logo
 
OzBlogOz

Link sponsorizzati

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms




Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi



(1) 2 »

frequentare Ozoz e pubblicare
Home away from home
Iscritto il:
2004/11/2 15:44
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 503
Livello : 20; EXP : 71
HP : 0 / 492
MP : 167 / 21736
Offline
Noi cani abbiamo molti informatori, cani come noi, che con la scusa di pisciolare negli angoli girano di qui e di là e tendono le orecchie.
Dai miei Fratelli Cani ho dunque saputo che un certo numero tra i frequentatori di Ozoz è giunto alla pubblicazione gratuita, e altri potrebbero addirittura sfiorare il gran colpo. Dunque... chiarezza!
Prima di tutto è essenziale che costoro (cioè i fortunati ozoziani che ce l'hanno fatta) trasmettano agli altri tutte le notizie utili: quante copie "vendute", come si sono trovati, quali sono stale le richieste dell'editore, quali i risvolti, le ricadute, le successive facilitazioni a pubblicare ancora e con editori più importanti... ecc. ecc.
Secondo me bisogna sfatare il mito della pubblicazione e, nello stesso tempo, chiarire bene che cosa vuol dire. C'è gente che si vende le mutande (pardon! ) per farsi pubblicare un libro e poi... con le sue 300 copie accende un rogo dove si immola. Immolarsi sul rogo è infatti l'unico modo per avere pubblico.
E allora? Ogni informazione è vitale.
Per esempio: Forever ha pubblicato un libro di racconti sul mare... A chi lo venderà il suo editore?
Attenzione: non dico che il libro di Forever non sia bellissimo, dico solo che se un editore prende 3 primi premi ex-equo e li pubblica tutti e tre senza contributo, le cose sono due: o vuole fallire subito, oppure non è vero che si fa fatica a vendere. E se così fosse...
E' chiaro cosa intendo?
Allora cerchiamo di capire: da un lato ci sono quelli che chiedono 5000 euro per la pubblicazione, dall'altro quelli che pubblicano tre, diconsi tre, libri sul mare di autori sconosciuti in un solo colpo.
Ecco, io come cane sono abituato a capire: su un albero si può far pipì, sulla gamba di un uomo no.
Mi piacerebbe capire, con altrettanta chiarezza, come interpretate voi, popolo di Ozoz, questi due estremi.
Ribadisco: NON sto mettendo in dubbio la qualità del lavoro di FOREVER che senz'altro avrà meritato la pubblicazione gratuita e i diritti d'autore... sto invece cercando di capire se c'è richiesta di manoscritti o no.
Prima di suicidarmi di nuovo per l'invidia, aspetto le vostre risposte.

Inviato: 2005/5/10 10:34
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: frequentare Ozoz e pubblicare
La principessa dei Saiyan
Iscritto il:
2003/11/2 22:05
Da Prateria australiana
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 3529
Livello : 45; EXP : 65
HP : 223 / 1116
MP : 1176 / 52490
Offline
(Premetto che questo discorso non è riferito a nessuno di questo forum! e a proposito complimenti per la pubblicazione a Forever)

Penso che tutto dipenda dall'esperienza dell'editore. C'è anche chi pubblica libri orribili perchè non se ne intende (parlo delle case editrici piccolissime in cui magari l'editore è un commercialista e non capisce molto di scrittura). Una persona che conosco ha lavorato per qualche tempo in una piccola casa editrice dove, in una collana, hanno infilato della roba illeggibile perché gli dispiaceva dire di no all'autore.

Quindi un editore che pubblica in blocco degli sconosciuti vincitori in fondo non è neppure tanto avventato, in proporzione!


Inviato: 2005/5/10 11:47
_________________
"And in the end the love you take is equal to the love you make."

The Beatles
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: frequentare Ozoz e pubblicare
Sostenitore di OZoz
Iscritto il:
2004/7/24 20:04
Da Roma
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 1979
Livello : 36; EXP : 82
HP : 0 / 895
MP : 659 / 40212
Offline
Citazione:

NON sto mettendo in dubbio la qualità del lavoro di FOREVER che senz'altro avrà meritato la pubblicazione gratuita e i diritti d'autore... sto invece cercando di capire se c'è richiesta di manoscritti o no.
Prima di suicidarmi di nuovo per l'invidia, aspetto le vostre risposte.


