logo
 
OzBlogOz

Link sponsorizzati

Pubblicizza un corso o un concorso Vuoi pubblicizzare un corso di scrittura o di editoria o un concorso letterario su OZoz.it? Clicca qui!

Concorsi Letterari

Writers' Rooms



LaboraTorio is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of InBox Solutions (http://www.inboxsolutions.net)
Laboratorio > Scrivi una storia per Meggy > I SOGNI DI ANGELA - BUON HALLOWEEN A TUTTI


I SOGNI DI ANGELA - BUON HALLOWEEN A TUTTI
Pubblicato da Sciafab1974 il 31/10/2006 (2457 letture)
vorrei ringraziare l'utente "insolita"

Avevo scritto questo racconto per un concorso letterario sul genere horror ma è stato bocciato con la seguente motivazione "non e' un genere horror".
Probabilmente io non conosco l'horror se non quello quotidiano, di tutti i giorni, quando prendo la metro, l'autobus, parlo col vicino di casa. Il mondo sovrannaturale non mi ha mai fatto paura neanche quando ero piccolo e leggevo i fumetti.

Le persone non sono mai quello che sembrano.
Angela, a cinque anni, aveva già imparato e fatto suo l’insegnamento dei genitori:
Non allontanarsi da loro.
Non parlare agli sconosciuti.
Non prendere caramelle dagli estranei.
A cena, il televisore, le mostrava sereno immagini di guerre, sangue coagulato nella
polvere, lacrime disperate e lugubri cortei di vedove nere.
Nel lettino, la sera, le fiabe di Angela raccontavano di bambini rapiti a cui era stato strappato il
cuore e cavati gli occhi, per poi venderli ad altri bimbi ricchi e malati.
“Il mondo è pieno di gente cattiva. Buonanotte”
Nonostante tutto, Angela, riusciva a dormire.
La città, dopo mezzanotte, è rigonfia di vampiri, zombi e lupi mannari che non
aspettano altro che azzannare la carne tenera e profumata di talco dei bambini.
“Ora dormi amore”
“mi lasci la luce accesa?”
Gli zombi l’avevano spinta giù per la scala mobile ed ora, sola, piangeva davanti
alla fredda luce blu del distributore di merendine.
La metro era appena passata, spostando sospiri di aria gelida.
Angela non era una bambina normale, poteva essere una di loro, una metastasi, un
virus o semplicemente invisibile.
Un ragno nero, gonfio di pus e peloso, vide una bambina indifesa. Strisciò fuori
dalla tana buia e allungò le zampe viscide verso le guance paffutelle.
Angela singhiozzava piangendo nel letto.
Voleva svegliarsi, voleva uscire dal nero, voleva…
“Perché sei entrata nel mio incubo?”
Il ragno le prese la manina e l’accompagnò fuori dal pozzo in cui era scivolata,
l’adagiò nel lettino, le rimboccò le coperte.
L’odore dolce dei biscotti caldi la svegliò e Angela corse in cucina.
“Mamma, ho paura, non voglio essere cattiva”
“Ma tu non sei cattiva, sei una brava bambina che vuole bene a mamma e papà; gli
altri sono cattivi, solo gli altri, gli altri…”

Sfoglia i testi
Precedente Il gatto sul balconcino
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Insolita
Inviato: 8/11/2006 11:51  Aggiornato: 8/11/2006 11:51
Just popping in
Iscritto: 21/7/2006
Da:
Inviati: 47
 Re: I SOGNI DI ANGELA - BUON HALLOWEEN A TUTTI
ho visto adesso il tuo ringraziamento, ma è tutto solo merito tuo.
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Newsletter

Se vuoi ricevere la segnalazione di 1.000 bandi di concorsi letterari l'anno, iscriviti alle nostre newsletter Corsi&Concorsi!


Novità
  O  I  S 
Iscritti3356553
Oggi · Ieri · Settimana

Utenti Online 47 utente(i) online (1 utente(i) in Laboratorio)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 47

Altro...

Membri Membri:
Oggi: 33
Ieri: 115
Totale: 6193
Ultimi: LarhondaPh

Utenti Online:
Ospiti : 47
Membri : 0
Totale: 47
Lista Utenti [Popup]

© 1999-2017 OZoz.it