logo
 
OzBlogOz

Link sponsorizzati

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



   Tutti i post (lamù)


(1) 2 3 4 ... 107 »


Re: Terremoto in Abruzzo
Home away from home
Iscritto il:
2003/10/27 20:58
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 1409
Livello : 32; EXP : 22
HP : 0 / 780
MP : 469 / 23929
Offline
Ritorno anch'io dopo un bel po' di assenza da ozoz, perché da quando c'è stato il terremoto avevo in testa l'immagine di Smoje con le orecchie verdi e sotto la città di provenienza e come gli altri, ero preoccupata.
Perdere qualcuno è devastante, non ci sono cose da dire. Posso solo immaginare come sia non avere più la propria casa, e se chi ha perso tutto è una persona anziana davvero mi si gela il sangue.
Vorrei che questa volta non si allentasse l'attenzione, che la gestione della ricostruzione venisse seguita e tutta l'Italia venisse informata passo per passo delle decisioni e delle azioni, non abbiamo bisogno di storie drammatiche, quelle le possiamo ovviamente immaginare, ma io ho bisogno di sapere quando verrà ricostruita ogni singola casa, sapere quanti giorni le persone dovranno restare senza un posto che possano ricominciare a chiamare casa e tenere il conto, avere la possibilità di dire che è stato fatto un lavoro onesto a cui è stata data tutta l'importanza che merita. Perché di certo i movimenti delle placche non possiamo controllarli e non si può che accettarlo, ma è inconcepibile che non si possa controllare il lavoro della classe dirigente o dei costruttori e nel passato di certo non è stato fatto, altrimenti certe case sarebbero ancora in piedi. Questa non deve essere una forza più grande di noi.

Un abbraccio a Smoje e a LucaCp.

Lamù

Inviato: 2009/4/14 12:04
_________________
"...una scelta che contrastava la natura, una scelta dello spirito. Improvvisamente è diventata una cosa voluta. (...)Prendo il cappello, me lo metterò sempre, ormai posseggo un cappello che, da solo, mi trasforma tutta, non lo abbandono più.
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: racconti onirici!
Home away from home
Iscritto il:
2003/10/27 20:58
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 1409
Livello : 32; EXP : 22
HP : 0 / 780
MP : 469 / 23929
Offline
Psiconauta sono perfettamente d'accordo con te. Vegetariana da quasi vent'anni, lo sono diventata proprio nell'età dello sviluppo (che fortunatamente è stata anche l'età di sviluppo della ragione), sana e più alta di tutta la famiglia del mio ragazzo, proprio questa estate a casa loro mi sono sentita dare della "testolina" per questa mia scelta, e nello stesso periodo dalla incoerente d una ragazza al mare che faceva un discorso tipo quello di Laura perchè bevevo un cuba libre fatto con la coca cola nota multinazionale di merda. Proprio tu che sei vegetariana...

Io non lo faccio per la salute, nè lo faccio per combattere i mali del mondo. Lo faccio perchè non voglio che si uccida un animale per nutrirmi. Lo trovo crudele e inutile perchè posso mangiare altro. Punto. Poi sì riconosco che la coca cola è una multinazionale di merda, che ci sono miliardi di cose da boicottare, che il petrolio fa schifo e tante cose che a volte riesco a limitare, a volte no.
Solo che se io mi bevo una coca cola tutta la mia persona diventa incoerente, perchè sei vegetariana.

Questo discorso mi è stato fatto anche quando dopo qualche anno non ce l'ho più fatta a essere vegana. Ho ripreso a mangiare i derivati, secondo delle mie regole che sono solo mie. E sentendomi io in colpa se al ristorante ordino un dolce e so che quel latte e quelle uova vengono da un lager. Io ragiono, per me, come dice lo psiconauta non ci sono solo due vlori, c'è tutta una sfumatura in mezzo.