Non so giudicare la qualità del mio lavoro perché sarei terribilmente parziale quindi soprassiedo al primo quesito.
Quanto alla richiesta di manoscritti mi pare che anche su ozoz spesso intervengono le case editrici che chiedono espressamente un genere letterario in visione, non ultima la Aliberti. Questo significa che un certo appetito c'è, mi pare un segnale positivo.
Perché invidia? Aspetta almeno i dati relativi alle vendite

Inviato: 2005/5/10 12:01
_________________
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: frequentare Ozoz e pubblicare
Just popping in
Iscritto il:
2005/5/9 21:21
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 3
Livello : 1; EXP : 10
HP : 0 / 2
MP : 1 / 115
Offline
Il caso in questione è quello della casa editrice Ennepilibri di Imperia. Essa dispone di una distribuzione buona, ma non di certo capillare in ambito nazionale. Fai conto che Ennepilibri, alla Fiera del Libro, era presente con uno stand multimarca, assieme ad altri editori come De Ferrari e I Fiori di Campo, tanto per parlar chiaro.
E' probabile che Ennepilibri voglia investire non poco sui nuovi autori, cercando di aprire su mercati diversi (da qui la presentazione dei libri a Roma).
Parliamoci chiaro, il mercato dell'editoria ligure è quantomai stagnante, perchè c'è chi pubblica in prevalenza saggistica commissionata, derivante da progetti comunitari o finanziamenti pubblici regionali e/o comunali, o addirittura di Fondazioni Bancarie, c'è chi aveva iniziato proponendo libri interessanti di saggistica e narrativa, ed ora sta ricorrendo sempre di più alle opere "patrocinate", e c'è chi sta proponendo libri commissionati, ma dà molto spazio alle opere prime, ed anche ai prodotti di giallistica e noir.
Il resto, ahimè, sembra essere calma piatta.
Ennepilibri vuole dare, ed è evidente, una scossa, e provare a investire su prodotti diversi. Ma bisogna vedere come risponde il mercato, e in che modo.

Inviato: 2005/5/10 12:11
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: frequentare Ozoz e pubblicare
Home away from home
Iscritto il:
2004/11/2 15:44
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 503
Livello : 20; EXP : 71
HP : 0 / 492
MP : 167 / 21736
Offline
Che ci sia fame di nuovo sono d'accordo. Ma questa fame ce l'hanno gli editori medio-grossi.
Mi stupisce che piccoli editori come Ennepilibri facciano operazioni del genere: tre libri sono tre libri! E tutti tre in un colpo! Sapete cosa vuol dire "tre libri in un colpo"?
Mah! Più campo e meno capisco.
In ogni caso... prosit !

Inviato: 2005/5/10 12:12
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


X Imbratta
Sostenitore di OZoz
Iscritto il:
2004/7/24 20:04
Da Roma
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 1979
Livello : 36; EXP : 82
HP : 0 / 895
MP : 659 / 40212
Offline
Non conosco i retroscena di queste operazioni commerciali, però dubito che ci sia una tiratura di rilievo nè tantomeno una distribuzione capillare. Insomma bisogna pure accontentarsi. Probabilmente certi premi letterari sono visti più come un incoraggiamento verso certi autori sconosciuti, che come un vero trampolino di lancio. Un'iniziativa senza troppe pretese, una sorta di prima pietra per edificare un tempio (?), una cascina (?) un pollaio (?)

Inviato: 2005/5/10 12:20
_________________
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: X Imbratta
Sostenitore di OZoz
Iscritto il:
2004/4/4 14:33
Da Alcadia
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 2416
Livello : 39; EXP : 72
HP : 0 / 968
MP : 805 / 44327
Offline
continuo a essere perplesso e ad esprimere la mia perplessità
sul fatto di sondare
estenuantemente
i mercati editoriali.

un lavoro che non è il nostro, almeno non ancora
(palesato come il desiderio che sia tale).

possibile che si debba
necessaria
mente
cercare di capire gli editori
o soltanto carpire le giuste mosse
le tanto agognate giuste mosse
per farsi pubblicare?

possibile che non serva votare ogni neurone a cercare
a farsi domande sull'uomo o il non uomo
a vedere che il non senso
toglie la terra sotto i piedi
per elaborare un pensiero originale
che incontri una lettura
viva?
interrogarci condividere la riflessione su
a che punto siamo.
con la letteratura, con l'arte.
nel nostro dire.
al lettore. non all'editore.

io a stento sorreggo l'architettura di quel che voglio raccontare.
per potermi impegnare a capire dove va il mercato.
e poi..bah..la finisco qui va

ohi nessuna polemica.
e non credo di essere andato off topic.
per quel poco di tempo che ho
cerco di dire la mia sull'editoria anche io.
e la mia è questa.

ognuno deve fare il proprio lavoro.

e credo che arturo bandini
sia una minaccia dietro l'angolo
per chiunque abbia la penna in mano
cercando nel portafoglio la carta su
cui scrivere
o
inutilmente
negli occhi di un'affittacamere
la gloria di un
testo bidimensionalmente inchiostrato
in/finiti
numeri.

buon tempo

A.

