logo
 
OzBlogOz

Link sponsorizzati

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



   Tutti i post (She-OZoz)


(1) 2 3 4 ... 111 »


Buona fine e buon inizio!
Daniela
Iscritto il:
2003/1/11 18:31
Gruppo:
webmaster
Messaggi: 2650
Livello : 41; EXP : 11
HP : 200 / 1002
MP : 883 / 34515
Offline
L'augurio che vogliamo fare a tutti gli Ozoziani vecchi e nuovi è che l'anno che sta per cominciare sia davvero nuovo. Che possa portare un vento nuovo capace di spazzare via tutto il vecchio che nella cultura, nel pensiero e nel modo di fare italiano non ha prodotto che scempi.
Che possa esserci crescita senza sprechi, un po' di saggezza e onestà nel quotidiano. Cose vere, sostanziali e giuste. Meno parole e più fatti.
Auguri per qualcosa di veramente nuovo.


Buona fine e buon inizio

Inviato: 2011/12/31 22:08
_________________
Ognun vede quel che tu pari, pochi sentono quel che tu sei. Niccolò Machiavelli
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Nonna, ti spiego la crisi economica (P.B.) - 3
Daniela
Iscritto il:
2003/1/11 18:31
Gruppo:
webmaster
Messaggi: 2650
Livello : 41; EXP : 11
HP : 200 / 1002
MP : 883 / 34515
Offline
Vedo che parlate degli articoli di Paolo Barnard... interessante

Magari vi farà piacere sapere che Barnard era ospite ieri nella puntata di Matrix. Ha fatto fuoco e fiamme, puntata davvero diversa, insolita, molto interessante. Se riuscite a pescarla in rete, guardatela. Poi fatemi sapere.

@Senza La moneta è come una merce, se c'è troppa offerta rispetto alla domanda, il suo prezzo scende. C'è troppa moneta e poche merci, tutti comprano troppo, le merci scarseggiano, i prezzi di conseguenza aumentano: ecco l'inflazione.

Inviato: 2011/11/16 10:32
_________________
Ognun vede quel che tu pari, pochi sentono quel che tu sei. Niccolò Machiavelli
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Le sementi dell'Apocalisse
Daniela
Iscritto il:
2003/1/11 18:31
Gruppo:
webmaster
Messaggi: 2650
Livello : 41; EXP : 11
HP : 200 / 1002
MP : 883 / 34515
Offline
Sul biologico aggiungo solo che si riconosce dal sapore: la frutta, per esempio, è molto ma molto più buona. Una mela organica è profumata, gustosa a volte persino orgasmica e non scherzo

Tornando all'articolo... in nome della scienza si sono fatte e si fanno cose impensabili. E il mercato libero ed efficiente ci sta portando sull'orlo del baratro.
Penso solo alle schifezze che mi hanno inoculato coi vaccini, quando ero piccola. Così come a tutti i bambini di ieri e di oggi.
Strano che ancora non siano nati uomini e donne mutanti. O forse sì, e non lo sappiamo...

Inviato: 2011/10/8 11:56
_________________
Ognun vede quel che tu pari, pochi sentono quel che tu sei. Niccolò Machiavelli
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Il testamento di Steve Jobs
Daniela
Iscritto il:
2003/1/11 18:31
Gruppo:
webmaster
Messaggi: 2650
Livello : 41; EXP : 11
HP : 200 / 1002
MP : 883 / 34515
Offline
Steve Jobs se n'è andato. E molti si sono scapicollati a rendergli omaggio. Noi no, perché, pur riconoscendone la genialità (molte delle sue creazioni sono davvero notevoli), ci è sembrato un po' ipocrita farlo.
E' stato un imprenditore di grande successo, un “venditore americano” e si sa, gli americani hanno un debole per i venditori. Sono un mito per loro. Forse questa è una differenza culturale non da poco, una distanza che non ci permette di fare di Steve Jobs il nostro personale mito. E' entrato nella storia, questo sì, non so se nella leggenda. Vedremo.
Credo però che valga la pena leggere il discorso che fece a Stanford nel 2005. Da ogni cosa si può imparare. E anche se forse un po' retorico, ci sono spunti molto interessanti.
Il testo è inglese, se avrete pazienza lo tradurrò con calma, magari un pezzo alla volta. Se volete aiutarmi, siete i benvenuti Altrimenti pazienza, tanto c'è Google Translate, no?