E sento che nel futuro si preparerà un grave problema per la mia salute mentale. I figli. Io ho già deciso che di mio carne e pesce non glieli darò, non impedirò loro di mangiarne dai nonni o dagli amici o se il padre gli compra un panino al prosciutto. Ma in quanto miei figli e affidati a me per essere educati, non tollererò che gli si dica mangia la ciccia bella, ingannandoli su quello che è come è stato fatto con me. Gli spiegherò che quello che mangiano è un animale morto, ucciso solo per essere mangiato, che la maggiorparte della gente li mangia, mentre altri, come me, no. E che si può benissimo vivere e stare in salute senza mangiarli.
Chissà perchè sento già bussare i servizi sociali alla porta.

Inviato: 2008/9/7 12:49
_________________
"...una scelta che contrastava la natura, una scelta dello spirito. Improvvisamente è diventata una cosa voluta. (...)Prendo il cappello, me lo metterò sempre, ormai posseggo un cappello che, da solo, mi trasforma tutta, non lo abbandono più.
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Sondaggio: Napoli è o paese e monnezza?
Home away from home
Iscritto il:
2003/10/27 20:58
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 1409
Livello : 32; EXP : 22
HP : 0 / 780
MP : 469 / 23929
Offline
Qualche tempo fa leggevo dell'incidenza dei tumori in queste zone con il "problema" rifiuti. E siccome sono convinta che la camorra possa fare i suoi traffici solo se aiutata da governanti corrotti, questo significa che il governo ha praticamente ucciso diversi suoi abitanti.

Poi in questi giorni ho sentito delle opinioni davvero agghiaccianti e razziste da quasi chiunque e senso di superiorità delle altre regioni. Io vivo in Piemonte e sono piemontese, qua non ci sarà la spazzatura per strada ma c'è altrettanta merda e diossina. Vicino a dove abitano i miei (zona dove ogni due o tre anni c'è un'alluvione) ci sono stoccati rifiuti nucleari, lì da anni.

Inviato: 2008/1/11 21:26
_________________
"...una scelta che contrastava la natura, una scelta dello spirito. Improvvisamente è diventata una cosa voluta. (...)Prendo il cappello, me lo metterò sempre, ormai posseggo un cappello che, da solo, mi trasforma tutta, non lo abbandono più.
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Maledetti animali feroci....
Home away from home
Iscritto il:
2003/10/27 20:58
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 1409
Livello : 32; EXP : 22
HP : 0 / 780
MP : 469 / 23929
Offline
Infatti anche queste situazioni sono scandalose. Chi lo nega? Solo che per me anche le situazioni in cui gli animali vengono trattati barbaramente non sono accettabili. E non mi sembra tanto strano.

Inviato: 2008/1/11 17:17
_________________
"...una scelta che contrastava la natura, una scelta dello spirito. Improvvisamente è diventata una cosa voluta. (...)Prendo il cappello, me lo metterò sempre, ormai posseggo un cappello che, da solo, mi trasforma tutta, non lo abbandono più.
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: ...mi chiedevo...
Home away from home
Iscritto il:
2003/10/27 20:58
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 1409
Livello : 32; EXP : 22
HP : 0 / 780
MP : 469 / 23929
Offline
Penso che lo facessero per essere sicuri di accalappiarsi quei clienti, se hai prenotato in un negozio eviti di comprarlo all'autogrill o mentre fai la spesa da un'altra parte.
Io ne ho presa una copia da mediaworld mentre dovevo comprare una ciabatta erano al 30% di sconto. Ed ero felice felice.

Inviato: 2008/1/10 23:04
_________________
"...una scelta che contrastava la natura, una scelta dello spirito. Improvvisamente è diventata una cosa voluta. (...)Prendo il cappello, me lo metterò sempre, ormai posseggo un cappello che, da solo, mi trasforma tutta, non lo abbandono più.
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: un prezioso regalo
Home away from home
Iscritto il:
2003/10/27 20:58
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 1409
Livello : 32; EXP : 22
HP : 0 / 780
MP : 469 / 23929
Offline
Tra noi la voce non
conduce e arriva, come
phon dentro l'acqua,
ma si ferma come
d'interruttore,
acceso o spento
a casaccio. Noi due
siamo un paese
sotto embargo,
che vive di parentesi e
silenzi, di blackout,
sì che quando la luce poi
ritorna, noi ci si è già
dimenticati cosa dire.