Inviato: 2005/5/10 12:34
_________________
"Io mi batto solo per quello in cui credo.."
Il mio romanzo: http://www.wolfsrain.it/wolfsrain/marta.pdf
Il mio blog: http://albardellosport.blogspot.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: X Imbratta
Sostenitore di OZoz
Iscritto il:
2003/12/10 12:54
Da Piacenza
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 1917
Livello : 36; EXP : 37
HP : 0 / 884
MP : 639 / 41314
Offline
mi riallaccio a sol

ma è poi così importante pubblicare?

no, importante è scrivere, esprimere attraverso il nero su bianco, raccontare, dire

ma se nessuno ti legge, se nessuno ti ascolta?

beh, allora in effeti pubblicare ha un suo significato

per evitare che lo scrivere sia un puro esercizio ginnico dei polpastrelli che sbattono sulla tastiera

saper cosa dire, saperlo dire, dirlo

raggiunto quel livello, pubblicare diventa uno scherzo o quasi

certo, per raggiungere quel livello ci vuole un grande impegno

bisogna scrivere, bisogna vivere, bisogna leggere, ci vuole esercizio, studio, confronto

e a quel punto il problema non è la ricerca dell'editore, è la ricerca dell'idea e, in secundis, della sua forma

meditiamo gente, meditiam


Inviato: 2005/5/11 0:09
_________________
.. Occhi di gatto oltre il finestrino nascosti nell'ombra d'ammaliante cappuccio, Locomotore 740.278 quel treno ha più luci del paese di Pinocchio, suona e incanta la musica di un organino ..(Conte Arzov Von Claudiovic) http://arzaniclaudio.splinder.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: X Imbratta
Sostenitore di OZoz
Iscritto il:
2004/7/7 10:44
Da Bergamo
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 374
Livello : 18; EXP : 3
HP : 0 / 425
MP : 124 / 19177
Offline
Arzy ha scritto:
"certo, per raggiungere quel livello ci vuole un grande impegno

bisogna scrivere, bisogna vivere, bisogna leggere, ci vuole esercizio, studio, confronto"

Sottoscrivo a piene mani e a piena tastiera: per il confronto, credo che Ozoz sia nato proprio ad hoc!

Inviato: 2005/5/11 7:02
_________________
Non ho scelto la ragazza più bella, nemmeno quella più sexy o intelligente.
Ho scelto la ragazza che rideva più delle altre.
Che rideva con me.
E me la sono sposata.

E.Z.
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: X Imbratta
Home away from home
Iscritto il:
2004/11/2 15:44
Gruppo:
Utenti Registrati
Messaggi: 503
Livello : 20; EXP : 71
HP : 0 / 492
MP : 167 / 21736
Offline
Eh sì, ho passato la vita sui testi zen e su quelli delle diverse tradizioni, e ancora ce la passo.
E ho pure capito che il meccanismo economico, anche se a qualcuno pare perverso, lo è ben di più di quello che può sembrare. In più, è stata accesa una pseudo coscienza di immagini che, con la televisione, viene nutrita e l'uomo sta diventando un "immaginatore passivo", mentre il lettore era un "immaginatore attivo". E chi conosce anche un poco di "magia dell'immagine"...
Ma non fatemi dire queste cose su internet! Conoscete la massima? "Chi sa non parla, chi parla non sa".
Dunque questi cenni li metto per tranquillizzare Sol e Arzy che sono perfettamente cosciente che ci sono cose ben più importanti della pubblicazione. Ma il nemico si batte se si scopre la sua strategia. E il successo di un Faletti ha spinto i produttori di materia per "immagini attive" a produrne di forti e forse pericolose per menti deboli.
Insomma, a me piace pensare e capire.
Poi in fondo della pubblicazione mi interessa un po' perché conosco qualcuno che ha deciso di affrontare l'impervia via di fare l'editore proprio per contrastare certe tendenze...
Sol, stai tranquillo: ho perfettamente la sensazione che siamo sulla tolda del Titanic che sta affondando e nessuno se ne accorge. Ma mi ricordo anche il detto biblico "Per dieci giusti salverei la città". E allora... discutiamo pure di pubblicazioni!
In fondo questo non è un pulpito, ma un forum di appassionati di scrittura!

Inviato: 2005/5/11 7:08
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti754470
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 51 utente(i) online (26 utente(i) in Forum)

Iscritti: 1
Utenti anonimi: 50

Randolph11, Altro...

Membri Membri:
Oggi: 75
Ieri: 79
Totale: 6183
Ultimi: Randolph11

Utenti Online:
Ospiti : 50
Membri : 1
Totale: 51
Lista Utenti [Popup]

© 1999-2017 OZoz.it