"I am honored to be with you today at your commencement from one of the finest universities in the world. I never graduated from college. Truth be told, this is the closest I've ever gotten to a college graduation. Today I want to tell you three stories from my life. That's it. No big deal. Just three stories.
The first story is about connecting the dots.
I dropped out of Reed College after the first 6 months, but then stayed around as a drop-in for another 18 months or so before I really quit. So why did I drop out?
It started before I was born. My biological mother was a young, unwed college graduate student, and she decided to put me up for adoption. She felt very strongly that I should be adopted by college graduates, so everything was all set for me to be adopted at birth by a lawyer and his wife. Except that when I popped out they decided at the last minute that they really wanted a girl. So my parents, who were on a waiting list, got a call in the middle of the night asking: "We have an unexpected baby boy; do you want him?" They said: "Of course." My biological mother later found out that my mother had never graduated from college and that my father had never graduated from high school. She refused to sign the final adoption papers. She only relented a few months later when my parents promised that I would someday go to college.
And 17 years later I did go to college. But I naively chose a college that was almost as expensive as Stanford, and all of my working-class parents' savings were being spent on my college tuition. After six months, I couldn't see the value in it. I had no idea what I wanted to do with my life and no idea how college was going to help me figure it out. And here I was spending all of the money my parents had saved their entire life. So I decided to drop out and trust that it would all work out OK. It was pretty scary at the time, but looking back it was one of the best decisions I ever made. The minute I dropped out I could stop taking the required classes that didn't interest me, and begin dropping in on the ones that looked interesting.
It wasn't all romantic. I didn't have a dorm room, so I slept on the floor in friends' rooms, I returned coke bottles for the 5¢ deposits to buy food with, and I would walk the 7 miles across town every Sunday night to get one good meal a week at the Hare Krishna temple. I loved it. And much of what I stumbled into by following my curiosity and intuition turned out to be priceless later on. Let me give you one example:
Reed College at that time offered perhaps the best calligraphy instruction in the country. Throughout the campus every poster, every label on every drawer, was beautifully hand calligraphed. Because I had dropped out and didn't have to take the normal classes, I decided to take a calligraphy class to learn how to do this. I learned about serif and san serif typefaces, about varying the amount of space between different letter combinations, about what makes great typography great. It was beautiful, historical, artistically subtle in a way that science can't capture, and I found it fascinating.
None of this had even a hope of any practical application in my life. But ten years later, when we were designing the first Macintosh computer, it all came back to me. And we designed it all into the Mac. It was the first computer with beautiful typography. If I had never dropped in on that single course in college, the Mac would have never had multiple typefaces or proportionally spaced fonts. And since Windows just copied the Mac, it's likely that no personal computer would have them. If I had never dropped out, I would have never dropped in on this calligraphy class, and personal computers might not have the wonderful typography that they do. Of course it was impossible to connect the dots looking forward when I was in college. But it was very, very clear looking backwards ten years later.
Again, you can't connect the dots looking forward; you can only connect them looking backwards. So you have to trust that the dots will somehow connect in your future. You have to trust in something — your gut, destiny, life, karma, whatever. This approach has never let me down, and it has made all the difference in my life.
My second story is about love and loss.
I was lucky — I found what I loved to do early in life. Woz and I started Apple in my parents garage when I was 20. We worked hard, and in 10 years Apple had grown from just the two of us in a garage into a $2 billion company with over 4000 employees. We had just released our finest creation — the Macintosh — a year earlier, and I had just turned 30. And then I got fired. How can you get fired from a company you started? Well, as Apple grew we hired someone who I thought was very talented to run the company with me, and for the first year or so things went well. But then our visions of the future began to diverge and eventually we had a falling out. When we did, our Board of Directors sided with him. So at 30 I was out. And very publicly out. What had been the focus of my entire adult life was gone, and it was devastating.
I really didn't know what to do for a few months. I felt that I had let the previous generation of entrepreneurs down - that I had dropped the baton as it was being passed to me. I met with David Packard and Bob Noyce and tried to apologize for screwing up so badly. I was a very public failure, and I even thought about running away from the valley. But something slowly began to dawn on me — I still loved what I did. The turn of events at Apple had not changed that one bit. I had been rejected, but I was still in love. And so I decided to start over.
I didn't see it then, but it turned out that getting fired from Apple was the best thing that could have ever happened to me. The heaviness of being successful was replaced by the lightness of being a beginner again, less sure about everything. It freed me to enter one of the most creative periods of my life.
