Indice Autori
A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Chuck Palahniuk

Diary

Oggi ha chiamato un signore da Long Beach. Ha lasciato un lungo messaggio in segreteria, sussurrando e gridando, parlando lentamente e poi veloce, imprecando e minacciando di chiamare la polizia, di farti arrestare.

Chuck Palahniuk - Diary - Edimar, trad. Matteo Colombo

Fight Club

Tyler mi trova un posto da cameriere, dopodiché c'è Tyler che mi caccia una pistola in bocca e mi dice che il primo passo per la vita eterna è che devi morire. Per molto tempo però io e Tyler siamo stati culo e camicia. La gente sempre a chiedermi se sapevo o no di Tyler Durden.

Chuck Palahniuk - Fight Club - Edimar, trad.Tullio Dobner

Invisible monsters

Ecco dove dovresti essere, a un grande ricevimento di nozze in una enorme villa di West Hills, composizioni floreali e funghi farciti sparsi per tutta la casa. Questa si chiama ambientazione di scena: dove ci sono tutti, chi è vivo, chi è morto. Questo è il grande momento di Evie Cottrell al suo ricevimento nuziale. Evie è in piedi a metà della grande scalinata nell'atrio della villa, nuda dentro quel che rimane del suo vestito da sposa, col fucile ancora in mano.

Chuck Palahniuk - Invisible monsters - Mondadori, trad. Manuel Rosini

Ninna nanna

All'inizio i nuovi proprietari dicono di non aver mai fatto caso al pavimento del salotto. L'hanno visto mille volte, certo, ma non ci hanno mai fatto caso. Non la prima volta che hanno visitato la casa. Non quando quello dell'agenzia gli ha fatto fare il giro. Loro si sono limitati a prendere le misure delle stanze spiegando agli operai dove piazzare divano e pianoforte, e poi hanno portato dentro le loro cose, ma senza mai fare caso al pavimento del soggiorno. Questo è quello che dicono.

Chuck Palahniuk - Ninna nanna - Mondadori, trad. Matteo Colombo