Elisa Biagini

Inviato: 2008/1/10 22:46
_________________
"...una scelta che contrastava la natura, una scelta dello spirito. Improvvisamente è diventata una cosa voluta. (...)Prendo il cappello, me lo metterò sempre, ormai posseggo un cappello che, da solo, mi trasforma tutta, non lo abbandono più.
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Maledetti animali feroci....
Home away from home
Iscritto il:
2003/10/27 20:58
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 1409
Livello : 32; EXP : 22
HP : 0 / 780
MP : 469 / 23929
Offline
Purtroppo avere una sensibilità diversa che non mette al centro dell'universo l'uomo significa essere considerati matti o cattivi o grassi occidentali annoiati. Anche per me una vita è una vita sia quella di un essere umano che di un animale. In genere non mi pongo il problema di cosa è più importante fra istruire un bambino o salvare un animale perchè in fin dei conti mi sembra un po' ragionare sul chi butteresti da una torre o vuoi più bene a mamma o papà.

Io mi considero animalista e non penso che la mia scelta condanni bambini africani a vite di ignoranza e miseria. Anzi spesso le scelte di un animalista, ad esempio nei prodotti che acquista, sono più oculate e prevedono un giudizio dell'azienda produttrice che non si limita solo al rispetto verso gli animali o la natura ma anche alla sua eticità. Non a caso i negozi dove si trovano alimenti vegani sono pieni di prodotti equo solidali. Quindi l'immagine dell'animalista che salverebbe la lontra albina di Aramengo ma è impermeabile di fronte al pianto di fame di bambini rachitici mi sembra tirata fuori giusto per ridicolizzare la sensibilità di chi rispetta la vita di qualsiasi essere vivente, compresi gli animali.

Anni fa (quando potevo permettermi spese extra vivendo con i miei) sostenevo un bambino a distanza nel Ghana ed ero socia di lav e wwf. Ora purtroppo non posso, se non una volta ogni tanto.
Ma la cosa che mi fa incazzare è un discorso riferito all'Italia, non alle situazioni estreme di paesi poverissimi.
E' scandaloso che in Italia ci siano canili dove 50 cani vivono nello stesso recinto con ferite infette, zecche, rogna e tutto il resto. E' scandaloso che ci sia un leone in gabbia di fronte a un ristorante. E non c'entra nulla con la situazione di paesi più poveri. Perchè un po' di rete per dividere un recinto in box separati o denunciare lo stronzo che si tiene un leone nel giardino non toglie niente a nessuno.

Inviato: 2008/1/10 22:32
_________________
"...una scelta che contrastava la natura, una scelta dello spirito. Improvvisamente è diventata una cosa voluta. (...)Prendo il cappello, me lo metterò sempre, ormai posseggo un cappello che, da solo, mi trasforma tutta, non lo abbandono più.
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Maledetti animali feroci....
Home away from home
Iscritto il:
2003/10/27 20:58
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 1409
Livello : 32; EXP : 22
HP : 0 / 780
MP : 469 / 23929
Offline
(Scusate cancello l'intervento)