During the next five years, I started a company named NeXT, another company named Pixar, and fell in love with an amazing woman who would become my wife. Pixar went on to create the worlds first computer animated feature film, Toy Story, and is now the most successful animation studio in the world. In a remarkable turn of events, Apple bought NeXT, I returned to Apple, and the technology we developed at NeXT is at the heart of Apple's current renaissance. And Laurene and I have a wonderful family together.
I'm pretty sure none of this would have happened if I hadn't been fired from Apple. It was awful tasting medicine, but I guess the patient needed it. Sometimes life hits you in the head with a brick. Don't lose faith. I'm convinced that the only thing that kept me going was that I loved what I did. You've got to find what you love. And that is as true for your work as it is for your lovers. Your work is going to fill a large part of your life, and the only way to be truly satisfied is to do what you believe is great work. And the only way to do great work is to love what you do. If you haven't found it yet, keep looking. Don't settle. As with all matters of the heart, you'll know when you find it. And, like any great relationship, it just gets better and better as the years roll on. So keep looking until you find it. Don't settle.
My third story is about death.
When I was 17, I read a quote that went something like: "If you live each day as if it was your last, someday you'll most certainly be right." It made an impression on me, and since then, for the past 33 years, I have looked in the mirror every morning and asked myself: "If today were the last day of my life, would I want to do what I am about to do today?" And whenever the answer has been "No" for too many days in a row, I know I need to change something.
Remembering that I'll be dead soon is the most important tool I've ever encountered to help me make the big choices in life. Because almost everything — all external expectations, all pride, all fear of embarrassment or failure - these things just fall away in the face of death, leaving only what is truly important. Remembering that you are going to die is the best way I know to avoid the trap of thinking you have something to lose. You are already naked. There is no reason not to follow your heart.
About a year ago I was diagnosed with cancer. I had a scan at 7:30 in the morning, and it clearly showed a tumor on my pancreas. I didn't even know what a pancreas was. The doctors told me this was almost certainly a type of cancer that is incurable, and that I should expect to live no longer than three to six months. My doctor advised me to go home and get my affairs in order, which is doctor's code for prepare to die. It means to try to tell your kids everything you thought you'd have the next 10 years to tell them in just a few months. It means to make sure everything is buttoned up so that it will be as easy as possible for your family. It means to say your goodbyes.
I lived with that diagnosis all day. Later that evening I had a biopsy, where they stuck an endoscope down my throat, through my stomach and into my intestines, put a needle into my pancreas and got a few cells from the tumor. I was sedated, but my wife, who was there, told me that when they viewed the cells under a microscope the doctors started crying because it turned out to be a very rare form of pancreatic cancer that is curable with surgery. I had the surgery and I'm fine now.
This was the closest I've been to facing death, and I hope it's the closest I get for a few more decades. Having lived through it, I can now say this to you with a bit more certainty than when death was a useful but purely intellectual concept:
No one wants to die. Even people who want to go to heaven don't want to die to get there. And yet death is the destination we all share. No one has ever escaped it. And that is as it should be, because Death is very likely the single best invention of Life. It is Life's change agent. It clears out the old to make way for the new. Right now the new is you, but someday not too long from now, you will gradually become the old and be cleared away. Sorry to be so dramatic, but it is quite true.
Your time is limited, so don't waste it living someone else's life. Don't be trapped by dogma — which is living with the results of other people's thinking. Don't let the noise of others' opinions drown out your own inner voice. And most important, have the courage to follow your heart and intuition. They somehow already know what you truly want to become. Everything else is secondary.
When I was young, there was an amazing publication called The Whole Earth Catalog, which was one of the bibles of my generation. It was created by a fellow named Stewart Brand not far from here in Menlo Park, and he brought it to life with his poetic touch. This was in the late 1960's, before personal computers and desktop publishing, so it was all made with typewriters, scissors, and polaroid cameras. It was sort of like Google in paperback form, 35 years before Google came along: it was idealistic, and overflowing with neat tools and great notions.
Stewart and his team put out several issues of The Whole Earth Catalog, and then when it had run its course, they put out a final issue. It was the mid-1970s, and I was your age. On the back cover of their final issue was a photograph of an early morning country road, the kind you might find yourself hitchhiking on if you were so adventurous. Beneath it were the words: "Stay Hungry. Stay Foolish." It was their farewell message as they signed off. Stay Hungry. Stay Foolish. And I have always wished that for myself. And now, as you graduate to begin anew, I wish that for you.
Stay Hungry. Stay Foolish.
Thank you all very much."

