il forte dubbio che la differenziata finisca in discarica o nell'inceneritore. Lo capisci quando vedi che ti chiedono in alcuni punti di separare la carta dalla plastica )ma poi il camion che passa è unico), mentre in altro va messo tutto insieme. Oppure quando vedi che il camion della differenziata passa una volta alla settimana e il cassonetto si riempie. Poi passano gli spazzini e buttano nella spazzatura normale tutto ciò che la gente ha dovuto (per mancanza di spazio) lasciare fuori dal cassonetto della differenziata. Però mi dico: se non faccio la differenziata, la mia spazzatura finirà sicuramente in discarica. Almeno così una piccola speranza che venga differenziata c'è.

Capisco il discorso di Giosp sulla lavatrice, ma se io buttassi la lavatrice quando non funziona più e ne comprassi una nuova fatta con materiali riciclati, il mio impatto ambientale sarebbe molto minore e risparmierei anche energia. Stesso discorso (fatto da Alessandro) sulle macchine: perché cambiare la macchina dopo tre o quattro anni per comprarne una che consuma poco meno di quella vecchia? E che dire dell'energia utilizzata per produrla?

In realtà, chi tira le fila dell'economia ci vuole pecoroni e disinformati. L'energia che produciamo non ci basta? Apriamo nuove centrali nucleari. Poco importa che si potrebbe ottenere lo stesso risultato (se non migliore) con politiche di risparmio energetico serie. Ma, come ha sottolineato Bianchetto, il risparmio energetico non fa aumentare il PIL. Anzi, lo fa diminuire. E un paese con il PIL in calo è considerato un paese in crisi. Poco importa che quel calo del PIL faccia aumentare la felicità dei cittadini.

E' vero che il risparmio energetico dei singoli cittadini è nulla in confronto dei grandi sprechi di industrie ed enti pubblici (basti pensare alle luci accese in pieno giorno perché il sistema è andato in tilt e nessuno si spreca ad intervenire). Ma se sommassimo quel nulla, portato avanti di miliardi di persone, i risultati sarebbero enormi.

Se il nostro comune non fa la differenziata, forse dovremmo farci sentire. E se anche facesse la differenziata, la migliore forma di riciclaggio è il non utilizzo. Non farsi dare il sacchetto di plastica quando si fa la spesa è un primo passo.
Poi c'è il riutilizzo. A volte mi capita di dover buttare cose che non mi servono. Invece di metterle nel cassonetto, le lascio lì vicino: dopo un'ora non le trovo più, perché sono state prese da qualcuno a cui servivano.

Forse dovremmo tornare al baratto, per vivere meglio.

Inviato: 2011/4/1 10:48
_________________
Einodios: per viaggiare low cost!

Mondoconcorsi: corsi e concorsi di fotografia, grafica, teatro, moda e design, video, recitazione. Vieni a trovarci!
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: fukushima
Home away from home
Iscritto il:
2004/4/4 12:33
Da venezia
Gruppo:
Utenti Registrati
LI 2.0
Libro Bianco
Reazione a Catena
Messaggi: 3123
Livello : 43; EXP : 67
HP : 213 / 1066
MP : 1041 / 48641
Offline
Caspita, Alessandro, hai fatto una panoramica abbastanza agghiacciante su quello che bisogna avere per non essere out... che dire, sebbene avessi sentito nominare tutte le cose che hai detto alcune non so proprio che siano... forse sono out, forse sono una sorta di hippy, o magari sono molto più vecchia di quello che credo o forse solo abbastanza giovane da che anche i miei amici siano studenti senza lavoro e senza soldi da buttare in queste cose.

A Venezia la raccolta differenziata funziona ( poi non ho controllato di persona gli stabilimenti, ma non ho nemmeno sentito dire che è tutto finto ) e anche perfettamente visto che ti vengono a prendere i sacchetti sotto casa ( tranne sotto casa mia perché la calle è troppo stretta perché ci passi il carretto. Di contro i bidoni dell'immondizia sono davvero pochi, basti pensare che nel mio sestiere non ne ho ancora visto uno. altro che andare fino al bidone in macchina. 40 minuti a piedi col sacchetto, oppure lo metti di nascosto tra l'immondizia in attesa di raccolta della biblioteca! )

Non buttate le cose che non servono! Ci sono diverse associazioni che raccolgono le cose vecchie e probabilmente anche molte parrocchie. Inoltre per gli oggetti un po' più di valore si possono sempre dare in conto vendita ( si chiama così? ) ai negozi dell'usato. Per quanto riguarda il cibo è più difficile, so che esiste il Last minute market che raccoglie i cibi che vengono ritirati dagli scaffali nei supermercati per ridistribuirlo ai bisognosi però non ho idea se prenda dai privati. L'idea di fondo è che lo spreco di qualcuno possa essere ricchezza per tanti altri.
In ogni caso il cibo può sempre diventare concime, humus con la lombricoltura, e se non sbaglio esiste un secchio apposta che trasforma i residui organici e se lo si usa si può avere anche una riduzione sulla bolletta della spazzatura.

senza

Inviato: 2011/4/1 16:55
_________________
tu non hai una coscienza morale
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: fukushima
Not too shy to talk
Iscritto il:
2011/1/24 20:14
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 79
Livello : 7; EXP : 83
HP : 0 / 170
MP : 26 / 4391
Offline
I nostri figli ci giudicano e ci giudicheranno quando riceveranno l'eredità che gli abbiamo lasciato...
E' bello quello che scritto Alessandro sul suo rapporto con sua figlia, mia ha intenerito

Le ultime da Fukushima:

La Tepco ha reso noto di aver individuato la perdita al reattore n.2 della centrale dalla quale c'è la fuoriuscita di acqua radioattiva che si riversa poi in mare.

E poi una nuova scossa di magnitudo 5...

Inviato: 2011/4/2 8:49
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: fukushima
Not too shy to talk
Iscritto il:
2011/1/24 20:14
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 79
Livello : 7; EXP : 83
HP : 0 / 170
MP : 26 / 4391
Offline
Il baratto è un'idea che mi piace, ozoz!
Ci sono alcuni negozi a Milano che fanno scambiare capi di abbigliamento alle persone, si potrebbe fare così quasi per ogni cosa.
Lo farei coi libri, anche se già farseli prestare è una buona idea

Inviato: 2011/4/3 10:46
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti014162
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 51 utente(i) online (33 utente(i) in Forum)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 51

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 0
Ieri: 14
Totale: 5789
Ultimi: Eugenio00I

Utenti Online:
Ospiti : 51
Membri : 0
Totale: 51
Lista Utenti [Popup]

© 1999-2017 OZoz.it