Inviato: 2008/1/6 14:12
_________________
"...una scelta che contrastava la natura, una scelta dello spirito. Improvvisamente è diventata una cosa voluta. (...)Prendo il cappello, me lo metterò sempre, ormai posseggo un cappello che, da solo, mi trasforma tutta, non lo abbandono più.
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: ...mi chiedevo...
Home away from home
Iscritto il:
2003/10/27 20:58
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 1409
Livello : 32; EXP : 22
HP : 0 / 780
MP : 469 / 23929
Offline
Sul perché i libri italiani non siano facilmente esportabili posso solo azzardare ipotesi, ma scrivo solo, anche se vado fuori tema rispetto alla domanda iniziale, per difendere questa saga. Inteso come libro per ragazzini è decisamente superiore alla media, ad esempio ho letto il primo della saga di Elisabetta Gnone (la creatrice delle winx) e forse può piacere alle bambine, ma per una persona adulta la storia non ha alcuno spessore. Harry Potter, invece, pur essendo una lettura leggera è appassionante.
Non lo trovo poi una scopiazzatura di Tolkien, non più di quanto Tolkien allora avrebbe scopiazzato le leggende e le saghe antiche. Entrambi hanno reinventato storie arcinote riadattandole ai loro tempi. Tolkien sicuramente in un registro più alto, la Rowling in uno più popolare, ma non privo di qualità. Certo la pubblicità e la fortuna hanno giocato a suo favore, ma mantenere un pubblico così ampio per ben sette libri significa che le sue opere non vengono acquistate solo per curiosità ma per il sano piacere di perdersi in una storia ben raccontata. Perché il pregio principale che hanno questi libri è il potere di catapultarti in quel mondo che mantiene i classici elementi fiabeschi ma li rende vivi.
Fine dell'elogio.

Inviato: 2008/1/4 23:59
_________________
"...una scelta che contrastava la natura, una scelta dello spirito. Improvvisamente è diventata una cosa voluta. (...)Prendo il cappello, me lo metterò sempre, ormai posseggo un cappello che, da solo, mi trasforma tutta, non lo abbandono più.
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Eagle se ne andrá per sempre
Home away from home
Iscritto il:
2003/10/27 20:58
Gruppo:
Utenti Registrati
Libro Bianco
Messaggi: 1409
Livello : 32; EXP : 22
HP : 0 / 780
MP : 469 / 23929
Offline
"Dico che se qualcuno mi aiutasse, se si mettesse in testa davvero che é giunto il momento di fare qualcosa non a parole, non aiuterebbe solo a me, ma si spalancherebbe nuove e migliori prospettive di vita anche per se stesso."

Ma questo non penso accadrà. E qui sta il mio giudizio di utopico a quello che vuoi fare. Quindi perchè non provi a ridimensionare la tua volontà e a cercare di vivere meglio?
Ti danno fastidio i parenti che ti stanno intorno. C'è una sola soluzione, avere i mezzi per potersene andare lontano da loro, non aver bisogno economicamente di loro e non sentirli neanche più.

Eagle, non è che ogni rivoluzione è un'utopia ma una rivoluzione che cambi davvero il sistema non nasce così. E sinceramente vedo anche terribilmente utopico che una rivoluzione possa davvero cambiare le sorti del'umanità, che ci sia un modo per avere una vera ugualianza, un mondo perfetto, perchè l'uomo non è perfetto. Ci sarà sempre chi avrà di più e chi di meno e chi niente. La maggiorparte degli uomini è egoista, se ora sono le banche ad arricchirsi con il lavoro della gente, con una nuova moneta ci saranno nuove persone che si arriocchiranno. In più siamo troppi al mondo.

Inviato: 2007/12/11 14:59
_________________
"...una scelta che contrastava la natura, una scelta dello spirito. Improvvisamente è diventata una cosa voluta. (...)Prendo il cappello, me lo metterò sempre, ormai posseggo un cappello che, da solo, mi trasforma tutta, non lo abbandono più.
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci



 Inizio
(1) 2 3 4 ... 107 »




Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
News011
Iscritti1214136
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 31 utente(i) online (19 utente(i) in Forum)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 31

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 12
Ieri: 20
Totale: 5155
Ultimi: KSNM

Utenti Online:
Ospiti : 31
Membri : 0
Totale: 31
Lista Utenti [Popup]

© 1999-2013 OZoz.it - P.I. 02878050737