Inviato: 2011/10/8 11:27
_________________
Ognun vede quel che tu pari, pochi sentono quel che tu sei. Niccolò Machiavelli
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Al via la legge Levi: vietati gli sconti sui libri
Daniela
Iscritto il:
2003/1/11 18:31
Gruppo:
webmaster
Messaggi: 2650
Livello : 41; EXP : 11
HP : 200 / 1002
MP : 883 / 34515
Offline
Trovo che sia "bizzarro" che una legge della precedente legislatura sia entrata in vigore solo oggi...
Mi fa pensare...

Stavolta non c'è stato neppure bisogno di fare una legge ad hoc, era già pronta!

Vorrei aggiungere che ormai le piccole librerie sono in via di estinzione, se non del tutto estinte. Nelle grandi/medie città sono tutte Mondadori, Feltrinelli e... non me ne vengono altre in mente. A voi?

Quello che ha scritto Senza mi fa dire che forse, anche quando acquistiamo un libro, dovremmo farlo secondo un principio di acquisto etico.

Primo: per me, libri fatti con carta riciclata. Basta abbattere foreste per stampare. Ci sono metodi alternativi, come l'e-book, allora. Che ha il vantaggio ulteriore di non inquinare per essere trasportato.

Secondo: aiutare i piccoli librai a sopravvivere... Qui il conflitto col proprio risparmio non lascia molte speranze, però. Ma ci si può provare.

Terzo: cercatelo voi un terzo punto, se c'è.

Inviato: 2011/10/6 11:11

Modificato da She-OZoz su 8/10/2011 11:46:10
_________________
Ognun vede quel che tu pari, pochi sentono quel che tu sei. Niccolò Machiavelli
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Quante volte siete stati rifiutati?
Daniela
Iscritto il:
2003/1/11 18:31
Gruppo:
webmaster
Messaggi: 2650
Livello : 41; EXP : 11
HP : 200 / 1002
MP : 883 / 34515
Offline
Chi non conosce il dolore del rifiuto? Almeno una volta nella vita siamo stati tutti rifiutati, in amore, nel lavoro o da qualche editore.
Come dice Senza, è normale chiedersi se si è scritto da cani, tieni conto che c'è una buona dose di casualità in queste cose. Questa casualità la chiamiamo fortuna se ci va bene, sfortuna se ci va male. L'universo funziona così, a caso, ed è per questo che ci appare meschino.

