Grazia Deledda

Maria Grazia Cosima Deledda (Nuoro, 27 settembre 1871 – Roma, 15 agosto 1936) è stata una scrittrice italiana, nata in Sardegna e vincitrice del Premio Nobel per la letteratura nel 1926.
Nacque a Nuoro, penultima di sei figli, in una famiglia benestante. Il padre, Giovanni Antonio, era un imprenditore e agiato possidente, fu poeta improvvisatore e sindaco di Nuoro nel 1892; la madre, Francesca Cambosu, era una donna religiosissima e allevò i figli con estremo rigore morale. Dopo aver frequentato le scuole elementari venne seguita privatamente da un professore ospite di una sua parente che le impartì lezioni di italiano, latino e francese; i costumi del tempo non consentivano alle ragazze una istruzione completa oltre quella primaria e in generale degli studi regolari.
Successivamente approfondì, da autodidatta, gli studi letterari. Importante per la formazione letteraria di Grazia Deledda, nei primi anni della sua carriera da scrittrice, fu l'amicizia con lo scrittore sassarese Enrico Costa che per primo ne comprese il talento.

Esordì come scrittrice con alcuni racconti pubblicati sulla rivista "L'ultima moda" quando affiancava ancora alla sua opera narrativa quella poetica.
Nell'azzurro, pubblicato da Trevisani nel 1890 può considerarsi la sua opera d'esordio.
Nel 1900, sposò Palmiro Madesani, funzionario del Ministero delle Finanze conosciuto a Cagliari nell'ottobre del 1899 la scrittrice si trasferì a Roma e in seguito alla pubblicazione di Anime oneste del 1895 e di Il vecchio della montagna del 1900, oltre alla collaborazione sulle riviste "La Sardegna", "Piccola rivista" e "Nuova Antologia", la critica inizia ad interessarsi alle sue opere, che vantano prefazioni di nomi quali Ruggero Bonghi e Luigi Capuana.

Nel 1903 pubblica Elias Portolu che la conferma come scrittrice e la avvia ad una fortunata serie di romanzi e opere teatrali: Cenere (1904), L'edera (1906), Sino al confine (1911), Colombi e sparvieri (1912), Canne al vento (1913), L'incendio nell'oliveto (1918), Il Dio dei venti (1922).

La narrativa della Deledda si basa su forti vicende d'amore, di dolore e di morte sulle quali aleggia il senso del peccato, della colpa, e la coscienza di una inevitabile fatalità.
È stata ipotizzata una somiglianza con il verismo di Giovanni Verga ma, a volte, anche con il decadentismo di Gabriele D'Annunzio, oltre alla scrittura di Lev Nikolaevic Tolstoj e di Honoré de Balzac di cui tra l'altro la Deledda tradusse in italiano l'Eugenia Grandet.
Tuttavia la Deledda esprime una scrittura personale che affonda le sue radici nella conoscenza della cultura e della tradizione sarda, in particolare della Barbagia.

Notizie tratte da Wikipedia - Testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo



DOWNLOAD

Amori moderni


29

 

Canne al vento


134


140

casa del poeta (La)


121

 

cedro del Libano (Il)


115

 

Cenere


157

 

Chiaroscuro


130

 

chiesa della solitudine (La)


117


168

Colombi e sparvieri


183

 

Cosima


96


104

dono di Natale (Il)


55

 

edera (L')


126

 

Elias Portolu


102

 

fanciullo nascosto (Il)


117

 

Fior di Sardegna


146


151

flauto nel bosco (Il)


95

 

giuochi della vita (I)


114

 

giustizia (La)


139

 

incendio nell'oliveto (L')


118


145

madre (La)


78


96

Marianna Sirca


115

 

Nel deserto


149


156

Nell'azzurro


68

 

nonno (Il)


91

 

ospite (L')


48

 

paese del vento (Il)


77

 

Racconti sardi


61

 

regina delle tenebre (La)


64

 

ritorno del figlio. La bambina rubata (Il)


104


98

sigillo d'amore (Il)


122

 

tentazioni (Le)


93

 

vecchio della montagna (Il)


104

 

vigna sul mare (La)


130