Non ho particolari consigli di saggezza da distribuire, chi mi conosce sa che non sono affatto saggia io però farei così: per ogni rifiuto scegli altri due o tre editori e manda a loro il tuo romanzo. Qui puoi trovare una lista che fa al caso tuo.
Non ti scoraggiare, tieni duro se ci credi davvero. Magari un giorno leggeremo il tuo libro!
Buona fortuna

Inviato: 2011/5/29 11:04
_________________
Ognun vede quel che tu pari, pochi sentono quel che tu sei. Niccolò Machiavelli
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: L'uomo che fissava le capre
Daniela
Iscritto il:
2003/1/11 18:31
Gruppo:
webmaster
Messaggi: 2650
Livello : 41; EXP : 11
HP : 200 / 1002
MP : 883 / 34515
Offline
Ciao Bianchetto. Deve essere un libro interessante, così ho cercato un po' ma come Capre di guerra non è disponibile. Fortunatamente Einaudi lo ha ripubblicato, esattamente con il titolo del film, L'uomo che fissa le capre.
Prendiamo nota... un altro libro da impilare sulla torre altissima di libri che aspettano

Inviato: 2011/5/13 10:18
_________________
Ognun vede quel che tu pari, pochi sentono quel che tu sei. Niccolò Machiavelli
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: libro già pubblicato
Daniela
Iscritto il:
2003/1/11 18:31
Gruppo:
webmaster
Messaggi: 2650
Livello : 41; EXP : 11
HP : 200 / 1002
MP : 883 / 34515
Offline
Diciamo che ogni caso fa storia a sé. Innanzitutto leggi il contratto che hai firmato con la casa editrice a pagamento. Potresti essere vincolato e non potere fare del tuo romanzo quello che vuoi.
In genere le case editrici sono interessate a pubblicare inediti. Alcune tengono anche a specificarlo. Ma ci sono casi di autori che hanno pubblicato la stessa opera con case editrici importanti, dopo essere passati dalla pubblicazione a pagamento.
Ad ogni modo ti sconsiglio di barare...
Ciao

Inviato: 2011/5/5 17:27
_________________
Ognun vede quel che tu pari, pochi sentono quel che tu sei. Niccolò Machiavelli
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: VOLTALACARTA Editrici
Daniela
Iscritto il:
2003/1/11 18:31
Gruppo:
webmaster
Messaggi: 2650
Livello : 41; EXP : 11
HP : 200 / 1002
MP : 883 / 34515
Offline
Ciao Julia!
Ma che bellissima notizia che ci dai: congratulazioni!
Ogni volta che il sogno di un amico si realizza, sono felice come se si trattasse del mio. Se poi questo sogno riguarda i libri, anche di più!
Non vedo l'ora di avere maggiori notizie sul nuovo libro che state per pubblicare e non ti dimenticare di postare l'indirizzo del sito, quando sarà pronto (così vi aggiungiamo all'elenco).

Credo che gli ozoziani siano un po' timidi, ma vedrai che presto si faranno avanti per chiedere info Anzi, sono sicura che già avrete ricevuto molte email. Per chi scrive è molto pratico mandare un manoscritto per email, per voi che dovete stamparli un po' meno. Quindi siete da apprezzare doppiamente. E poi, il fatto che non vogliate contributi a noi di OZoz ci piace!

Che generi intendete pubblicare, quale linea editoriale a grandi linee seguirete?

Un grosso abbraccio, un ancor più grande in bocca al lupo!
Daniela

Inviato: 2011/5/5 17:17
_________________
Ognun vede quel che tu pari, pochi sentono quel che tu sei. Niccolò Machiavelli
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Ferrovie Dimenticate
Daniela
Iscritto il:
2003/1/11 18:31
Gruppo:
webmaster
Messaggi: 2650
Livello : 41; EXP : 11
HP : 200 / 1002
MP : 883 / 34515
Offline
C'è una bella iniziativa che vorrei segnalarvi.
Si tratta della IVa Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate (www.ferroviedimenticate.it) che avrà luogo domenica 6 Marzo.
In tutta Italia, con il sostegno di WWF, Legambiente, Federparchi e Touring Club Italiano, ci saranno circa un'ottantina di eventi di diverso genere per riscoprire ferrovie dismesse, stazioni ferroviarie minori e in disuso, musei dei treni.
Lo trovo suggestivo e in fondo romantico: chi non subisce almeno un po' il fascino di un viaggio in treno?
Sono sicura che c'è almeno un altro ozoziano che la pensa come me!

Questa è la lista regione per regione. Se volete, scrivete a quale parteciperete.

PIEMONTE

* Treno e bici, l'alleanza è possibile
* Mostra "Bricherasio - Barge, treni e binari tra due province"
* In cammino sui binari di Einaudi: da Farigliano a Cherasco...
* La ferrovia Fell del Moncenisio, un treno a Dzalhou
* La stazione nella stazione - Montegrosso d'Asti
* La stazione nella stazione - Dronero

LIGURIA

* Treno e bici per conoscere il territorio
* La Ferrovia Genova Casella
* Mostra on line sulle attività dell'Associazione e del Genio Ferrovieri

LOMBARDIA

* Alla scoperta dei binari perduti...
* Ferrovie dimenticate... e ferrovie recuperate: la pista ciclabile della Valmorea. Pedalata di ricognizione
* Natura e archeologia tra binari e opifici
* A piedi e in bici sulla vecchia ferrovia
* Presentazione lavoro di restauro rotabile storico
* Escursione in treno
* Alla ricerca della Voghera Varzi perduta
* Escursione naturalistica sulla vecchia ferrovia Voghera - Varzi da Voghera a Rivanazzano Terme
* Strade zitte e biciclette parlanti
* Quale futuro?
* Il sogno di un treno - Escursione storica- naturalistica
* RiCicliamo la ferrovia

VENETO

* Il trenino di montagna: "La Cremaliera"
* I Binari del Gusto
* Ferrovie Dimenticate tra Ostiglia e Verona
* Una giornata in stazione
* Biciclettata lungo la ex ferrovia della Valsugana

FRIULI VENEZIA GIULIA

* Attendendo la realizzazione di una Ciclabile a Livello Europeo

EMILIA ROMAGNA

* Sulle tracce del treno
* Apertura Straordinaria del Museo Ferroviario del Genio Ferrovieri Castelmaggiore di Bologna
* Passaggi di stato: dal deposito alla galleria
* Corridoio ciclabile Bologna - Verona

MARCHE

* Trekking urbano a Fossombrone
* Sulle Tracce dell'antica Ferrovia Porto S. Giorgio - Fermo - Amandola
* Presentazione del libro "Traversine. 50 km a piedi da Fano a Urbino lungo la ferrovia Metaurense" di Massimo Conti
* Una via ecologica per il turismo e l’ambiente

TOSCANA

* La Via della Gremagliera di Volterra
* Alla scoperta delle gallerie della vecchia F.A.C.
* Passeggiata sui luoghi del Trammino
* In bici sulla ex Pontremolese
* Abbracciamo la Marmifera
* Sulle tracce della ferrovia Massa - Follonica
* Al mare in Bici lungo la via del Trammino

UMBRIA

* Pagina di discussione su FaceBook: sulle problematiche del trasporto ferroviario a Spoleto
* Pagina di discussione su FaceBook sui trasporti Umbri del comprensorio Fossato di Vico - Gubbio - Urbino
* Mostra online dell'ex ferrovia Fossato di Vico - Gubbio - Arezzo
* Espozione online delle problematiche trasportistiche del bacino di Spoleto
* Cuci in Bici le Ferrovie Dimenticate
* Spoleto - Norcia: ingresso lento al Parco Nazionale dei Sibillini
* Spoleto - Norcia: visite guidate al museo della ferrovia di Spoleto e al viadotto di Cortaccione con carrozza a cavallo
* Treno natura ed energia incontro pubblico: Il patrimonio naturalistico, archeologico e storico-culturale di Marmore

LAZIO

* Mostra online nel sito www.pietrangeli.net di libri, articoli e studi del Colonnello Mario Pietrangeli
* Mostra di cultura ferroviaria a Passo Corese di Fara Sabina dedicata all'Unità d'Italia
* A cavallo sul tracciato Capranica - Civitavecchia
* A piedi sulla Via Francigena
* Capranica - Civitavechia in bici
* Ferrovia dell'Allume
* Mostra on line sulla ferrovia Velletri - Sezze - Sonnino - Terracina
* Album fotografico relativo a interventi ferroviari in Bosnia, Kossovo e Albania
* Il magazzino merci, le ferrovie dimenticate del Lazio ed il modellismo ferroviario
* La vecchia ferrovia Roma Fiuggi

ABRUZZO

* Un brindisi per il Parco
* Una staffetta per il Parco Nazionale della Costa Teatina

MOLISE

* Passeggiata sulla Transiberiana d'Italia
* Mostra on line delle foto e dei testi ferroviari degli Amici della Ferrovia LeRotaie-Molise

CAMPANIA

* 150 anni dell'Unità d'Italia: Il treno, non l'aereo, ha fatto l'Italia
* La valle dei Tre Ponti
* Mostra online sulla linea ferroviaria Avellino - Rocchetta
* Trenotrekkingferroviario Salerno - Polla - Pertosa

PUGLIA

* Poesie ferroviarie
* Le Ruote per il Futuro Cicloescursione lungo la linea Maglie - Otranto delle Ferrovie del Sud-Est
* Una Giornata al Museo... Ferroviario!
* Parco delle Dune Costiere
* I Cicloamici Lecce al Museo Ferroviario di Lecce e alla Stazione di Zollino
* Trekking lungo la ferrovia militare dismessa del Mar Piccolo di Taranto

BASILICATA

* Passeggiata in bicicletta - Trekking da Abriola a Monteforte

CALABRIA

* Linea ferroviaria jonica: un illustre passato ma... il presente?

SICILIA

* La ferrovia della valle Alcantara: la stazione di Randazzo
* La ferrovia del Vino: la stazione di Marzamemi
* La Via dello Zolfo "A Piducchiusa"
* Mobilità lenta: la vecchia ferrovia di montagna della provincia di Enna
* Ferrovia fra cultura, arte e artigianato
* A spasso... nel Belìce
* La vecchia linea di Valico dei Peloritani (Messina - Villafranca Tirrena): ricognizione per immagini dello stato dei luoghi e dell'infrastruttura ferroviaria

SARDEGNA

* Escursione sul treno Isili - Belvì: laboratorio itinerante di mobilità sostenibile e valorizzazione del paesaggio
* 4° Giornata delle Ferrovie Dimenticate "per non dimenticare"
* Mostra online "ferrovie, miniere sarde dimenticate"
* Escursione in bicicletta sulla pista ciclabile Isili Barumini
* Mostra "Viaggiando per rotaie"

Inviato: 2011/3/3 17:49
_________________
Ognun vede quel che tu pari, pochi sentono quel che tu sei. Niccolò Machiavelli
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci



 Inizio
(1) 2 3 4 ... 111 »




Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
News011
Iscritti026
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 12 utente(i) online (6 utente(i) in Forum)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 12

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 0
Ieri: 2
Totale: 5173
Ultimi: bereniceblog

Utenti Online:
Ospiti : 12
Membri : 0
Totale: 12
Lista Utenti [Popup]

© 1999-2014 OZoz.it - P.I. 02878050737